Gli adolescenti condividono storie di bullismo su Snapchat

Identità

Gli adolescenti affermano di aver sperimentato il bullismo sull'app o di conoscere qualcuno che ha - ma non hanno intenzione di smettere di usarlo.

Di Willa Bennett

23 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Arvida bystrom
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Mentre studiava per l'esame di Algebra, Hayley *, 18 anni, notò che aveva 16 chiamate perse dal suo migliore amico. Dopo aver risposto, è stata informata che il suo ragazzo ha condiviso le sue foto in topless sulla sua storia personale su Snapchat. In meno di un'ora, la foto era stata distribuita alla maggior parte dei suoi compagni di classe. Hayley disse: 'Mi sentivo davvero ansioso, ferito e tradito. Da quando quella foto è stata condivisa, la mia autostima non è più stata la stessa '.





Hayley affrontò immediatamente il suo ragazzo. Sosteneva di pensare che non le sarebbe tornato in mente perché '(lui) prestava sempre molta attenzione alle persone che guardavano e proiettavano la storia'. Si era sentito protetto dalla stessa funzione che aveva reso Hayley così vulnerabile. Tuttavia, i contenuti che avrebbero dovuto rimanere privati ​​sono stati diffusi su Internet. Hayley gli disse che si trattava di una violazione sua la privacy e le conseguenze delle sue azioni erano imperdonabili.

Snapchat, lanciato nel 2011, è stato originariamente progettato per semplificare la comunicazione confidenziale tra amici. Oggi, secondo un portavoce di Snapchat, l'app raggiunge il 90% delle persone di età compresa tra 13 e 24 anni negli Stati Uniti con oltre 203 milioni di utenti globali attivi al giorno. Secondo un sondaggio di Pew Research, circa il 35% per cento dei ragazzi dai 13 ai 17 anni afferma di essere attivo su Snapchat più di qualsiasi altra app di social media. Non è un segreto che Snapchat continui a modellare il modo in cui i giovani comunicano tra loro, ma ha anche un altro impatto: modella anche il modo in cui si opprimono a vicenda.

cornrows grand front

Nelle settimane successive alla condivisione della sua foto privata, i colleghi di Hayley hanno continuato a rivolgersi ai social media per spettegolare sulle foto. Nei thread di gruppo su Snapchat, hanno anche discusso della sua rottura con il ragazzo che ha condiviso le foto. Hayley ha detto che in un dato giorno di scuola, riceve più di 50 messaggi su Snapchat, ma quando 'succede in questo modo' riceve lontano Di Più. 'C'è qualcosa in Snapchat che sembra privato, quindi le persone dicono cose che non direbbero in faccia a nessuno', ha detto Hayley. 'Siamo i più reali gli uni con gli altri, ma anche i più crudeli gli uni con gli altri. Non credo che riuscirò mai a superare quello che mi è successo su Snapchat '. Sebbene Snapchat non sia certamente l'unica piattaforma di messaggistica privata (vedi: TBH o Srhh) per attirare i giovani, Snapchat riunisce milioni di adolescenti consentendo loro di comunicare attraverso messaggi in scadenza che avvisano contemporaneamente gli utenti quando i loro messaggi vengono schermati.

Samantha *, 17 anni, ha detto: 'Mi sento il più vicino quando parlo con i miei amici su Snapchat perché posso dire cosa ho in mente. Non devo essere autocosciente '. Ben *, 18 anni, ha parlato di un sentimento simile: 'Trovo Snapchat catartico'. È la natura di questi messaggi che fa sentire i giovani a proprio agio nel condividere i loro pensieri e sentimenti più profondi. Tuttavia, la disposizione di parole autodistruggenti può anche incitare all'odio, alle molestie e al bullismo. Su 10 adolescenti che hanno parlato Teen Vogue, solo uno ha affermato di non essere stato vittima di molestie su Snapchat. Nove hanno segnalato casi in cui i loro messaggi privati ​​erano stati condivisi senza il loro consenso. Grace *, 18 anni, ha dichiarato: 'Catturo gli Snapchats scattando foto sul mio computer del mio telefono e poi invio quelle foto ai miei amici. Questo è il modo in cui io e i miei amici andiamo via con la condivisione di Snaps '.

