La lettera di Nic Stone al suo io più giovane è un promemoria importante che non devi inserire in una sola scatola

Libri

La lettera di Nic Stone al suo io più giovane è un promemoria importante che non devi inserire in una sola scatola

Il suo prossimo libro Odd One Out arriva in libreria il 9 ottobre.

27 settembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Per gentile concessione di Nic Stone
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Il potente romanzo di debutto di Nic Stone Caro Martin affascina i lettori mentre esplora le relazioni razziali americane attraverso la storia di Justyce McAllister. Uno studente A, capitano della squadra di dibattito della scuola, e si è diretto in un'università Ivy League dopo il suo ultimo anno, tutto cambia per Justyce dopo che è stato arrestato da un ufficiale di polizia. L'adolescente viene rilasciato senza accuse, ma Justyce inizia a pensare di più al modo in cui naviga il mondo come un giovane uomo di colore e inizia un diario per il Dr. Martin Luther King Jr. per aiutare a far uscire i suoi pensieri e le sue osservazioni.

Ora Nic si sta preparando per l'uscita del suo secondo libro, Odd One Out. Il prossimo progetto è raccontato dalla prospettiva di tre amici: Courtney 'Coop' Cooper, Rae Evelyn Chin e Jupiter Charity-Sanchez. I fan di Nic e i nuovi lettori si troveranno assorti nella storia del trio mentre imparano l'amicizia, gli affari del cuore e chi sono come persone attraverso le loro connessioni reciproche. In preparazione per Odd One Out colpendo gli scaffali dei libri il 9 ottobre, Nic scrisse una lettera a se stessa sedicenne su come capire se stessi è un processo in corso. Puoi preordinare Odd One Out qui, ma nel frattempo, leggi toccando il messaggio di Nic al suo io più giovane qui sotto.


Caro Andrea (come eri chiamato allora),

Hai sedici anni e confuso. Nascondere un sacco di cose - su te stesso, su cose che pensi, senti e metti in discussione, su come la vita è davvero per te a casa - alla ricerca del tipo di profilo a basso dramma che ti terrà di alto profilo negli occhi dei tuoi coetanei.

Sei una cheerleader. Ancoraggio sugli annunci quotidiani. Relativamente popolare: la gente sa chi sei e sembra che ti piaccia. Sei anche isolato e ti senti non amato: sei l'unico bambino nero nella maggior parte delle tue classi e stai allattando cotta per più amici maschi, tutti non corrisposti.

Nessuno lo sa, ma questa strana duplice esistenza in cui a tutti sembra piacere ma nessuno piace tu, come se stessi disorientando. E sei solo. Ti sembra che a nessuno importi davvero conoscere voi. Sei la spalla su cui tutti gli altri piangono, il custode di tutti i segreti ... ma davvero non c'è spalla per te. Almeno non ti senti come se ci fosse. Tutti pensano che stai vivendo la tua vita migliore. Che hai tutto insieme. Che il tuo fuoco e i tuoi sorrisi siano autentici.

Non lo sono, ovviamente, ma non è colpa tua. Il modo in cui sei condizionato a vedere il mondo è progettato per renderti insoddisfatto. Per farti mettere in discussione tutto su di te e se sei abbastanza bravo. Per farti sentire non solo non accettato, ma inaccettabile.

Ci sono scatole etichettate in cui ti viene detto che devi adattarti. E diventa confuso. Cercando di mantenere la scatola 'cristiana' in cui ti sei inceppato dopo aver visto una rappresentazione del paradiso e dell'inferno nella chiesa di tuo padre mentre cercavi anche di tenerti nella scatola del 'ragazzo carino' a scuola. Cercando di mantenere la scatola 'dotato / onori / studente modello' - dimostrando il tuo diritto ad essere lì - schivando la scatola 'oh-lei-pensa-lei-bianco' alcune delle persone intorno a te che sembrano voler spingerti dentro . Evitando del tutto la scatola del 'abbastanza sicuro-Sono-attratto-da-altre ragazze' (le persone, specialmente alcune di quelle stipate nella scatola 'Cristiana' con te, non guardano troppo gentilmente le scatole con arcobaleni addosso il lato).

Per gentile concessione di Nic Stone
Annuncio pubblicitario

La verità è che sei sfinito. Sei così impegnato a cercare di sistemare tutte le scatole in modo da farle stare insieme (il che è impossibile, a proposito), non sai nemmeno chi sei in realtà.

E va bene. È quello che scrivo per dirtelo. Dove sei adesso: cercare di capire quale sia la strada giusta e come gestire le tue domande e la tua confusione: è un posto perfettamente accettabile in cui trovarsi.

Infatti, dovunque stai perfettamente bene. Quando sei nel tuo posto triste, va bene. Quando sei così arrabbiato, tutto ciò che puoi fare è andare a dormire, va bene lo stesso. Volere andarsene da casa il più rapidamente possibile va bene. Non sapendo se tu veramente mi è piaciuto baciare quell'amico - va bene. (Ti è piaciuto, comunque. Molto. Continuerai a divertirti anche a baciare altre ragazze.)

Passerai attraverso l'anno senior: diventare presidente di classe, uscire con il giusto Wrong Boy, essere respinto dal college dei tuoi sogni - e va bene.

Inizierai il college e durerai solo un semestre prima di abbandonare - anche del tutto bene.

Sposerai un tizio prima di abbracciarlo apertamente, abbracciando con orgoglio il tuo amore e l'attrazione per le donne - va anche bene.

E diventerai disilluso. Sperimenterai quell'iniziale esplosivo iniziale, frizzante, scoppiettante di amore, e lo sentirai diventare una decisione quotidiana di amare e sostenere un altro essere umano. Imparerai che libri, film e musica sono pieni di ideali meravigliosamente nobili, ma che la vita reale non è così ben confezionata: ti farai male e farai del male agli altri. Ti renderai conto che le cose che ti è stato detto che dovresti desiderare non sono sempre realistiche. Vedrai che, indipendentemente dal tuo successo o dalla tua bravura nel mondo, ci saranno sempre sentimenti di fallimento.

E questa è probabilmente la cosa più bella di tutte. Perché il mondo non smetterà mai di calciare scatole a modo tuo. Non smetterà mai di dirti che c'è qualcosa che non va voi per non inserirsi in nessuno di essi. O che finalmente troverai la felicità se ti spingeresti dentro uno o due.

E non lo sai ancora, ma posso dirti: dare fuoco alle scatole - eliminare tutto ciò che dovrebbe / dovrebbe / supposto che componga le pareti della scatola in modo che il è può solo essere - è la cosa migliore che tu abbia mai deciso di fare.

Perché in un mondo che combatte attivamente contro la contentezza, la realizzazione, la soddisfazione e la felicità, stare bene con i propri sentimenti e domande, non adattarsi alle scatole - amare se stessi e chiunque altro si scelga così - non è solo un atto di ribellione.

le port d'un tampon fait éclater votre cerise

È rivoluzionario.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.