Le lacrime di R. Kelly erano stranamente simili a quelle di Brett Kavanaugh

Identità

Fanno sembrare che siano gli accusati a soffrire di più.

Di Brittney McNamara

6 marzo 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

In questo editoriale, Brittney McNamara disimballa il modo in cui le lacrime di R. Kelly in un'intervista post-arresto erano simili a quelle che il giudice della Corte Suprema versato da Brett Kavanaugh quando accusato di aggressione.





R. Kelly, nelle sue stesse parole, sta lottando per la sua 'fottuta vita'. Dopo essere stato arrestato e accusato di 10 conteggi di abusi sessuali criminali aggravati, il cantante disonorato è apparso in un'intervista su CBS This Morning, parlando delle accuse che lo hanno tormentato per decenni. È da tempo a corto di affermazioni di aver abusato sessualmente di ragazze giovani, di aver tenuto prigioniere donne nella sua casa e persino di avere un harem di donne simile a un culto ai suoi piedi. Ha continuamente negato queste accuse, ma hanno continuato a saltar fuori, ancora e ancora, a volte - come in questo momento - facendolo atterrare in un'aula di tribunale. Ma nella sua prima intervista dal suo arresto, R. Kelly non si è concentrato sulle accuse contro di lui, e non si è concentrato sulle affermazioni secondo cui ha gravemente ferito innumerevoli giovani donne. In un attacco che ha fatto eco a quello di Brett Kavanaugh durante le sue udienze al Senato dopo essere stato accusato di aver aggredito sessualmente la dott.ssa Christine Blasey Ford, R. Kelly invece ha urlato e urlato su come le accuse facessero male lui.

Kelly si è seduto con Gayle King in un'intervista trasmessa il 6 marzo, presumibilmente per confutare le affermazioni secondo cui ha abusato sessualmente di quattro vittime, tre delle quali presumibilmente di età inferiore ai 17 anni. Ma nei frammenti dell'intervista di oltre 80 minuti che la CBS andò in onda, R. Kelly saltò rapidamente in piedi, battendosi il petto mentre urlava e piangeva per provare la sua innocenza.

'Smettila. Smettete tutti di giocare! Smetti di giocare! Non ho fatto questa roba! Questo non sono io! Sto combattendo per la mia fottuta vita! Mi state uccidendo con questa merda! disse attraverso singhiozzi. 'Ti ho dato 30 anni della mia fottuta carriera'! Ha allevato i suoi figli, dicendo che le accuse lo stavano portando via da loro. Kelly disse che tutte le accuse contro di lui nel corso degli anni erano bugie, inventate per prenderlo, un uomo potente, per terra, e per far sì che i suoi accusatori si costruissero. 'Puoi iniziare una voce su un ragazzo come me o una celebrità come quella', ha detto Kelly. 'Tutto quello che devi fare è premere un pulsante sul tuo telefono e dirlo e così ha fatto anche a me, R. Kelly mi ha fatto questo, e se ottieni qualche trazione da questo, se sei in grado di scrivere un libro da che, se sei in grado di ottenere un reality show ... allora qualsiasi ragazza con cui ho avuto una relazione in passato che non ha funzionato, può venire e dire la stessa cosa esatta '.

Questo particolare argomento di innocenza è uno che abbiamo già sentito prima. Di recente, il giudice della Corte suprema Kavanaugh ha cercato di convincere il comitato giudiziario del Senato di non aver aggredito sessualmente Blasey Ford quando erano adolescenti. Ha invocato la sua carriera, trama per abbatterlo e sua moglie e i suoi figli. Le sue lacrime, sebbene più trattenute di quelle di Kelly, si sono manifestate in modo simile.

'Hai provato duro. Hai dato il massimo. Nessuno può mettere in discussione i tuoi sforzi, ma i tuoi sforzi coordinati e ben finanziati per distruggere il mio buon nome e distruggere la mia famiglia non mi scacceranno ', ha detto Kavanaugh. 'Questo ha distrutto la mia famiglia e il mio buon nome. Un buon nome costruito attraverso decenni di parole difficili e servizio pubblico ai massimi livelli del governo americano '.

Naturalmente, c'è una marcata differenza tra R. Kelly e Kavanaugh. Kelly è stata ripetutamente accusata di crimini atroci, compreso l'abuso di ragazze giovani, ed è stato formalmente accusato di (e precedentemente assolto da alcuni) di questi crimini. Kavanaugh non è mai stato accusato ed è stato pubblicamente accusato di violenza sessuale una volta. Si tratta in particolare di circostanze diverse, ma le loro dichiarazioni pubbliche erano simili. Entrambi gli uomini si sono concentrati su come le accuse li ferissero personalmente. Ed entrambi gli uomini piansero.

Annuncio pubblicitario

C'è molto da dire sulle lacrime degli uomini. La società guarda in gran parte agli uomini che piangono come deboli, il che non è affatto il giusto da togliere. Agli uomini dovrebbe essere permesso di piangere senza innescare domande sulla loro mascolinità. Ma le lacrime di Kavanaugh, e ora di Kelly, sembravano qualcosa di diverso. Apparentemente erano un prodotto della rabbia - erano stati accusati di crimini dopo essere stati uomini che lavoravano, che avevano mogli, che avevano figli. Rabbia che le loro presunte azioni potrebbero influenzare quelle carriere e quelle famiglie. Rabbia per essere stati accusati di nulla.

Sia Kavanaugh che Kelly apparentemente hanno armato le loro lacrime, qualcosa di cui molti hanno scritto dopo l'udienza di Kavanaugh. È una reazione normale piangere di frustrazione o rabbia, certo. Ma guardare uomini potenti che sono stati accusati di crimini sessuali singhiozzare mentre si difendono con rabbia si legge in gran parte come un fronte. Le lacrime, anziché essere un prodotto di vera emozione, possono essere trattenute come un altro strato di prova. Se sei il tipo di uomo che piange - un uomo sensibile - non avresti potuto ferire una donna, giusto? Come ha scritto Michael Lista nel Newyorkese dopo l'udienza di Kavanaugh, questi uomini stanno piangendo 'come fa un bambino quando è nei guai'.

Indipendentemente dal fatto che Kelly sia o meno colpevole, deve i suoi accusatori più di quello che ha dato durante l'intervista alla CBS. Lo deve a loro per rispondere alle domande sulle accuse contro di lui. In questo periodo di #MeToo, un momento che funge da conto di come la società ha trattato le donne, in particolare le donne di colore come quelle che sono al centro del caso R. Kelly, lo dobbiamo tutti alle donne per resistere al controllo che abbiamo ' di fronte. Lo dobbiamo alle donne sentirle, perché da troppo tempo gli uomini hanno urlato su di loro - ma quel momento è scaduto.

dépénalisation de la marijuana en floride

Lasciaci scivolare nei tuoi DM. Iscriviti al Teen Vogue email giornaliera.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.