La sordida storia di Blackface in America

Stile

La sordida storia di Blackface in America

Una lezione per Megyn Kelly.

5 novembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

'Non avrei mai pensato di vivere per vedere il giorno in cui avresti usato la parola n * gger', disse Nell.
'Nell, è orribile. Non direi mai '! Esclamò Samantha. Nell si voltò, rispondendo, 'beh, potresti anche avere, perché è quello che hai fatto mettendo Joey in nero'.

teinture pour les cheveux bleu vert

Questo episodio del 1984 di Dammi una pausa comunica la connotazione del blackface con una semplice analogia: sia la N-Word che il blackface hanno una storia dolorosa e sordida nella cultura americana. Ma oltre 30 anni dopo, molti si chiedono ancora cosa sia il razzista di Blackface?

Blackface è l'oscuramento della propria pelle per ritrarre una caricatura di una persona di colore, e comporta in gran parte rappresentazioni esagerate di individui neri: occhi grandi, pelle color carbone, labbra rosa o rosse oversize; e denti molto bianchi. Negli spettacoli del menestrello durante il 1800, alcuni artisti bianchi hanno applicato sughero bruciato o grasso nero per creare un aspetto nero-jet. Attualmente, si ottiene in genere attraverso l'uso di fondotinta o conciatori di colore intenso. Sebbene il blackface possa sembrare un trucco superficiale, le sue implicazioni sono molto più insidiose. Blackface (come redface e yellowface) è radicato nella supremazia bianca.

Sebbene non sia stato il primo a fare la menestrello dal volto nero, è stato Thomas Dartmouth 'Daddy' Rice a cui è stato riconosciuto il merito di aver contribuito a rendere popolare la pratica bigotta in America. Rice, che era ampiamente considerato come 'il padre della menestrello americana', portò il suo atto 'Jim Crow' al Park Theater di New York. La sua esibizione ha guadagnato popolarità e attenzione diffuse, lanciando i menestrello sotto i riflettori. Gli artisti si sono presto domandati di unirsi, indossando abiti trasandati, parlando in 'dialetto delle piantagioni', imitando la canzone e la danza nere - e, naturalmente, avevano i loro volti ricoperti di qualsiasi sostanza nera che riuscivano a trovare.

dispositif mené de traitement d'acné

Queste scenette non sono state promosse come racconti fittizi, ma come rappresentazioni accurate di neri. Nelle parole di Frederick Douglass, gli attori blackface erano '... la sporca feccia della società bianca, che ha rubato ... una carnagione negata dalla natura, in cui fare soldi, e assecondare il gusto corrotto del loro bianco concittadini'. Rice affermò che stava illustrando i manierismi di un vero schiavo che incontrò, e le truppe che seguirono Rice insinuarono lo stesso. Sostenevano che i loro spettacoli fossero 'uno sguardo reale a come era la vita nelle piantagioni'. Il pubblico, che non aveva quasi nessuna interazione con i neri, credeva in queste caratterizzazioni e, nel tempo, il numero di caricature come 'Jim Crow' si moltiplicava.

C'era la 'mammy', la matriarca maschile e asessuata della fattoria; il 'tom', un servitore gentile e desideroso di compiacere della famiglia bianca; il 'picaninny', il bambino nero incustodito e non curato; il 'buck', il bruto, distruttivo, violento, bruto nero; lo 'zaffiro', la donna alfa emasculante; il 'jezebel', un imbroglione sessualmente insaziabile; lo 'zip coon', un uomo nero libero e altezzoso, che mentre era istruito, era anche inarticolato; e infine il 'coon', il buffone perpetuamente pigro, disoccupato e infantile. Anche il pubblico credeva che queste fossero rappresentazioni legittime di persone di colore.

Per il momento in cui vero attori neri sono saliti sul palco, la maggior parte del pubblico americano bianco voleva solo le illustrazioni con cui erano state presentate in precedenza. Per ottenere l'accesso al teatro e alla radio, è stato richiesto che gli animatori neri incarnassero quei tropi disumanizzanti. Gli attori neri sono stati costretti a indossare vernice nera durante le esibizioni di menestrelli. Per lanciare le loro carriere, attori come Bert Williams hanno dovuto sminuire le proprie comunità sul palco per ridere. Quella rotta, tuttavia, ha avuto un prezzo. Williams è stato successivamente descritto da W.C. Campi come 'l'uomo più divertente che abbia mai visto, e il più triste'.

Annuncio pubblicitario

Sfortunatamente, questi spettacoli, film, produzioni teatrali, prodotti e canzoni hanno ampiamente contribuito alla base della comprensione americana dei neri. Quasi 200 anni fa, la menestrello dal volto nero ha ideato chi siano i neri: brutti, pigri, ignoranti, imbroglioni, promiscui e sub-umani selvaggi che in realtà si dilettavano nella loro sottomissione. Gli stessi palcoscenici che ora presentano musical di Broadway sono raddoppiati come terreno fertile per questi stereotipi e credenze errati sulle persone di colore e sulla cultura di colore. In queste fasi, queste menzogne ​​sono cresciute, incontrollate e illimitate, fino a quando non sono state inseparabili dalla realtà - e quasi impossibili da sradicare.

Blackface ha facilitato la diffusione della propaganda della supremazia bianca e ha satirizzato la schiavitù, l'oppressione, la sottomissione, la disumanizzazione e lo stupro dei neri. Per questo motivo, i neri continuano a subire un respingimento quando proviamo a definirci, per noi stessi, da soli nei media mainstream.

Nel 1800, il pubblico bianco ha scelto di credere agli attori bianchi rispetto ai veri neri. Nel 2018, molti scelgono di fidarsi di affermazioni come quella di Megyn Kelly secondo cui la critica del blackface è 'la correttezza politica è andata male' quando in realtà la verità è molto più dolorosa e per lei, forse, scomoda. Non importa quanto Megyn provi a seppellire la storia, il volto nero era profondamente razzista e offensivo quando è stato creato - e decenni dopo, lo è ancora.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

rétrécir la taille des pores

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Savage X Fenty era tutto ciò che la sfilata di moda di Victoria's Secret doveva essere