Sì, le donne di colore supportano Bernie Sanders. È tempo di smettere di cancellare le nostre voci.

Politica

In questo editoriale, l'attivista e il surrogato di Sanders sostiene che Sanders è l'unico candidato in grado di apportare un cambiamento di trasformazione.

Di Linda Sarsour

11 novembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
WireImage
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Come musulmana palestinese americana, donna di colore e organizzatore nata a Brooklyn, ho combattuto per anni per le esigenze della mia comunità e di altre comunità di colore.





Quindi, quando il senatore Bernie Sanders è stato candidato alla presidenza nel 2016 su una piattaforma per difendere la giustizia razziale ed economica per tutti, sostenere la sua candidatura è stata una decisione facile. Quando la sua campagna ha suscitato un movimento negli anni seguenti, ho continuato la lotta in tutta l'America con altri candidati e cause impegnate nel progresso. E quando Sanders ha lanciato la sua campagna per il 2020, mi sono unito come surrogato nazionale per continuare la rivoluzione politica che avevamo costruito insieme.

Ma sia nel 2016 che nel 2019, le mie decisioni sono state messe in dubbio e messe in discussione. Altri democratici non sono riusciti a capire perché persone come me - una donna progressista di colore che sostiene la rappresentanza - sosterrebbero un bianco di 78 anni come presidente. Anche molte donne di colore in tutto il paese si trovano in questa trappola: ci viene detto che le nostre voci contano e le nostre preoccupazioni devono essere amplificate, ma contemporaneamente ci troviamo a dover difendere le nostre decisioni.

bella thorne cute

Le donne del congresso Alexandria Ocasio-Cortez e Ilhan Omar hanno entrambi sostenuto con entusiasmo la campagna di Sanders e sono state recentemente affiancate da Rashida Tlaib, scioccanti democratici che hanno predicato per anni la narrativa di 'Bernie bro'. Ma per alcune donne di colore in tutto il paese, l'approvazione ha semplicemente affermato ciò che già sapevamo: Sanders è l'unico candidato che porterà il cambiamento di trasformazione di cui il nostro Paese ha bisogno con urgenza.

Ocasio-Cortez e Omar comprendono questa necessità di cambiamento a livello viscerale. Come donne di colore, siamo gli americani a sostenere i più alti livelli di debito studentesco di qualsiasi fascia demografica, secondo un rapporto di quest'anno dell'American Association of University Women. Siamo tra gli americani che soffrono in modo sproporzionato senza l'assicurazione sanitaria. Siamo gli americani più colpiti dagli alti costi delle abitazioni e più gravati dalla disparità di reddito. E noi siamo gli americani che trarrebbero maggiori benefici dall'aumento del salario minimo e dall'emancipazione dei movimenti dei lavoratori in tutto il paese. È per questi motivi che le giovani donne sono state trovate da un Economista analisi per formare un nucleo più ampio della base di Sanders rispetto agli uomini - e meno della metà dei suoi sostenitori sono bianchi, secondo un rapporto del August Pew Research Center.

Ad affiancare Omar e Ocasio-Cortez nel loro supporto ci sono San Juan, Portorico, il sindaco Carmen Yulin Cruz, l'ex senatrice dello stato dell'Ohio Nina Turner, la senatrice dello stato di New York Jessica Ramos, la professoressa e autrice di Princeton Keeanga-Yamahtta Taylor e il candidato al congresso del Missouri Cori Bush - solo alcune delle migliaia di donne di colore che sostengono, fanno volontariato e donano per garantire che Sanders sia il prossimo presidente degli Stati Uniti.

Supportiamo Sanders perché sostiene costantemente le nostre voci, le nostre preoccupazioni e le nostre comunità. Le sue politiche parlano alle donne di colore in modi significativi - ma è la sua volontà di elevare e coinvolgere le comunità di colore che hanno davvero creato un movimento (lo scorso settembre, Sanders è stato l'unico candidato che ha costantemente votato tra i primi cinque candidati per partecipare a quest'anno Conferenza della Islamic Society of North America e partecipare al suo forum presidenziale ospitato alla conferenza da una coalizione di organizzazioni musulmane, tra cui Emgage USA). Sebbene ci siano altri grandi candidati in corsa, Bernie è l'unico che ha costruito un movimento che sopravviverà a qualsiasi campagna individuale.

casser des bottes de combat

Le donne di colore sono esauste dal sopportare i pesi sproporzionati della disuguaglianza - e con così tanto in gioco in queste elezioni, siamo esausti dal dover spiegare noi stessi. Ogni volta che la nostra scelta per la presidenza viene screditata, la nostra agenzia di donne di colore viene eliminata. Ogni volta che le persone fanno eco alla narrativa palesemente falsa di 'Bernie bro', cancellano anche le nostre voci.

Indipendentemente da chi sia il candidato democratico, non esiteremo a sostenerli nell'estate del 2020. Ma sostenendo Sanders in primis, le donne di colore stanno semplicemente continuando la lotta per la giustizia che abbiamo guidato per generazioni.

Certamente, le nostre voci sono state denigrate e scontate nella storia americana mentre abbiamo combattuto per il progresso. Ma è il 2019 - e invitiamo i nostri colleghi democratici a fare meglio.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Bernie Sanders condivide il suo piano per una rivoluzione della classe operaia