Tomi Adeyemi si apre su 'Figli della virtù e della vendetta'

Cultura

Tomi Adeyemi si apre su 'Figli della virtù e della vendetta'

'Il secondo libro è una storia di individui con potere che affronta le realtà del sistema in cui sono intrappolati'.

28 dicembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Liz Coulbourn
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Ormai, siamo tutti abituati a conoscere quei successi di successo di YA. Il tipo che ottiene enormi affari multi-libro, diciamo, o diventa la prima serie di Lucasfilm a non avere mai interpretato Harrison Ford. Ma mentre quello di Tomi Adeyemi Figli di sangue e ossa la serie è diventata tutte queste cose, ciò di cui deve essere noto è ciò che descrive: e non solo la rappresentazione, il tipo di volti di cui leggeremo e un giorno vedremo sullo schermo, ma il genere di storia è. Non solo diversificato, ma profondo. Non un buon gioco di fantasia vecchio stile, ma uno specchio che ci regge, e il mondo reale e crudele in cui viviamo.

tana mongeau dating bella thorne

Figli di sangue e ossa ci introduce nella terra di Orisha e un gruppo etnico chiamato il acqua: ragazzi e ragazze con la pelle scura e i capelli bianchi come la neve, che hanno ereditato il potere della magia e i cui genitori sono stati uccisi in un atto di genocidio dal re di Orisha. La serie è incentrata su tre protagonisti: Zelie, a acquae i figli del re, Inan e Amari. Lungi dall'essere un racconto di spade e draghi leggero e arioso - sebbene sia, per essere chiaro, molto divertente - la serie di Adeyemi è, come dice l'autore Teen Vogue, 'un'allegoria per la moderna esperienza nera'.

Questo è un mondo costruito sull'oppressione e sul razzismo e un ouroboros di odio che continua all'infinito. Ma quando la magia inizia a tornare nel mondo di Orisha, e si trova imbevuta nel principe, di tutte le persone, scopriamo che le linee facili del bene e del male, o della violenza e della vittima, sono molto più complesse di quanto immaginassimo - che qualcosa deve cambiare, fondamentalmente, affinché questi cicli di violenza si fermino.

Per celebrare l'uscita della seconda delle tre puntate, Figli della virtù e della vendetta, abbiamo parlato con l'autore Toni Adeyemi della creazione del suo universo allegorico, dei limiti dell'esperienza e dell'empatia e delle sorprese che ha ancora in serbo.

jeune mitch mcconnell 1980

Teen Vogue: È sempre affascinante sentire dal creatore di un universo fantasy, di come hanno inventato i vari sistemi di cultura e magia che noi, come lettori, adoriamo approfondire. Cosa ti ha portato a creare questo mondo e il diverso acqua, come sono?

Tomi Adeyemi: Il mondo di Orisha è una miscela della mia eredità nigeriana, le ricche religioni e mitologie che derivano dall'orisha, i miei mondi fantasy preferiti e il desiderio di vedere un ambiente fantastico che celebra l'oscurità. Sono stato un amante delle storie e dei mondi magici da quando ero un bambino, ma ho passato tutta la mia infanzia e la prima età adulta senza aver mai visto qualcuno come me in una di quelle ambientazioni. La prima volta che ho incontrato l'orisha, ero in un negozio di articoli da regalo a Salvador, in Brasile. Vidi un'immagine di Sango - un uomo di colore dalla pelle scura che respirava fuoco - proprio accanto a Yemoja, una bellissima donna di colore che comandava gli oceani. Era la prima volta che vedevo l'oscurità dipinta in un modo così bello, fantastico e sacro, e faceva esplodere i fuochi d'artificio nella mia immaginazione. Queste due immagini erano i semi di questa storia e il motivo per cui ho chiamato il mio regno immaginario come l'orisha.

Teen Vogue: Nello scrivere una narrazione con tre diversi protagonisti e prospettive, come si fa a differenziare e bilanciare i loro punti di vista? Immaginavi che i lettori gravitassero verso uno dei personaggi rispetto agli altri?

