Il Metropolitan Museum of Art annuncia una mostra di Sandy Schreier Couture

Stile

Ha iniziato a collezionare abiti da donna a soli tre anni.

Di Tatum Dooley

dois-je teindre mes cheveux en bleu ou violet
24 luglio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Immagine per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art, foto Nicholas Alan Cope
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Questo proprio in: la prossima mostra prevista per The Costume Institute al Metropolitan Museum of Art di New York City, che sostituirà la sua attuale mostra a tema Camp, è stata finalmente annunciata. Aprendo le sue porte il 27 novembre, Alla ricerca della moda: la collezione Sandy Schreier conterrà 80 pezzi dell'ambita collezione couture di Sandy Schreier. La sua collezione comprende oggetti notevoli come gli abiti di Valentino indossati da Jacqueline Kennedy e il mini abito Roberto Rojas in maglia d'argento che Twiggy ha indossato in una foto di Richard Avedon del 1967, che potrebbe apparire in mostra insieme ad altri pezzi del suo archivio di moda.





Chi è Sandy Schreier? Sandy è il più grande collezionista privato di abbigliamento di alta moda al mondo, con circa 15.000 pezzi di Schiaparelli, Chanel, Lanvin, Fortuny, Adrian e simili. E secondo Voga, 'Lo spettacolo non solo farà cronaca della storia della moda, ma mapperà anche la storia personale di una donna il cui amore per l'abbigliamento l'ha portata a diventare una delle collezioniste più prolifiche del mondo'. Sinceramente, non possiamo aspettare questa mostra.

Dress, Karl Lagerfeld (francese, nato in Germania, 1938-2019) per Chloe (francese, fondato nel 1952), primavera / estate 1984; Dono promesso di Sandy Schreier.

Immagine gentilmente concessa da The Metropolitan Museum of Art / Photo Nicholas Alan Cope

Nato e cresciuto a Detroit, nel Michigan, dove vive ancora oggi, il padre di Sandy era un furiere presso il grande magazzino Russeks. Alla giovane età di tre o quattro anni, i clienti del negozio, comprese le famiglie Fords, Dodges e Chrysler, le avrebbero portato la moda che avevano indossato una volta e che non desideravano più. 'Dopo la seconda guerra mondiale, nessuno voleva più indossare abiti vecchi, erano annoiati dall'austerità, quindi volevano cose nuove e spendere soldi. Indosserebbero un pezzo solo una volta; non potevano indossare nulla due volte, quindi me l'hanno regalato '! Ha detto Sandy Un'altra rivista nel 2015. I suoi genitori non riuscivano a capire il suo fascino iniziale, pensando che i vecchi vestiti fossero disgustosi e coperti di germi. Ma Sandy ha persistito, continuando a raccogliere e conservare i suoi tesori nella sua sala giochi (siamo oltremodo elettrizzati dal fatto che non abbia ascoltato le proteste dei suoi genitori).

Sandy non solo colleziona abiti, ma ha anche disegnato costumi per The Supremes, progettato accessori per Yves Saint Laurent e scritto due libri sulla moda di Hollywood. È davvero una leggenda della moda e non vediamo l'ora che la sua collezione si rifletta sui riflettori che merita questo autunno. Inoltre, c'è anche un angolo femminista nella collezione di Sandy. 'Ho un'incredibile collezione di costumi da bagno; questa, per me, è la storia della liberazione delle donne ', ha raccontato New York Times. Dal movimento Suffrage ai costumi da bagno e alla minigonna, la moda può essere utilizzata per tracciare le onde femministe e la collezione di Sandy è una rappresentazione visiva di questi cambiamenti storici.

Abito da sera, Gilbert Adrian (americano, 1903-1959), autunno 1945; Dono promesso di Sandy Schreier.

Immagine per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art, foto Nicholas Alan Cope

Una cosa che Sandy non fa mai è indossare qualcosa della sua collezione, 'Ricordo che (i miei genitori) hanno cercato di farmi indossare un pezzo per Halloween un anno ed ero così arrabbiato, perché era arte, non potevo indossarlo'! lei disse Un'altra rivista. Ha anche spesso citato dicendo: 'Se possedessi un Picasso, non sarebbe sulla mia schiena'. Si scopre che Sandy aveva sempre ragione: questi abiti appartengono a un museo, accanto ai capolavori di Picasso. Per Sandy e la sua invidiabile collezione, c'è solo una risposta all'annosa domanda: l'arte della moda? Sì, duh!

Giacca, Mariano Fortuny y Madrazo (spagnolo, 1871-1949), 1920-1930; Dono promesso di Sandy Schreier.

Immagine per gentile concessione del Metropolitan Museum of Art, foto Nicholas Alan Cope