Incontra la femminista rivoluzionaria che ha plasmato la storia del Messico

Politica

Incontra la femminista rivoluzionaria che ha plasmato la storia del Messico

E storia è un Teen Vogue serie in cui scopriamo la storia non raccontata attraverso una lente bianca e cisheteropatriarchal. In questa puntata, Marilyn LaJeunesse racconta la storia dell'icona femminista messicana Hermila Galindo.

8 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Un'improbabile giocatrice durante una guerra civile lunga 10 anni, la spavalderia di Hermila Galindo di fronte alle avversità e l'uso della scrittura come arma contro il patriarcato l'ha cementata nella storia come una vera icona messicana.

Galindo, considerata una madre del movimento femminista messicano all'inizio del XX secolo, sfidò le norme sociali che si aspettavano che il posto di una donna rimanesse nella casa e nella casa. Ha usato i suoi poteri come scrittrice per difendere gli ideali progressisti, costringendo un paese a ripensare le loro supposizioni patriarcali.

Il movimento di Galindo per trasformare il modo di pensare sessista del Messico era particolarmente pericoloso. La Rivoluzione messicana, un periodo di 10 anni di disordini civili e politici che coincise con l'ascesa di Galindo come leader femminista, vide fino a tre milioni di vittime - e un'intolleranza di coloro che la pensavano diversamente. Laura Orellana Trinidad, (autrice di Hermila Galindo: una donna moderna) (https://www.goodreads.com/author/show/15546239.Laura_Orellana_Trinidad) ha detto Teen Vogue che essere femminista in questo periodo era particolarmente difficile e spesso pericoloso.

Ma Galindo non ha permesso a quei vincoli di impedirle di diffondere il suo messaggio. Anche se non si è unita alla guerra come a soldadera, ha usato il suo status di fondatrice, editrice e scrittrice di La donna moderna e la sua posizione di segretaria privata di Venustiano Carranza, il leader rivoluzionario dell'esercito costituzionalista che sarebbe diventato il primo presidente della nuova repubblica messicana, avrebbe influenzato coloro che avrebbero ascoltato.

'Il suo obiettivo principale era semplice: gettare le basi affinché le donne potessero decidere e condurre le elezioni da sole', ha detto Trinidad. 'Dal suo punto di vista, ciò ha giovato a tutti nel loro insieme. Vide la società come un singolo organismo in cui ogni componente aveva una buona funzione per raggiungere il perfetto (ione). Hermila comprese che la partecipazione femminile era necessaria nella sfera pubblica '.

combien de temps laisser la teinture pour les cheveux bleus

Allora le donne messicane non erano nemmeno considerate vere cittadine e non potevano votare o candidarsi per un incarico. Avevano poco o niente da dire sulle leggi che li governavano. Galindo vide questa mancanza di potere politico come centrale nell'oppressione femminile e decise di porre rimedio alla questione in ogni modo possibile.

La stimata posizione di Galindo nell'esercito costituzionalista di Carranza le ha permesso di diffondere idee progressiste e le ha dato la possibilità di influenzare alcune delle prime leggi che includevano le donne, Trinidad ha detto Teen Vogue.

'La cosa più impressionante è la sua capacità di mettere in discussione l'identità femminile del suo tempo dalle sue letture e scritti', ha spiegato Trinidad. 'Questi elementi le hanno dato la possibilità di raggiungere il più alto livello politico che una donna potesse raggiungere allora (come) segretaria privata di Carranza e, con ciò, (lei) molto probabilmente ha usato la sua influenza nell'emissione di leggi come quella per il divorzio e la legge delle relazioni familiari '.

Trinidad notò che la posizione di Galindo era rivoluzionaria in sé e per sé.

'(Lei) era dello stesso rango dei suoi compagni di fazione in un mondo in cui non c'erano donne in quell'ambiente, o quelli che erano coinvolti avevano compiti di supporto', ha spiegato. 'Hermila fu in grado di trascendere quella zona; le sue lettere a Carranza rivelavano rispetto e affetto, ma anche sicurezza ».

Al di fuori del regno della politica elettorale, Trinidad ha affermato che Galindo voleva che le donne potessero scegliere i loro mariti senza interferenze da parte dei genitori in quello che viene chiamato 'amore libero'. Voleva che le donne potessero esercitare liberamente la propria sessualità, essere istruite sul controllo delle nascite e creare nuovi ruoli per se stesse dentro e fuori casa. Galindo ha anche sostenuto il divorzio e la destigmatizzazione di avere figli fuori dal matrimonio.

Annuncio pubblicitario

Come figlia della relazione di sua madre con un uomo sposato, Trinidad ha affermato che la spinta di Galindo verso l'educazione sessuale e 'l'amore libero' avrebbe potuto essere ispirata dal suo stesso bisogno di capire come la sua illegittimità fosse percepita nella società messicana contemporanea. Galindo era anche un critico schietto degli atteggiamenti rigorosi degli uomini cattolici nei confronti della sessualità e del genere, criticando l'istituzione del matrimonio come un ostacolo al progresso che le donne infantilizzate.

Galindo fu invitata a parlare al Primo Congresso Femminista del Messico nel gennaio 1916, dove usò il suo discorso per difendere il desiderio e l'educazione sessuale. In esso, Trinidad afferma che Galindo ha perdonato le donne per il loro istinto sessuale e ha suggerito che le donne potevano proteggersi da gravidanze indesiderate usando il controllo delle nascite e armandosi di una conoscenza dell'igiene personale.

'È stata fortemente criticata per la presentazione che ha tenuto al Primo Congresso Femminista', ha detto Trinidad. 'In effetti, dopo la sua lettura, un partecipante ha chiesto di distruggere il lavoro come' immorale 'e molti hanno sostenuto la proposta'.

Nonostante questa condanna delle sue convinzioni, Galindo si difese nel suo settimanale The Modern Woman, e partecipò persino al Secondo Congresso Femminista nel dicembre 1916. La sua richiesta di suffragio femminile fu accolta con scarso sostegno, disse Trinidad.

Poco dopo, la nuova costituzione messicana fu approvata nel febbraio del 1917 ed escludeva il diritto delle donne di votare e candidarsi per un incarico politico. Tuttavia, Galindo decise di correre, nonostante tecnicamente fosse negato quel diritto e sapendo che avrebbe perso.

'Si è lanciata come candidata per il 5 ° distretto dell'odierna Città del Messico', ha spiegato Trinidad. 'Ha concluso al quarto posto su 26 candidati e ha accettato volentieri la sua sconfitta perché ha affermato che la prima lezione per le persone che si dedicano alla politica è' sapere come perdere '.'

Oggi la femminista rivoluzionaria è celebrata per aver contribuito a inaugurare un Messico moderno e più equo.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: La vera storia di Las Soldaderas, le donne che hanno reso possibile la rivoluzione messicana