Keke Palmer non ha riconosciuto Dick Cheney. Ecco cosa dovrebbe sapere dell'ex vicepresidente

Politica

Keke Palmer non ha riconosciuto Dick Cheney. Ecco cosa dovrebbe sapere dell'ex vicepresidente

In questo editoriale, Lucy Diavolo di Teen Vogue spiega perché Keke Palmer non dovrebbe scusarsi per non aver riconosciuto l'ex vicepresidente Dick Cheney, come ha fatto in una recente intervista.

12 settembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
NBC NewsWire / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Keke Palmer, una stella del film in uscita Hustlers, è stato chiesto durante un test del rilevatore di bugie con Vanity Fair se pensasse a True Jackson, il personaggio titolare della sua serie Nickelodeon Vero Jackson, vicepresidente, era stato un vicepresidente migliore di Dick Cheney, che ha scontato due mandati sotto George W. Bush dal 2001 al 2009. La risposta di Palmer di non riconoscere Cheney da allora è esplosa su Twitter.

'Odio dirlo, spero di non sembrare ridicolo, ma non so chi sia quest'uomo', ha detto Palmer, che ha interpretato un vicepresidente di 15 anni in un marchio di moda in TV. 'Voglio dire, potrebbe camminare per strada, non saprei come si chiama. Mi dispiace per quest'uomo '.

Un produttore di video MTV ha twittato una clip della sua risposta, che ha raccolto oltre 7.000 Mi piace dalla pubblicazione. Su Twitter, le persone hanno risposto rompendo le tastiere, esprimendo gelosia e ammirazione, confrontando l'impatto culturale di Cheney e Palmer fianco a fianco e facendo alcune richieste insolite.

https://twitter.com/gracbaum/status/1171975100519899137

https://twitter.com/LilyLulu/status/1172145481872330752

meilleur endroit pour se faire tatouer

Nessuno di noi sa cosa non sappiamo, e può volerci molto coraggio per ammetterlo, specialmente con la fotocamera. L'ammissione coraggiosa e diretta di Palmer di non riconoscere Cheney non dovrebbe essere vista come un oggetto di ridicolo, ma come un'opportunità di educazione.

Con questo in mente, ecco cosa Keke (o chiunque altro sia curioso) dovrebbe sapere di Cheney, ex CEO di una compagnia di combustibili fossili e politico repubblicano con una carriera che dura da decenni. Considerato un vice presidente estremamente impopolare che prese il potere senza precedenti, percorse una strada tortuosa attraverso i circoli repubblicani di Washington prima di diventare un architetto delle guerre in Afghanistan e Iraq.

Annuncio pubblicitario

Cheney è nato nel Nebraska nel 1941 ma è cresciuto a Casper, nel Wyoming, che era conosciuta come 'la capitale petrolifera delle Montagne Rocciose' nel 1890 e dove ora c'è un edificio federale che porta il nome di Cheney. Un cocaptain della squadra di calcio che ha continuato a sposare la regina del ritorno a casa, ha lasciato la Yale University prima di frequentare l'Università del Wyoming. Fu, in così tanti sensi, una visione pittoresca di una vita americana che produsse un uomo che divenne una forza importante nel movimento conservatore.

Al futuro vicepresidente furono concessi cinque progetti di differimento durante la guerra del Vietnam (che non era del tutto insolito). Ha iniziato la sua carriera politica nell'ufficio di un governatore e poi ha lavorato come stagista congressuale prima di unirsi all'amministrazione del presidente Richard Nixon come assistente di Donald Rumsfeld, un altro repubblicano con una controversa storia politica. Dopo le dimissioni di Nixon, Cheney sarebbe diventato capo dello staff della Casa Bianca per Gerald Ford all'età di 34 anni, la persona più giovane ad aver ricoperto la carica in quel momento.

Cheney è stato poi eletto al Congresso cinque volte, servendo un decennio come rappresentante solitario del Wyoming alla Camera (una posizione che ora occupa sua figlia), in gran parte durante l'amministrazione del presidente Ronald Reagan. Quindi è tornato alla Casa Bianca come segretario alla difesa del presidente George H.W. Cespuglio. Durante il suo mandato lì, ha guidato il Dipartimento della Difesa nella Guerra del Golfo, che ha considerato un modello di successo per l'intervento straniero che potrebbe essere potenzialmente emulato in futuro.

