Xiye Bastida si apre sui costi personali dell'attivismo nel documentario 'We Rise'

Politica

Xiye Bastida si apre sui costi personali dell'attivismo nel documentario 'We Rise'

I sacrifici sono reali.

19 dicembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Xiye Bastida manca alla sua famiglia, agli amici e al tempo libero. Negli ultimi anni, la diciassettenne si è dedicata alla sensibilizzazione sulla crisi climatica, saltando settimane di scuola per assistere alle proteste e recarsi a Washington, DC per riunioni. Ha dovuto perdere due SAT e finire le domande del college in ritardo. Ma Xiye, che recita Teen Vogue e Definire il nuovo mini-documentario americano 'We Rise', ritiene che non abbia altra scelta. Il Teen Vogue 21 L'onorevole Under 21 2019 si è trasferito negli Stati Uniti dal suo nativo Messico a causa delle inondazioni che devastano la sua città natale e sa che le acque in aumento la seguiranno a New York City. Se non prende una posizione, chi lo farà?

'È difficile quando dicono: sei il leader, cambierai il mondo', ha detto. 'Ed è difficile quando le persone dicono che abbiamo bisogno di più persone come te, e non aumentano per essere quelle persone'.

ruby woo peau foncée

'We Rise' ci porta a casa di Xiye, mostrandole vivaci conversazioni a cena con la famiglia e gli amici dell'organizzazione del clima di Venerdì per il futuro. La vediamo sul palco con l'ex vicepresidente Al Gore, e canta in prima persona fuori dalle Nazioni Unite con Greta Thunberg e altri giovani attaccanti del clima. Il documentario offre uno sguardo intimo sulla vita di un'attivista adolescente e su come trova la forza per andare avanti.

Come dice Xiye, il movimento per il clima giovanile sta lottando per 'assicurarsi che non siamo l'ultima generazione'.

'Nessuno pensava che i giovani sarebbero sorti', ha detto. 'Tutti dicono sempre', ho pensato che la tua generazione fosse sui loro social media e che ti offendessi così facilmente e non ti uniresti mai. Ma vedere che non siamo noi - che siamo forti e stiamo insieme e stiamo facendo il cambiamento - è così potente '.

'Siamo la Gen Z e chi ha scelto quel nome per noi'? Xiye aggiunge alla fine del documentario. 'Z è l'ultima lettera dell'alfabeto. Rappresenta la fine di qualcosa. So che la mia generazione non ha scelto quel nome. Lo hanno fatto gli adulti. E così stiamo riformulando il significato della Gen Z e dicendo che sarà l'inizio di qualcosa di nuovo. E non ci fermeremo finché non saremo noi stessi in queste sale del potere '.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: 9 attivisti climatici di colore di cui non hai sentito parlare

Université frankie jonas belmont