L'annuncio della campagna razzista di Trump non dovrebbe scioccare nessuno

Politica

L'annuncio della campagna razzista di Trump non dovrebbe scioccare nessuno

È esattamente sul marchio.

chandails de Noël élégants
1 novembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
BRENDAN SMIALOWSKI
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Il presidente Donald Trump ha twittato una campagna pubblicamente razzista cinque giorni prima delle elezioni di medio termine del 2018.

Nel video - prodotto per la campagna di Trump, secondo la CNN - Trump e il Partito repubblicano hanno annunciato un nuovo slogan, dicendo che stanno 'rendendo l'America di nuovo sicura' e accusando i democratici di complottare per aiutare i migranti, compresi quelli nella carovana Trump è stato delirando davanti agli intermedi.

Sul posto, sono incluse storie raccolte a ciliegia che descrivono assassini tra la popolazione migrante e immagini di persone che cercano di sfondare recinzioni e cancelli. Presentando il caso di un immigrato senza documenti condannato per aver ucciso due deputati dello sceriffo, l'annuncio dice: 'I democratici lo hanno lasciato entrare nel nostro paese. I democratici lo lasciano stare '.

Questo tipo di razzismo razzista non è una novità per il presidente, che ha annunciato la sua campagna del 2016 chiamando letteralmente stupratori immigrati privi di documenti (non pensate mai alla sua copertura con 'e alcuni, presumo, sono brave persone'). Ma molti riescono ancora a rimanere scioccati: il titolo della CNN sull'annuncio recita: 'Trump sciocca con nuovi annunci razzisti giorni prima degli intermediari'.

https://twitter.com/brianstelter/status/1057985350600216576

Questo titolo è stato applaudito per la sua posizione forte.

Ma non è scioccante o sorprendente che il presidente utilizzi questa tattica per vincere le elezioni. È esattamente sul marchio, data la storia del razzismo di Trump. In particolare, le posizioni del presidente sull'immigrazione - in particolare la sua politica di separazione familiare - sono state a lungo rivolte ai latini.

Forse l'unica cosa meno scioccante del coinvolgimento di Trump nel razzismo per guadagno politico è un repubblicano che lo fa. Questo tipo di paura non è una novità per i conservatori. Solo a metà del 2018, il candidato governativo della Florida Andrew Gillum, il candidato governativo della Georgia Stacey Abrams e il candidato congressuale di New York (ed ex rapper) Antonio Delgado - tutti neri - sono stati attaccati da pubblicità che impiegavano tropi razzisti, come documentato da Il New York Times. Anche il playbook non è nuovo per il diritto; un esempio notevole è accaduto tre decenni fa e potrebbe fornire una finestra sul futuro.

https://twitter.com/poniewozik/status/1057978713718120448

Indietro durante le elezioni presidenziali del 1988, un annuncio finanziato dai sostenitori del George H.W. La campagna di Bush ha descritto i crimini di Willie Horton, un condannato assassino che ha commesso stupri mentre era in un programma in Massachusetts sostenuto dall'allora candidato democratico e dal governatore del Massachusetts Michael Dukakis. Il punto di quell'annuncio era dipingere Dukakis come debole per il crimine e mostrare che Bush avrebbe reso il paese più sicuro. L'annuncio è ampiamente considerato come una delle pubblicità politiche più razziste nella storia degli Stati Uniti, nonostante l'ultima entrata di Trump in quel canone.

E anche se l'annuncio stesso non proveniva direttamente dalla campagna di Bush, Bush si è appoggiato a questo. Come scrisse il giornalista Roger Simon nel 1990 sulla campagna del 1988, Bush iniziò a interpretare Dukakis come 'un liberale che riscuote le tasse che ha lasciato gli assassini fuori di prigione'. Ha continuato a menzionare Horton per nome nel percorso della campagna. Proprio come Trump fa nel suo nuovo posto, Bush ha incolpato il suo avversario democratico per i crimini.

Anche dopo l'annuncio di Horton, Bush è talvolta considerato uno statista anziano molto distinto, un atto critico che chiama 'riabilitazione dell'immagine'.

lupita nyong'o a rencontré le gala 2019

L'ultima pubblicità di Trump non ci mostra nulla di nuovo - non una nuova parte del presidente, e certamente non una nuova parte del suo partito.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Il razzismo di Donald Trump non dovrebbe sorprenderti