Dopo che Bill Clinton è stato eletto presidente, Cheney è entrato nel settore privato, servendo dal 1995 al 2000 come CEO di Halliburton, una società di ingegneria con una storia di 100 anni specializzata nell'estrazione di petrolio. Durante la campagna del 2004, il fatto che Halliburton fosse cresciuto come appaltatore militare durante il primo mandato di Cheney come vicepresidente venne esaminato, con un informatore che esponeva contratti dubbi.

Al momento del suo terzo periodo alla Casa Bianca, nel 2001, come vice presidente, Cheney era ufficialmente un motore e agitatore DC e, alcuni credevano, un burattinaio che tirava le corde di George W. Bush (qualcosa che Bush ha negato in termini osceni in un Intervista 2017). Con l'ascesa di Bush su un contestato risultato elettorale presidenziale del 2000, Cheney divenne un attore chiave nel sequestro della Casa Bianca da parte dei neoconservatori.

Il movimento del neoconservatorismo di destra potrebbe sembrare docile rispetto agli estremi di estrema destra di oggi, ma sulla scia delle elezioni del 2000, i suoi seguaci (noti anche come 'neocons') portarono un sentimento anticomunista della guerra fredda e l'opposizione alle rivoluzioni sociali degli anni '60 ai massimi livelli della potenza americana. Alcuni hanno definito Cheney un campione del programma americano di 'interrogatorio potenziato' (aka tortura); ha sostenuto il suo ritorno proprio l'anno scorso.

Il maggior impatto dei neocon in seguito agli attacchi dell'11 settembre fu forse sulla politica estera; sono stati criticati per il loro ruolo strumentale nel ristabilire l'imperialismo americano, come esemplificato dalle guerre in Afghanistan e Iraq. Le stime rilasciate dal Watson Institute for International and Public Affairs nel novembre 2018 di persone uccise dal 2003 come parte della cosiddetta Guerra globale al terrorismo si aggirano fino a mezzo milione, centinaia di migliaia dei quali erano civili. Il factoring nella Guerra del Golfo che Cheney ha aiutato a progettare durante la prima amministrazione Bush avrebbe messo la stima complessiva in milioni, secondo un rapporto del 2015 di Physicians for Social Responsibility.

Annuncio pubblicitario

È difficile mettere la vita di così tanti ai piedi di un uomo, ma è esattamente quello su cui un host - aspetta - Fox News ha fatto proprio all'inizio di questa settimana. Durante una protesta a sostegno del presidente Trump, Steve Hilton, un giocatore di potere conservatore britannico impazzito, incolpò Cheney per la devastazione in Medio Oriente, per la quale è stato definito un 'criminale di guerra' da ex funzionari dell'amministrazione Bush e un tribunale in Malaysia.

'(Dick Cheney) è stato letteralmente responsabile non solo delle migliaia di morti che giustamente attribuisce ai talebani: milioni di morti, miliardi di dollari sprecati nell'azienda di cui era amministratore delegato', ha detto Hilton mentre si lanciava su Liz Cheney, l'attuale rappresentante americano del Wyoming e figlia dell'ex vicepresidente. Hilton ha anche cercato di dare credito a Trump per aver cercato di ripulire 'il casino che tutte queste persone dell'establishment (hanno creato) con i loro compari complessi militari-industriali'.

Personalmente non penso che la politica estera di Trump sia qualcosa di cui vantarsi, ma l'argomento di Hilton che Cheney ha svolto un ruolo importante negli sforzi militari che hanno ucciso un numero incomprensibile di persone. Lo stesso vale per il fatto che era un campione di tortura e un legame chiave tra l'industria dei combustibili fossili e la seconda Casa Bianca di Bush. Il suo ruolo nella storia degli Stati Uniti sarà discusso a lungo, ma è chiaro che c'è molto di più da spiegare di quanto non ci sia da celebrare.

E così il bavaglio è che anch'io sono geloso che Keke Palmer non riconosca questo uomo a vista. Dicono che l'ignoranza è felicità, che tutti noi potremmo usare un po 'di tanto in tanto. Ma dobbiamo conoscere il nostro passato in modo da non essere condannati a ripeterlo.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: La guerra dei droni di Obama è qualcosa di cui dobbiamo parlare