Selena Gomez ha condiviso la storia dell'immigrazione senza documenti della sua famiglia come prime senza vita viventi di Netflix

Politica

Selena Gomez ha condiviso la storia dell'immigrazione senza documenti della sua famiglia come quella di Netflix Vivere senza documenti Premieres

'Sono nato cittadino degli Stati Uniti grazie al loro coraggio e sacrificio'.

2 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Arnold Jerocki / GC Images / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Selena Gomez ha scritto un pezzo personale per Tempo sulla storia della sua famiglia con immigrazione priva di documenti proprio come una nuova serie di documentari da lei prodotta in modo esecutivo, Vivere senza documenti, anteprime su Netflix. Nel pezzo emotivo, ha condiviso i dettagli del passato della sua famiglia e le storie delle famiglie presenti nella nuova serie, che debutta il 2 ottobre e racconta le storie di otto famiglie che si occupano di status non documentato.

'Negli anni '70, mia zia attraversò il confine tra il Messico e gli Stati Uniti, nascosto dietro un camion. Seguirono i miei nonni e mio padre nacque in Texas poco dopo. Nel 1992, sono nato cittadino degli Stati Uniti grazie al loro coraggio e sacrificio ', Selena ha iniziato il suo pezzo. 'Negli ultimi quattro decenni, i membri della mia famiglia hanno lavorato duramente per ottenere la cittadinanza degli Stati Uniti'.

l'hymen après a été brisé

'L'immigrazione senza documenti è un problema a cui penso ogni giorno e non dimentico mai quanto sono felice di essere nato in questo paese grazie alla mia famiglia e alla grazia delle circostanze', ha scritto. 'Ma quando leggo i titoli delle notizie o vedo dibattiti sulla rabbia dell'immigrazione sui social media, ho paura per quelli in situazioni simili. Ho paura per il mio paese '.

Selena non ha menzionato alcun nome, ma si è occupata di come la 'questione politica divisiva' dell'immigrazione sia 'oggetto di discussioni infinite e innumerevoli notizie'. Il presidente Donald Trump ha reso l'immigrazione una questione distintiva all'inizio della sua campagna presidenziale del 2016, e la retorica rigida della sua amministrazione e le sue politiche continuano ad essere una grande notizia. Sostenendo che l'immigrazione è più che 'politica e titoli', Selena ha spiegato che, per lei, il dibattito sull'immigrazione riguarda l'umanità.

'(L'immigrazione) è una questione umana, che colpisce persone reali, smantellando vite reali', ha scritto. 'Il modo in cui lo affrontiamo parla alla nostra umanità, alla nostra empatia, alla nostra compassione. Come trattiamo i nostri simili esseri umani definisce chi siamo '.

Dopo anni di sforzi attivisti e deportazioni sotto il presidente Barack Obama, il sistema di immigrazione è stato sottoposto a un attento controllo da parte del pubblico da quando Trump è entrato in carica, mentre notizie di minori che muoiono sotto la custodia della pattuglia di frontiera, condizioni orribili nei centri di detenzione e Immigration and Customs Enforcement ( ICE) incursioni hanno tutti i titoli catturati. La crisi di separazione familiare dell'amministrazione Trump nell'estate del 2018 è un caso di studio su come il problema sia diventato un punto di riferimento politico per l'amministrazione con effetti devastanti sulla vita dei migranti.

Annuncio pubblicitario

Selena ha ammesso di non essere personalmente esperta del complesso sistema di immigrazione, ma ha offerto un'idea per chi dovrebbe essere ascoltato in queste conversazioni: 'È tempo di ascoltare le persone le cui vite sono direttamente colpite dalle politiche sull'immigrazione', ha scritto. 'È tempo di conoscere le persone le cui storie complesse sono state ridotte ai titoli di base'.

Avvicinata al documentario nel 2017, Selena ha affermato che le riprese del progetto la hanno commossa fino alle lacrime mentre vedeva persone che vivevano costantemente nella paura della deportazione, qualcosa che aveva visto nella sua stessa famiglia. Ma è stata anche ispirata da ciò che ha visto.

'(Il filmato) ha catturato la vergogna, l'incertezza e la paura con cui ho visto la mia famiglia lottare con', ha scritto. 'Ma ha anche catturato la speranza, l'ottimismo e il patriottismo che tanti immigrati privi di documenti hanno ancora nei loro cuori nonostante l'inferno che attraversano'.

'Sono preoccupato per il modo in cui le persone vengono trattate nel mio paese. Come donna messicana-americana sento la responsabilità di usare la mia piattaforma per essere una voce per le persone che hanno troppa paura di parlare ', ha scritto Selena. 'E spero che conoscere queste otto famiglie e le loro storie ispirerà le persone a essere più compassionevoli, a imparare di più sull'immigrazione ea formare la propria opinione'.

Selena ha già parlato dell'immigrazione. Nel 2017, ha parlato di Deferred Action for Childhood Arrivals (DACA) sul suo Instagram e nel 2018 ha scritto un profilo dell'attivista per l'immigrazione Cristina Jiminez, cofondatrice del gruppo di advocacy non documentato United We Dream, per Volte elenco delle 100 persone più influenti dell'anno. Tuttavia, la difesa di Selena non è sempre stata priva di complicazioni. Anche l'anno scorso, Selena ha disattivato i commenti di Instagram sulle foto che ha pubblicato da March for Our Lives in quello che sembrava un tentativo di evitare di dare ai suoi critici spazio per attaccarla.

Ha chiuso il suo nuovo pezzo dicendo che si aspettava critiche per il suo coinvolgimento nel progetto, ma che qualunque attacco avesse dovuto affrontare per aver lavorato come produttore esecutivo non sarebbe paragonabile a quello che le persone le cui vite sono raccontate nel documentario passano quotidianamente base.

'La peggior critica che posso immaginare è ancora nulla in confronto a ciò che gli immigrati privi di documenti affrontano ogni giorno', ha scritto Selena. 'La paura non dovrebbe impedirci di essere coinvolti e di educarci su un problema che riguarda milioni di persone nel nostro paese. La paura non ha impedito a mia zia di salire sul retro di quel camion. E per questo, sarò sempre grato '.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Secondo quanto riferito, le idee per l'immigrazione della linea dura di Donald Trump hanno riferito di sparare ai migranti con le gambe e un fossato pieno di serpenti