T.A .: Scrivere da tre prospettive è una lotta! Ci sono così tante volte in cui vorrei che la storia fosse solo dal punto di vista di Zelie perché è così simile alla mia voce / personalità che è abbastanza facile per me scrivere, mentre ho sempre avuto difficoltà quando si trattava di Inan e Amari. Ma il modo in cui bilancio nel scrivere le loro prospettive è assicurarmi di essere d'accordo con ogni singolo personaggio. Ad esempio, nel libro 1, ho concordato con Zelie che lei e il acqua aveva bisogno di magia per avere la possibilità di combattere per costruirsi una vita migliore. Ma ho anche concordato con Inan che la magia era instabile e imprevedibile e un'arma potenzialmente troppo grande per essere reintrodotta nel loro mondo. Per scrivere con convinzione, mi assicuro di credere davvero per ciò che ogni personaggio sta combattendo.

Teen Vogue: Nel Figli di sangue e ossa, Ho trovato il re un personaggio intrigante. Come hai trovato il giusto equilibrio durante la scrittura di quel personaggio?

T.A .: Simile a come scrivo POV: mi assicuro di essere d'accordo con lui. Saran è crudele ed è violento, ma non senza motivo. Maji ha ucciso tutti i membri della sua famiglia. I suoi genitori, i suoi fratelli, sua moglie, il suo figlio primogenito. Quando dice che la magia fa male al regno, non sta vomitando vuote indottrinazioni. Si sta comportando dalla sua storia dolorosa.

Tipicamente, non esiste un bene o un male assoluto nel mondo. Ci sono più lati, più credenze e più percorsi che le persone sono disposte a prendere per ottenere ciò che vogliono. Saran e personaggi come lui non sono male per essere cattivi - credono di fare la cosa giusta. Se scritti correttamente, i lettori dovrebbero capirlo così come capiscono Zelie. I lettori dovrebbero anche essere d'accordo con lui. Nessuno ha semplicemente ragione o torto: stanno tutti cercando di fare ciò che è meglio per il loro popolo e il loro regno, ma stanno lasciando che le emozioni negative come la paura, la rabbia e la vendetta li guidino e quello è dove vanno male.

Teen Vogue: Allo stesso modo, questa storia riesce anche a evitare il semplice cliché, degli utenti magici che sono una sorta di cosa buona o naturale e le persone non magiche sono i cattivi. Vediamo la natura violenta della magia in azione e Inan in particolare lotta con le sue simpatie per tutta la storia. È stato questo un elemento essenziale per la storia quando l'hai vista?

T.A .: Sì! Le storie bidimensionali dipingono una cosa buona e una cattiva, ma non è così che funziona qualcosa nella vita reale. Il libero arbitrio stesso può essere un'arma o una benedizione, riguarda ciò che qualcuno sceglie fare con quel libero arbitrio. La magia è la stessa. Può guarire e può portare luce e vita. Può anche distruggere e portare oscurità e morte. Come Mietitore, Zelie porta letteralmente entrambe queste dualità dentro di sé. Penso Figli della virtù e della vendetta si espande anche sull'idea che la magia stessa non sia buona o cattiva. Il modo in cui viene distribuito dipende completamente dall'utente.

Teen Vogue: Nel primo libro, il legame magico di Inan con Zelie gli consente di vedere i suoi ricordi, il che gli permette di acquisire empatia per lei e le atrocità che suo padre ha inflitto alla acqua. C'è un momento particolarmente toccante in cui pensa: 'Non importa se sono nella sua testa. Non capirò mai il suo dolore '. Cosa pensi che voglia dire con quello?

T.A .: Ogni volta che un amico sta discutendo un problema con me, a volte 'Capisco' o 'Capisco' scivola fuori. Segue sempre 'Mi dispiace. Quello che intendevo dire è che sono in sintonia con la tua situazione / ciò che stai attraversando '.

