La vera storia di Las Soldaderas, le donne che hanno reso possibile la rivoluzione messicana

Politica

La vera storia di Las Soldaderas, le donne che hanno reso possibile la rivoluzione messicana

E storia è una serie di Teen Vogue in cui scopriamo la storia non raccontato attraverso una lente cisheteropatriarchal bianca. In questa puntata, Marilyn La Jeunesse di Teen Vogue spiega la storia di Las Soldaderas, un gruppo di donne combattute nella Rivoluzione messicana.

12 marzo 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Walter H. Horne / Per gentile concessione di The Library of Congress
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Nel film del 2006 Bandidas, I personaggi di Penelope Cruz e Selma Hayak, con i loro corsetti stretti in vita, le camicette con scollo a V immerse, i cappelli da cowboy e i revolver, sono l'epitome stereotipato di ciò che una donna di Latinx - in particolare le donne messicane - dovrebbe essere: sexy e pericolosa. Questa caratterizzazione contraddittoria di donne latine forti è diventata la norma a Hollywood, ma le immagini sono state ispirate da qualcosa di completamente diverso: Las Soldaderas, le donne soldato che hanno reso possibile la Rivoluzione messicana.

Nel novembre del 1910, il Messico fu immerso in una guerra quasi decennale che contrappose il governo federale, diretto dal dittatore Porfirio Diaz Mori, contro migliaia di rivoluzionari di varie fazioni. La rivoluzione era onnicomprensiva; ci si aspettava che tutti si unissero alla causa, e quelli che non erano stati costretti a fuggire dal paese.

costume de riverdale betty

Per i rivoluzionari, la guerra è stata un'opportunità per rovesciare il sistema di classe obsoleto messo in atto dall'élite spagnola. Questi rivoluzionari videro per il Messico il momento di premiare le persone che lavoravano la terra, non il contrario: una guerra per meticci; una guerra per gli indigeni; e una guerra per i poveri. Ma nessuna delle due parti avrebbe potuto resistere per quasi 10 anni senza la dedizione di Las Soldaderas.

Sebbene non si sappia molto sui dati demografici di Las Soldaderas, si ritiene che la maggior parte di queste donne soldato fosse nella tarda adolescenza e nei primi anni Venti e coinvolgesse donne di varie etnie, tra cui afro-messicani e persone di origine spagnola. Come sottolineato in un articolo accademico del 2009 di Delia Fernandez, ora assistente professore di storia e facoltà di base negli studi di Chicano Latino alla Michigan State University, donne come Senora Maria Sanchez, Senora Pimental e Petra Herrera - che hanno combattuto come 'Pedro' - hanno mostrato che le donne potevano sopravvivere in una sanguinosa guerra civile. Questi soldati hanno combattuto da tutte le parti, con molte donne d'élite che si uniscono al federale ranghi e altri che si uniscono a diversi leader rivoluzionari, come Emiliano Zapata, Pancho Villa e Venustiano Carranza.

Secondo la ricerca di Fernandez, il termine 'soldadera' è stato usato dalla conquista spagnola per descrivere le donne che aiutarono gli eserciti spagnoli in vari modi. In una società patriarcale dominante con una forte influenza cattolica, le donne messicane avrebbero dovuto seguire i tradizionali ruoli di genere. Ma l'alba della Rivoluzione ha offerto alle donne l'opportunità di liberarsi dalle aspettative della società e assumere il controllo della propria vita. Diventare soldato durante la Rivoluzione ha permesso a queste donne di staccarsi dai ruoli di genere percepiti e guadagnare i propri soldi.

Mentre alcuni soldati combattevano in combattimento a fianco degli uomini, altri usavano i loro ruoli di genere tradizionali a loro vantaggio.

'Mentre le (donne in combattimento) uscivano da un ruolo di genere, molte di queste donne andavano anche a causa del loro ruolo di genere, come moglie, come sorella, come la persona che svolge il lavoro necessario per qualsiasi Rivoluzione che accada ', racconta Fernandez Teen Vogue. 'Non è questo esercito davvero ben orchestrato e processionale, (quindi) non c'è modo per questi (soldati rivoluzionari) di mangiare. Se non fosse stato per le donne a svolgere il compito che hanno sempre svolto, sarebbero morti di fame '.

Eppure l'eredità di Las Soldaderas è stata quasi interamente ridefinita e raccontata in una prospettiva prevalentemente maschile. Stava accadendo anche durante la Rivoluzione: gli uomini avrebbero scritto canzoni su Las Soldaderas, enfatizzando la loro femminilità e la loro esplicita sessualità, al fine di ridurre i loro contributi e risultati militari, secondo la ricerca di Fernandez. La loro immagine era strutturata attorno a questi scritti maschili corridos. L'iconografia che circonda Las Soldaderas rappresentava spesso donne vestite con abiti attillati e attillati con una bandoliera piena di munizioni appesa sul petto a una rappresentazione di Cruz e Hayak a Hollywood. Queste raffigurazioni di Las Soldaderas sarebbero diventate note come Las Adelitas, dal nome della famosa ballata La Adelita, che descriveva un soldadera sconosciuto che era tanto bello quanto coraggioso. Presto, le rappresentazioni scandalose di Las Adelitas diventerebbero sinonimo dell'immagine mondiale di Las Soldaderas.

