Insegnante del New Mexico accusata di aver definito uno studente nativo un 'indiano insanguinato' e di aver tagliato i capelli di un altro ad Halloween

Campus Life

Insegnante del New Mexico accusata di aver definito uno studente nativo un 'indiano insanguinato' e di aver tagliato i capelli di un altro ad Halloween

3 dicembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Doug Corrance.
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Due parole. Secondo Kenzie, una junior alla Cibola High School (CHS) di Albuquerque, nel New Mexico, è bastato rompere la fiducia tra uno studente Navajo e il suo insegnante. 'Maledetto indiano', avrebbe detto la sua insegnante.

Ad Halloween, Kenzie si diresse verso l'inglese AP, per trovare un'aula oscurata illuminata a lume di candela. Dice che l'insegnante ha detto agli studenti di mettere i loro bagagli di lato e di sedersi. Ha aggiunto quell'insegnante che è bianca, ha spiegato di essere vestita da Marie Laveau, una praticante di voodoo di New Orleans, interpretata da Angela Bassett American Horror Story: Coven. 'Ero tipo,' Perché l'ha scelto? ' Avrebbe potuto essere Marilyn Monroe o qualcosa del genere. Era strano ma ho deciso di poterci andare perché era Halloween ', ha detto Kenzie.

Secondo Kenzie, l'insegnante ha mostrato un video di YouTube su Marie Laveau, e poi ha iniziato a porre agli studenti domande di comprensione sul film, rimanendo nel personaggio per tutto il tempo. Se rispondessero correttamente, l'insegnante disse che avrebbe dato loro dei marshmallow. Kenzie ha detto che, se rispondessero in modo errato, l'insegnante ha detto che avrebbe dato loro un pezzo di cibo per cani. Diversi studenti hanno rifiutato di mangiare il cibo.

Secondo Kenzie, l'insegnante ha invitato un'altra studentessa nativa americana che indossava i capelli in due trecce. Quando lo studente non era in grado di rispondere alla sua domanda, l'insegnante, apparentemente ancora di carattere, le chiese se le piacevano le sue trecce. Secondo Kenzie, l'insegnante andò alla sua scrivania a prendere le forbici e poi tagliò la fine della treccia dello studente fino all'elastico.

'Il mio cuore si è fermato, i miei occhi erano enormi e ... si sentiva il respiro di tutta la classe', ha detto Kenzie. 'Non sapevo nemmeno se fosse reale. Non dovrebbe nemmeno toccare uno studente, e ha tagliato i capelli (della mia amica) ... e li ha spruzzati sulla scrivania '.

Secondo Kenzie, l'insegnante ha quindi riportato la sua attenzione sulla classe, chiamando altri studenti, chiedendo dei loro costumi e infine avvicinandosi a Kenzie. 'Quindi è venuta da me, ha messo un'altra torcia su di me ed è come, 'Cosa dovresti essere'? ' spiegò Kenzie, che era vestita da Cappuccetto Rosso per Halloween con un segno di artiglio insanguinato sulla guancia disegnato con il trucco teatrale.

Secondo Kenzie, l'insegnante avrebbe poi detto: 'Oh, devi essere un maledetto indiano'. Ha quindi chiesto alla classe se quell'affermazione fosse offensiva, dice Kenzie.

Dopo aver usato l'insulto razziale, l'insegnante ha abbandonato presto la lezione. 'Tutti erano sollevati', ha detto Kenzie.

hymen avant et après les rapports sexuels

Le due giovani donne alla fine hanno parlato con il consigliere del Native American Club della scuola, che le ha aiutate a denunciare gli incidenti all'amministrazione scolastica. L'insegnante è in ferie retribuite da Halloween mentre indaga su Albuquerque Public Schools (APS).

Teen Vogue ha parlato con due studenti che erano presenti al momento dell'incidente e ha confermato la versione degli eventi di Kenzie.

Sono bastate due parole per distruggere tutto

Kenzie ha detto che l'incidente le ha fatto perdere la fiducia in un insegnante di cui si fidava, che in precedenza l'aveva incoraggiata a fare domanda per borse di studio per studenti nativi americani e per prendere lezioni di AP. 'Tutto ciò ha reso molto più sorprendente ciò che ha fatto in classe. Ci sono volute solo ... due parole per spezzare tutto ', ha detto.

Il 26 novembre, le scuole pubbliche di Albuquerque hanno inviato a Teen Vogue una copia di una lettera inviata alle famiglie il 2 novembre, due giorni dopo l'incidente, in cui si afferma che l'insegnante era stato messo in congedo dopo 'accuse di comportamento inappropriato'.

'Si presume che l'insegnante abbia fatto un'osservazione culturalmente insensibile a uno studente e abbia tagliato i capelli di un altro studente. Si sostiene che questi incidenti si siano verificati mentre l'insegnante stava recitando quella che è stata definita una prodezza di Halloween ', ha continuato la dichiarazione. 'Qualunque sia la ragione, le parole e l'azione sono inaccettabili. Gli incidenti sono oggetto di indagine e continueremo a lavorare con gli studenti e le loro famiglie per assicurarci che si sentano sicuri, rispettati e a loro agio a scuola '.

Annuncio pubblicitario

Secondo Monica Armenta, direttore esecutivo di APS Communications, 'l'incidente rimane sotto inchiesta'. L'insegnante non ha risposto a una richiesta di commento da parte di Teen Vogue.