Penso che siamo troppo veloci per respingere il dolore o il trauma di qualcuno con 'Capisco', perché a meno che tu non abbia sperimentato lo stesso tipo di trauma, non lo fai. Puoi leggerlo. Puoi parlarne con le persone. Puoi letteralmente camminare attraverso la testa di qualcuno e rivivere esso, come Inan. Ma alla fine della giornata, non saprai mai cosa significa portare quel dolore, quel trauma e quelle ferite con te ogni giorno della tua vita. Tuttavia, può ancora empatizzare con quell'esperienza e lavoro per renderlo migliore. Credo che sia il modo migliore per essere un alleato.

Teen Vogue: E nonostante questa connessione, questa storia d'amore nascente non gioca nel modo in cui il lettore potrebbe desiderare. Cosa ha spinto quella scelta?

vidéo popping brut zit
Annuncio pubblicitario

T.A .: Voglio che le mie storie siano reali. Puoi amare qualcuno e ancora non far funzionare le cose. Puoi amare qualcuno e finire ancora dai lati opposti di questioni estremamente importanti. Puoi amare qualcuno che non è veramente buono per te. E puoi amare qualcuno che ti ha causato un'enorme quantità di dolore. Penso che eventi del genere siano molto più comuni di quelli per sempre felici e contenti.

Teen Vogue: Alcune recensioni della serie evidenziano possibili ispirazioni del mondo reale dietro di esso, con il Atlantico, per esempio, definendolo una 'parabola trasparente dell'oppressione' sulla scia della segregazione e della materia della vita nera. Sei d'accordo con quello? A mio avviso, almeno, è forse più complicato.

T.A .: Quando ho scritto la nota del mio autore per Figli di sangue e ossa, Ho scritto con grande intenzione. Non volevo che fosse lasciato all'opinione, alla discussione o alle ipotesi su quale fosse l'ispirazione e il significato dietro il testo. CBB è un'allegoria per la moderna esperienza nera. Ogni conflitto è il libro è un conflitto che i neri stanno combattendo oggi, o hanno combattuto di recente 30-50 anni fa. Per me è stato importante creare un'avventura immersiva ed epica. Ma è stato anche importante per me assicurarmi che tutte le emozioni e l'empatia che il libro crea non siano rimaste in un mondo fantastico, perché quell'empatia è ciò di cui abbiamo bisogno nel mondo reale per iniziare a fare questi importanti cambiamenti.

Teen Vogue: Inoltre, Figli della virtù e della vendetta sembra complicare ulteriormente l'allegoria, quando diventano membri della nobiltà titani, con abilità magiche proprie. Cosa vedi come il ruolo della magia in questa storia, ora che non appartiene a una sola 'parte'?

T.A .: Spesso nella vita abbiamo un obiettivo e ci illudiamo nel pensare che l'obiettivo cambierà tutto. So che molte persone negli Stati Uniti pensavano che l'elezione del presidente Obama significasse la fine del razzismo, eppure quegli otto anni furono quando Trayvon Martin fu ucciso. Quegli otto anni furono quando la brutalità della polizia venne alla ribalta nazionale. E sappiamo tutti cosa è successo dopo che quegli otto anni erano finiti.

Il secondo libro è così. Zelie e Amari credevano che il recupero della magia avrebbe risolto il regno, solo per sapere che non si trattava mai di magia. L'oppressione del volto del maji è istituzionale. Ha secoli e li ha emarginati con successo se non avevano accesso ai loro doni. Il secondo libro è una storia di individui con potere che affrontano le realtà del sistema in cui sono intrappolati e decidono il modo migliore per cambiarlo o romperlo.

Teen Vogue: E infine: qualche suggerimento su cosa possiamo aspettarci dopo?

T.A .: Posso dirti che la puntata finale potrebbe essere davvero lunga ... So più o meno cosa succede. Quello che non so è se finiranno per essere 500 pagine, 600 pagine, 700 pagine o peggio. L'unica cosa che so è che mi prenderò il mio tempo! Sono impegnato a godermi la mia ultima avventura con questi personaggi e terminare questa serie con un BANG.