L'incarcerazione di massa è un grosso problema per le popolazioni indigene in Oklahoma. Ecco cosa sto facendo per aiutare

Politica

L'incarcerazione di massa è un grosso problema per le popolazioni indigene in Oklahoma. Ecco cosa sto facendo per aiutare

'Faccio questo lavoro perché capisco le lotte che attraversano tutti i trasgressori incarcerati'.

vagin pop cerise
17 settembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Alice Llop
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

In questo editoriale, Isabel Coronado spiega l'impatto del sistema giudiziario sui bambini con genitori incarcerati e come sta facendo la sua parte per affrontare l'incarcerazione di massa delle popolazioni indigene in Oklahoma.

Mi chiamo Isabel Coronado e sono una cittadina della nazione Mvskoke (Creek). Sono del clan del vento e della città tribale di Thlopthlocco. Di recente ho compiuto 22 anni e sto lavorando per un Master in sanità pubblica con particolare attenzione alle comunità rurali e sottoservite presso la Oklahoma State University.

Sono cresciuto come il figlio di una madre single indigena adolescente; mi ha dato alla luce quando aveva 17 anni. Più tardi, ha scoperto quanto sia duro il mondo - per sopravvivere, si è rivolta ad attività illegali per sostenerci. Non la biasimo per gli errori che ha commesso, perché, data la sua situazione e il suo ambiente, sono contenta che sia uscita viva.

Mia madre fu arrestata e condannata in prigione quando avevo sette anni. L'esperienza di vedere mia madre portata via fu frustrante e confusa. Nessuno voleva dirmi la verità su ciò che le stava accadendo e sul perché c'erano così tante forze di polizia a casa mia. Fu solo quando stavo imballando tutti i miei averi che mi resi conto che sarebbe passato molto tempo prima che vivessi di nuovo con lei. Mia nonna intervenne e subentrò come badante; in seguito ha spiegato, con amore, che mia madre ha preso decisioni sbagliate e per questo motivo non la vedevo per un po '.

Ho avuto l'opportunità di visitarla. Mi sono unito a Girl Scouts, che ha un programma per aiutare le ragazze a visitare i loro genitori in prigione. Ho un aneddoto divertente che dico alla gente del mio tempo da Girl Scout: quando le persone mi chiedevano dove ero solito vendere biscotti, pensavano al Walmart locale, ma in realtà era in prigione. Ne ho preso un calcio adesso, ma all'epoca era la cosa più imbarazzante del mondo.

à tous les garçons que j'aime

In generale, l'argomento era imbarazzante perché per gli altri, e per me stesso all'epoca, avere un genitore incarcerato significava che ero un bambino problematico. Quando l'argomento è emerso a scuola, direi che mia madre era in vacanza come un modo per evitare il ridicolo.

Mia madre è stata rinchiusa per due anni. Quando è uscita, ho capito che era una persona diversa: più sicura di sé, rilassata e in pace. Ha detto che era cambiata - e l'ha fatto! Tornò a scuola e inizialmente finì il college della comunità, seguito da un'università di quattro anni e poi da una scuola di legge. Ha raggiunto il suo obiettivo e ha servito la nostra tribù per diversi anni come avvocato per i diritti civili per i servizi di assistenza legale. È importante notare che non sarebbe stata in grado di realizzare molte di queste cose se non avesse avuto accesso a importanti programmi e risorse di rientro.

Mi guardo ancora indietro e sono sorpreso di dove fossi da bambino e dove sono ora - dal vivere in edilizia popolare e usare i buoni pasto e Medicaid a sostenermi ora. Ho avuto la fortuna di diplomarmi al liceo a 16 anni e ho conseguito la laurea di primo livello a 21. Ho superato entrambe le statistiche di diventare una madre adolescente e di essere incarcerata. L'ho fatto mantenendo il controllo delle nascite e facendo dell'istruzione la mia priorità numero uno. Sono orgoglioso del mio background e non mi vergogno più di condividere la mia storia. So che gli altri bambini nella mia posizione non sono sempre così fortunati e credo che ogni bambino non debba seguire le orme dei propri genitori, siano essi buoni o cattivi. Spetta a loro come vogliono cambiare il corso della loro storia.

Annuncio pubblicitario

Attualmente lavoro per il Southern Plains Tribal Health Board (SPTHB) di Oklahoma City. Come parte dell'acquisizione della formazione esperienziale, sono stato assegnato all'American Indian Criminal Justice Navigation Council (AICJNC) con il fondatore David LittleSun, che ha scontato 20 anni di carcere e ora viaggia e condivide la sua storia di successo. La visione del nostro consiglio è focalizzata sul potenziamento di alti livelli di autostima e sradicando la vergogna e le barriere attraverso l'opportunità. La nostra missione è dedicata all'educazione dei trasgressori, delle famiglie e delle comunità, collaborando con funzionari federali, tribali, statali e di contea, identificando le opportunità ed eliminando le lacune nella riforma della giustizia penale. Lo scopo dell'organizzazione è informare i trasgressori indiani d'America sui loro diritti, ruoli e responsabilità e, di conseguenza, diventare partecipanti attivi nei loro casi per ridurre la recidiva all'interno delle comunità tribali. Questo funziona per ridurre l'onere finanziario per le comunità statali e tribali e ridurre il tasso di criminalità complessivo. I trasgressori lavorano a stretto contatto con i nostri 'Navigatori', che sono ex criminali che ora sono storie di successo all'interno delle proprie comunità tribali. A causa del nostro programma innovativo, abbiamo recentemente ricevuto il nostro stato 501 (c) (3) senza fini di lucro e siamo alla ricerca di finanziamenti.

couleur des yeux brun millie bobby

Faccio questo lavoro perché capisco le lotte che attraversano tutti i trasgressori incarcerati, così come la famiglia che deve sopportarlo. Credo che il problema della detenzione in massa in Oklahoma possa essere ridotto con l'aiuto di organizzazioni non profit come il Consiglio di navigazione per la giustizia penale americana americana. Richiederà la partecipazione di tutti i settori - dalla difesa federale, statale, tribale, di contea e individuale - per contribuire a ridurre il problema che l'Oklahoma sta affrontando. Credo che il mio stato dell'Oklahoma abbia la capacità di combattere l'attuale numero elevato di indiani d'America incarcerati. Altrimenti, il ciclo generazionale continuerà per gli altri bambini che affrontano le stesse sfide che ho fatto. Senza l'aiuto della mia famiglia, Muscogee (Creek) Nation, Alpha Pi Omega, Southern Plains Tribal Health Board, American Indian Criminal Justice Navigation Council e Center for Native American Youth, non sarei in grado di continuare il mio lavoro di advocacy per aiutare crea un posto migliore per coloro che verranno dopo di me.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo:

  • Com'è crescere con un genitore dietro le sbarre
  • Come il lavoro carcerario sfrutta le persone incarcerate