Il documentario di Toni Morrison fa luce su come giocoleria maternità e la scrittura di libri iconici

Cultura

Il documentario di Toni Morrison fa luce su come giocoleria maternità e la scrittura di libri iconici

Sarai davvero commosso.

28 giugno 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Jack Mitchell / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Non capita spesso che alcuni dei più grandi creatori del nostro tempo, indipendentemente dal loro mezzo artistico, abbiano l'opportunità di raccontare i dettagli intimi della loro ascesa. Fortunatamente per noi, il nuovo documentario su Toni Morrison, I pezzi che sono, diretto da Timothy Greenfield-Sanders, fornisce intuizioni intime e intriganti nel mondo di uno degli scrittori più influenti e che spingono i confini.

hymen briser le saignement

Il film presenta la stessa Morrison e alcuni colleghi e amici molto influenti, tra cui Angela Davis, Sonia Sanchez, Fran Lebowitz e Oprah Winfrey, che riflettono sulla vita di Morrison, sull'educazione e sulle costanti fonti di incidenti e ispirazione che hanno contribuito a trasformarla carriera come professore di inglese in un autore vincitore del premio Nobel e uno dei migliori interpreti culturali della vita americana nera.

Di seguito sono riportati quattro fatti che abbiamo appreso sulla vita, l'etica del lavoro e l'impulso interiore di Morrison durante la visione I pezzi che sono.

Alcune delle storie di maggior successo di Toni sono state influenzate da eventi della vita reale -

Primo romanzo pubblicato di Morrison, anni '70 L'occhio più blu, racconta la storia di una giovane ragazza nera di nome Pecola, che vive in una famiglia e in una comunità che non supportano e si sente brutta, inferiore e insicura a causa della sua pelle scura e di altre caratteristiche; più che altro desidera essere bella e con gli occhi azzurri, come le sue bambole giocattolo. La storia di Pecola è stata ispirata da una vera conversazione che Morrison ha avuto con uno dei suoi amici d'infanzia che era cresciuto, che le aveva confidato che ogni giorno pregava per gli occhi blu in modo da non solo sentirsi bella ma amata, accettata e orgogliosa. 'Che dolore per una bambina di 11 anni pensare che se avesse una caratteristica del mondo bianco che starebbe bene,' disse Morrison, riflettendo su quella conversazione.

L'occhio più blu mise Morrison su un percorso letterario che avrebbe seguito per tutta la sua carriera: mettere le donne e le ragazze nere in prima linea nelle sue narrazioni, una tattica che nessun altro scrittore, bianco o nero, stava facendo in quel momento. 'Ogni libro che leggo su giovani ragazze nere - erano oggetti di scena ... barzellette', disse Morrison. 'Nessuno li ha presi sul serio, mai'.

Non ha mai temuto la critica bianca e non si è mai occupata dello sguardo bianco nella sua scrittura -

aladdin will smith blue

Morrison non evitò mai il fatto che i suoi scritti non riguardassero solo la vita e le persone di Black, ma intenzionalmente per i lettori e il consumo di Black, una decisione creativa che i primi critici di Morrison non capirono. Quando il suo secondo romanzo, Sula - una storia che descriveva in dettaglio la complessità delle relazioni tra donne di colore - è stata rilasciata, Sara Blackburn di Il New York Times ha affermato che i personaggi e la trama della trama sono crollati a causa della mancanza di figure e ambientazioni non nere di Morrison nel romanzo.

'Nonostante la ricchezza di (Sula) e la sua completa originalità, si sente continuamente la sua ristrettezza, il suo rifiuto di immergersi nel mondo al di fuori del suo contesto provinciale', ha scritto Blackburn. Ma Morrison non fu mai infastidito dalle critiche; spesso lo spazzolava, rispondendo: 'Non volevo parlare per I neri - Volevo parlare con e tra loro. Quindi la prima cosa che dovevo fare era eliminare lo sguardo bianco. (I critici hanno risposto) come se le vite (nere) non avessero profondità o significato senza il bianco (esistenza ').

Ha visto la scrittura e il suo ruolo originale come montatrice come propria forma di attivismo -

Prima che decollasse la carriera di Morrison, ha lavorato come montatrice per Random House, dove è diventata la loro prima montatrice senior per le donne di colore. Il ruolo in Random House ha permesso a Morrison di ottenere finalmente supporto per il suo lavoro e la sua scrittura e l'opportunità di elevare e promuovere le storie di molteplici e significative figure culturali nere dell'epoca. Morrison ci ha fornito le biografie di Angela Davis, Muhammad Ali, e anche concettualizzate e curate Il libro nero, un'antologia unica nel suo genere che descriveva in dettaglio la vita e la storia della vita nera americana dalla schiavitù agli anni '70. Morrison vide la sua capacità di elevare le parole e le voci nere come una forza di attivismo e resistenza culturale che poteva resistere alla prova del tempo, piuttosto che scendere in piazza giorno dopo giorno al culmine del movimento per i diritti civili. 'Pensavo fosse importante che le persone fossero nelle strade, ma non poteva durare', ha detto Morrison. 'Sarebbe mio compito pubblicare le voci, i libri, le idee degli afro-americani - e quello sarebbe durato'.

Annuncio pubblicitario

Ha scritto semplicemente perché è quello che le occorreva e che voleva.

Scrivere era chiaramente il talento naturale di Morrison, ma ciò non significava che tutto nella sua vita fosse perfettamente allineato in modo da poter produrre senza fatica il catalogo di romanzi per cui è ora conosciuta. Si destreggiava tra insegnamento, editing e scrittura - e Morrison era una madre single che cresceva due figli. Durante il documentario, Angela Davis ricorda come Morrison sarebbe stata nel mezzo della colazione o della guida nel traffico di New York e, senza battere ciglio, avrebbe trovato il pezzo di carta più vicino per scarabocchiare qualunque prosa o passaggio le stesse attraversando la mente.

sites à éclater

La scrittura prioritaria di Toni - ma anche l'essere una madre eccezionale.Morrison rifletté su quanto le sue giornate potessero essere caotiche mentre equilibrava la sua carriera e la sua maternità, ma in ogni caso continuava a scrivere come centro e scopo. 'Ricordo di essermi seduto nel mio ufficio a Random House con un blocco note e (I) ho annotato sul lato sinistro tutto ciò che dovevo fare: mamma i tuoi figli, vai al negozio, paga le bollette, modifica questo, scrivi questo - e copriva la pagina ', disse Morrison. 'E poi ho detto,' Di quel numero, che cosa fai avere fare?' E c'erano solo due cose. Mamma, figli miei, e scrivi '.