Annuncio pubblicitario

Ma Las Soldaderas non stavano combattendo per il loro paese in reggiseni: erano donne spesso vestite come le loro controparti maschili, in pantaloni pronti per la battaglia e camicie a maniche lunghe, con proiettili legati sul petto e pistole fondenti attorno alla vita, anche se alcuni lo facevano indossare gonne lunghe fino al pavimento. Sotto la guida di Petra Herrera, forse la più famosa soldadera, una brigata di quasi 400 donne aiutò il leader rivoluzionario Pancho Villa, che non era particolarmente affezionato alle donne soldato, nel suo sforzo di prendere la città di Torreon dal federale. Altri hanno agito come spie in tutto il paese, hanno curato i feriti su entrambi i lati della guerra e hanno persino usato il loro genere per scappare dalla prigione.

'È stato difficile per le persone riconciliarsi:' Come ricordiamo queste donne coraggiose che stavano combattendo in questa guerra, ma continuiamo anche a trattarle male? ' E un modo per negare il loro contributo è dire: 'Oh, c'erano anche questi oggetti sessuali. Queste persone sono molto carine da guardare e se le metti una pistola le rende sexy e pericolose allo stesso tempo ', dice Fernandez. '(Questo) nega davvero le idee di tenacità, tenacità del meticcio, resistenza fisica che le donne hanno portato con sé e il loro contributo'.

Mentre queste donne stavano trasformando il Messico all'inizio del XX secolo, sotto il regno di Diaz, le donne erano limitate in quasi tutti gli altri aspetti della vita. Durante questo periodo, le donne non erano considerate cittadini, come stabilito dalla Costituzione messicana del 1857, il che significava che non erano in grado di votare e non avevano voce in capitolo sul futuro politico del loro paese. Senza cittadinanza, le donne sono state costrette a fare affidamento su figure maschili nella loro vita per prendersi cura di loro. Altre leggi messicane all'epoca ridussero ulteriormente le libertà che le donne dovevano modellare la propria vita, rendendo la Rivoluzione forse l'unico modo per queste donne di prendere il controllo del proprio futuro e andare verso l'uguaglianza.

La dedizione di Las Soldaderas agli eserciti di entrambe le parti della guerra ebbe presumibilmente un impatto non solo sull'esito della Rivoluzione, ma sul futuro della politica messicana. Dopo i loro sforzi, la Costituzione del 1917 definì finalmente un cittadino messicano come una persona nata o naturalizzata nel paese, il che significava che alle donne venivano ufficialmente dati più diritti, sebbene quei cambiamenti non avessero un impatto di vasta portata.

schéma d'une vierge

'La Costituzione del 1917 non cambiò radicalmente i ruoli delle donne nella società post Rivoluzione', afferma Fernandez. 'Non c'erano molti meccanismi di applicazione per garantire che, in pratica, le donne avessero più diritti anche se la legge affermava che avrebbero dovuto avere di più'.

Nonostante i loro anni di servizio e vari contributi, a conclusione della guerra, Fernandez afferma che molte delle soldaderas dovrebbero tornare ai ruoli designati prima della Rivoluzione come badanti e casalinghe, aggiungendo che la lotta per i diritti delle donne è continuata ben dopo 1917.

Cento anni dopo la Rivoluzione, la storia di Las Soldaderas è spesso trascurata o dimenticata del tutto. Al posto delle valorose donne che hanno contribuito a eliminare una gerarchia elitaria nel paese c'era l'immagine sensuale di Las Adelitas. Ma invece di permettere a queste immagini di una donna soldato di limitare il potere di Las Soldaderas, alcune donne messicane e messicane-americane sono arrivate ad abbracciare le immagini come un simbolo femminista. In effetti, durante il movimento Chicanx negli anni '70, un gruppo per i diritti civili messicano-americano interamente femminile si chiamò come i potenti ribelli, abbracciando il seducente e ugualmente eroico simbolismo della stessa La Adelita.

Oggi, i contributi di Las Soldaderas alla Rivoluzione sono finalmente riconosciuti per quello che erano: parte integrante della creazione del futuro del Messico e della creazione di un percorso verso l'uguaglianza tra uomini e donne, in tutto il paese.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Relazionato: Il rimpatrio messicano durante la grande depressione, ha spiegato

Controllalo: