Michelle Obama ha parlato del 'doppio standard' di aver bisogno di una squadra glam alla Casa Bianca

Stile

Michelle Obama ha parlato del 'doppio standard' di aver bisogno di una squadra glam alla Casa Bianca

'Sembrava che i miei vestiti fossero più importanti per le persone di qualsiasi cosa avessi da dire'.

12 novembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

L'ex First Lady Michelle Obama ha condiviso la sua strategia di moda alla Casa Bianca questa settimana in un nuovo estratto dal suo libro diventare. L'estratto, che è stato pubblicato da Lei, espone in dettaglio l'evoluzione dello stile di Michelle, l'approccio calcolato alla selezione dei designer da indossare e la complicata relazione con l'essere giudicata dai media per i suoi abiti durante la presidenza di suo marito Barack Obama.

Nel libro, l'ex First Lady è diventata molto sincera sulla moda nonostante fosse nota per evitare di affrontare le sue scelte di stile personali, una decisione che riconosce nell'estratto. Ha espresso la sua delusione per l'ossessione dei media per il suo aspetto che scrive: 'Sembrava che i miei vestiti fossero più importanti per le persone di qualsiasi cosa avessi da dire'. Michelle ha anche condiviso che per la prima volta ha dovuto elaborare una strategia e mettere il pensiero reale nei suoi abiti. 'Questa roba mi ha abbattuto, ma ho cercato di riformularla come un'opportunità per imparare, per usare quale potere avrei potuto trovare in una situazione che non avrei mai scelto per me stesso', ha scritto Michelle. 'Se le persone sfogliassero una rivista principalmente per vedere i vestiti che indossavo, speravo che vedessero anche il coniuge militare in piedi accanto a me o leggessero quello che avevo da dire sulla salute dei bambini'.

L'estratto ha inoltre fornito maggiori informazioni su come Michelle e il suo team glam si sono uniti e su come collaborano per pianificare in anticipo il suo aspetto. Secondo il libro, Meredith Koop, stilista di aiuti personali e guardaroba di Michelle, è stata strappata da una boutique locale di Chicago che ha frequentato durante le prime elezioni presidenziali di Barack. Michelle ha condiviso che lei e Meredith hanno sviluppato una grande amicizia e hanno trascorso molto tempo insieme alla scoperta di nuovi look, designer e assicurandosi che i suoi look fossero appropriati per ogni occasione. '(Meredith) passerebbe ore a assicurarsi che i designer, i colori e gli stili che abbiamo scelto abbiano pagato rispetto alle persone e ai paesi che abbiamo visitato', ha scritto Michelle.

marques de sacs à dos pour adolescents

Un fatto sorprendente che Michelle ha condiviso nel libro è che ha pagato personalmente tutti i suoi vestiti e accessori e ha ammesso di aver speso 'più soldi di quanti ne avessi mai spesi prima in abbigliamento'. Ha anche scelto e acquistato vestiti per Sasha e Malia quando hanno partecipato a eventi pubblici. Michelle, tuttavia, non aveva bisogno di passare molto tempo a cercare stili per Barack, che invidiava vistosamente per essere in grado di 'estrarre lo stesso abito scuro dal suo armadio e andare al lavoro senza nemmeno bisogno di un pettine'.

Michelle si è assicurata di riconoscere i doppi standard delle donne negli occhi del pubblico quando si tratta del loro aspetto fisico. Ha scritto: 'Oggi, praticamente ogni donna nella vita pubblica, politici, celebrità, lo chiami, ha una versione di Meredith, Johnny e Carl. È quasi un requisito, una tassa integrata per il nostro doppio standard sociale '. Questa non è la prima volta che Michelle ha definito i doppi standard tra uomini e donne, in passato ha chiamato i genitori per aver fatto da baby-sitter ai loro figli e per essere severa con le loro figlie. Sulla base di questo passaggio e delle sue altre recenti conversazioni, non sarebbe sorprendente scoprire che la disparità di genere è un tema ricorrente nel libro.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Momenti della moda della First Lady che hanno fatto la storia per le giuste ragioni

troian bellisario patrick j adams