Dall'inizio di Halloween, entrambe le giovani donne hanno dichiarato di aver subito molestie per aver parlato a scuola e sui social media. Kenzie ha ricevuto un messaggio da un compagno di classe dicendo che 'stai rovinando la sua vita', riferendosi all'insegnante.

Kianna, un'altra studentessa navajo che frequenta la Cibola High School, dice di aver sentito due insegnanti dire che gli studenti non avrebbero dovuto denunciare l'incidente di Halloween. 'È ... come se tutti dovessimo badare a noi stessi. Non possiamo più andare dai nostri insegnanti ', ha affermato Kianna, che ha aggiunto che altri insegnanti CHS hanno mostrato supporto.

Kianna ha affermato di aver avuto altre esperienze di interazioni culturali negative con gli insegnanti di CHS, ma l'evento di Halloween l'ha incoraggiata a presentare la sua prima lamentela.

Volevamo far loro sapere che la comunità è dietro di loro

I membri della comunità dei nativi americani hanno organizzato una manifestazione il 7 novembre per mostrare solidarietà con i due studenti. Kianna ha partecipato alla manifestazione, ma non ha incoraggiato altri studenti a partecipare nel caso in cui fossero stati presi di mira anche per parlare. Dopo la manifestazione, una compagna di classe si è rifiutata di spostarsi dal suo posto. Secondo Kianna, ha detto: 'Che cosa hai intenzione di fare, protestare'?

'Molte persone hanno avuto un'idea diversa di cosa (il rally) riguardasse. Pensavano che sarebbe stata come una protesta contro la scuola ..., ma in realtà il significato alla base era ... far sapere agli studenti che hanno tutta questa comunità dietro di loro ', ha detto Kianna.

L'incidente è stato riverberato in tutta la comunità dei nativi americani. 'Stiamo con te', ha dichiarato il presidente della Navajo, presidente Russell Begaye, delle due giovani donne in una dichiarazione.

Il 28 novembre, l'American Civil Liberties Union del New Mexico ha inviato una lettera alle scuole pubbliche di Albuquerque a sostegno delle due giovani donne, sostenendo che l'insegnante 'ha sminuito gli studenti nativi americani in modi impensabili'. Quella stessa notte, 30 studenti e genitori si sono confrontati con l'APS sull'incidente, molti hanno chiesto il licenziamento dell'insegnante.

Le scuole non soddisfano le esigenze dei giovani nativi

Eric Stegman (Carry the Kettle First Nation), direttore esecutivo del Center for Native American Youth presso l'Aspen Institute, ha affermato che altri eventi culturalmente insensibili accadono ogni giorno ai giovani nativi. Nel 2017, un asilo del Texas che era in parte nativo sarebbe stato espulso dalla classe per avere i capelli lunghi. All'inizio di quest'anno, i genitori hanno chiamato la sicurezza del campus universitario su due giovani Mohawk che erano in tournée presso la Colorado State University.

'Questo incidente (alla Cibola High School) dimostra una continua mancanza di comprensione del sistema scolastico sulle radici del trauma storico', ha dichiarato Stegman in un'intervista a Teen Vogue. 'Per i nativi, i sistemi scolastici che non sono controllati da loro hanno sempre avuto le loro radici nelle politiche intenzionali del governo degli Stati Uniti per smantellare la loro cultura'.

Ha spiegato che il taglio dei capelli fa eco al sistema del collegio che ha tentato di cancellare la cultura nativa nel corso del 20 ° secolo. I capelli degli studenti nativi sono stati tagliati corti ed è stato proibito loro di parlare le loro lingue per costringerli ad assimilarsi alla cultura bianca dominante. I tagli di capelli erano particolarmente traumatici poiché molte tribù si tagliavano i capelli come un rituale di lutto.

'Colpisce così vicino a casa quando il significato dei capelli è così intimamente legato alla cultura e all'identità dei nativi americani', ha detto a Teen Vogue Jasmine Yepa (Jemez Pueblo), un avvocato e analista politico presso il New Mexico Center on Law and Poverty.

La continua emarginazione dei giovani nativi nel sistema K-12 ha segnato conseguenze per i loro risultati educativi. La ricerca ha dimostrato che l'esistenza di mascotte e nomi di squadra razzisti e dispregiativi nelle scuole può creare un ambiente di apprendimento indesiderato e ostile per i giovani nativi, influenzando la loro autostima e la salute mentale. Gli studenti indigeni hanno maggiori probabilità di essere soggetti alla disciplina scolastica come la sospensione e hanno maggiori probabilità di entrare in contatto con il sistema giudiziario minorile e hanno meno probabilità di diplomarsi al liceo o frequentare l'università rispetto ai loro coetanei bianchi.

Kenzie vuole usare questo incidente come un'opportunità per parlare a nome di altri studenti nativi americani. 'Probabilmente avrei lasciato la scuola se non fossi stato forte come me', ha detto Kenzie. 'Io (non) voglio che ciò accada a qualsiasi altro studente indigeno ... Voglio che si sentano come se fossero inclusi in una scuola dove possono avere successo'.

Rapporti aggiuntivi forniti da Monica Braine di Native America Calling.

asos cyber lundi 2018

Correlati: 6 studenti di tecnologia del Texas sono stati cacciati dalle loro fraternità dopo che i testi offensivi sono emersi