Ovviamente, Snapchat non è l'unica piattaforma su cui i giovani sono sottoposti al cyberbullismo. Uno studio del 2017 ha rilevato che un numero maggiore di giovani ha riferito di essere stato vittima di bullismo su Facebook e Instagram che su Snapchat. Tuttavia, Snapchat rimane il dominio dei giovani, il che potrebbe rendere più difficile per i genitori capire quando si sta verificando il bullismo.

Annuncio pubblicitario

Sebbene alcuni genitori e insegnanti siano consapevoli della gravità di questo problema, molti non sembrano ancora capire come funziona la piattaforma, secondo gli adolescenti con cui abbiamo parlato. Tess *, 17 anni, ha dichiarato: 'Tutti i nostri genitori hanno Instagram, ma non credo che nessuno di loro potrebbe usare Snapchat se ci provassero'. Hayley ha aggiunto: 'I miei genitori non sanno nemmeno cosa sia Snapchat, quindi quando anche se dicessi loro cosa è successo, non capiranno perché non sono in grado di vedere i messaggi meschini'. In passato, funzionalità come mSpy e Controllo genitori di Snapchat, che consente ai genitori di attivare le funzionalità di privacy o di guardare i messaggi Snapchat dei propri figli, è cresciuto in popolarità, ma queste funzionalità non aiutano i genitori a comprendere le piattaforme abbastanza da supportare i giovani.

Snapchat sta attivamente mettendo risorse per rendere la piattaforma un posto più sicuro. Un portavoce ha raccontato via e-mail che gli utenti possono segnalare immediatamente casi di molestie nell'app. Questo stesso sentimento è inserito nel sito Web aziendale di Snapchat, sostenendo che qualsiasi utente può presentare un rapporto e anticipare una risposta entro 24 ore. Hanno anche collaborato con il Consiglio degli annunci e hanno lanciato una campagna interattiva lo scorso ottobre a sostegno del mese di prevenzione del bullismo. Questa iniziativa prevedeva filtri, adesivi e Snap Ads per aumentare la consapevolezza sul bullismo. Tuttavia, i giovani Teen Vogue parlato con non erano a conoscenza che Snapchat offriva risorse per il supporto. Samantha ha spiegato: 'Sono davvero entusiasta di sapere che ci sono risorse disponibili su Snapchat perché non sapevo nemmeno che (Snapchat) sapesse che ci siamo vittime di bullismo. Di solito parlo solo con i miei amici dei miei sentimenti per Snapchat su Snapchat. Adesso userò sicuramente di più queste risorse '.

Nonostante il bullismo, i giovani non sembrano avere intenzione di lasciare presto la piattaforma. 'Non eliminerei mai l'app perché è dove andiamo tutti a comunicare', ha detto Samantha. Tess concordò: 'Ho paura che, lasciando la piattaforma, lascerei indietro anche tutti i miei amici'. È importante ricordare che sebbene questi messaggi possano sembrare privati, hanno comunque il potenziale per essere condivisi e lasciare danni di lunga durata. Se sei vittima di bullismo o molestie sulla piattaforma, non sei solo e ci sono molte risorse disponibili per aiutarti.

'Per quanto io sia ferito dal modo in cui i miei amici usano Snapchat, è davvero il modo in cui ci connettiamo l'un l'altro', ha detto Hayley, 'penso che l'intimità sia il motivo per cui siamo così attaccati ad esso. Non esiste un'altra piattaforma di social media simile '.

Se tu o qualcuno che conosci è vittima di bullismo, dillo subito a qualcuno o chiama la hotline per parlare con un professionista.

*Tutti i nomi sono stati cambiati.

r kelly adolescentes