Joshua Rush pensa che molte più celebrità dovrebbero diventare politiche

Politica

Joshua Rush pensa che molte più celebrità dovrebbero diventare politiche

Dall'altra parte della navata è una serie che esplora come i giovani alle prese con divisioni politiche in questo momento caotico della storia. Teen Vogue ha parlato con l'attore adolescente Joshua Rush del perché rifiuta di 'stare zitto' sulla politica.

2 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

La maggior parte delle celebrità tratta la politica partigiana come un terzo binario, diffidando di alienare qualsiasi fan associandosi a un partito politico.

Joshua Rush non è uno di questi.

A soli 17 anni, la star di Disney Channel e conduttrice del settimanale 'News in a Rush', è un drogato di politica disinvolta e democratico identificato da sé. Josh ha alle spalle una vasta esperienza nella campagna - dopo essersi offerto volontario per le campagne congressuali del 2018 del Texas 'Beto O'Rourke, dello Utah Ben McAdams e della California Harley Rouda, Katie Hill e Katie Porter - e ha trascorso l'estate scorsa a Capitol Hill internando per due membri del Congresso. Un tweeter prolifico, Josh usa il suo account per opporsi e scherzare su tutto, dal suo desiderio di abolire l'agenzia per l'immigrazione e le dogane alla sua sessualità (è uscito come bisessuale ad agosto) al suo disgusto per il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu.

In un Uber lungo la strada per incontrare il suo consulente universitario, Josh ha chiacchierato Teen Vogue di quanto sia raro per una celebrità essere così aperta sulle sue opinioni politiche.

maillot de bain bella thorne

Teen Vogue: Quando hai iniziato a pensare a te stesso come politicamente attivo, e quali problemi o momenti specifici ti hanno fatto pensare, Oh mio Dio, mi interessa davvero la politica.

Josh Rush: Ce n'è stata una coppia, ma ricordo il primo incredibilmente vividamente. Era la notte delle elezioni del 2012 e ho visto la copertura elettorale sulla CNN. Erano le due del mattino; la gara era già stata convocata ed eravamo io, Wolf Blitzer, una pinta di gelato e il mio laptop aperto a mostrare i risultati delle elezioni. Non mi ero mai veramente interessato al voto e alla politica e cosa no - sono cose per adulti, sai? E in quel momento ho capito, no, è qualcosa di veramente bello che mi piace molto e a cui sono davvero interessato. Quindi è diventato un interesse passeggero per un po ', e poi dopo le elezioni del 2016 e in vista delle elezioni del 2016 sono stato ancora più coinvolto. Dopo quello che sappiamo tutti è successo nel 2016, mi sono reso conto che dovevo davvero essere coinvolto e far sentire la mia voce. Fu allora che iniziò l'idea di 'Notizie in una corsa', il mio programma settimanale di notizie. Poi è arrivato solo l'attivismo politico generale - lavorando sulle campagne su cui ho lavorato, la campagna di Beto O'Rourke, Ben McAdams, Harley Rouda, Katie Hill, Katie Porter. Alla fine ha funzionato fino a diventare uno stagista a Capitol Hill, che ho appena finito (dopo) quattro mesi in D.C.

TV: Mi piacerebbe sapere qualcosa in più sul tuo tirocinio e su come è stata questa esperienza, visto come viene prodotta la salsiccia ...

JR: Ho lavorato per due membri del Congresso - ciascuno per circa due mesi, non era esattamente pari - e sono arrivato il primo giorno davvero preoccupato. Ero impazzito; Sapevo che sarei stata la persona più giovane nella stanza in ogni momento. E alla fine mi sono divertito moltissimo ... È incredibilmente stimolante essere circondati da così tante persone super intelligenti. E 'stato molto bello. Era una prospettiva molto nuova sulla politica.

TV: Su che tipo di problemi stavi lavorando?

JR: Quindi per me, i miei grandi problemi sono la politica estera, la politica di difesa e il conflitto israelo-palestinese. E il conflitto nel Mar Cinese Meridionale.

TV: E devi fare un po 'di lavoro su questo durante i tuoi stage?

JR: L'ho fatto. Per uno dei membri del Congresso ho fatto molto lavoro sui social media, e per l'altro ho fatto molto lavoro basato sulle politiche. Quindi ho dovuto scrivere lettere ai componenti; Devo rispondere a molte telefonate costituenti, che sono sicuro che a volte puoi immaginare siano interessanti. Ma ho avuto l'opportunità di parlare a nome di un vero membro del Congresso degli Stati Uniti, che è stata un'esperienza davvero interessante e davvero unica.

Annuncio pubblicitario

TV: Come ti senti riguardo al sistema a due parti? Ti identificheresti come un democratico? Come descriveresti le tue convinzioni politiche?

photos de maillot de bain ashley graham

JR: Sì, mi identifico come un democratico, probabilmente nell'ala più progressista. Non sono sicuramente la persona più progressista del pianeta, ma ho amici letteralmente su ogni lato dello spettro politico, dagli anarchici ai socialisti più duri ai conservatori, quindi non è tutto per me. Essere amici con qualcuno è più importante delle loro convinzioni politiche.

Per quanto riguarda il sistema a due parti, penso che sia quello che è. Penso che un sistema a tre parti probabilmente ci farebbe molto meglio; di più sarebbe ancora meglio, ma penso che molti paesi con un sistema multipartitico di ampia portata - vengono in mente Israele, il Regno Unito e il Canada - hanno due parti dominanti, qualunque cosa accada.

TV: È interessante notare che i principali problemi che hai identificato come problemi con gli animali domestici non sono la solita risposta che riceveresti da un giovane che parla della loro politica. Suppongo che anche tu ti interessi dei soliti, come i diritti di voto, i cambiamenti climatici e tutto il resto, ma quelli sono quelli su cui ti sei stancato.

JR: Sì, tutte le questioni sono importanti per me, ma per lo più sono piuttosto incerto sulla politica estera. Questo è quello che voglio studiare al college.

TV: Preferiresti avere una carriera in politica piuttosto che recitare a questo punto?

JR: Ah, la domanda scottante che anche i miei genitori pongono. Non ho una risposta, onestamente. Li amo entrambi e amo la carriera che ho costruito per me stesso a Los Angeles, e amo anche quello che sto costruendo per me stesso in questo momento a Washington, non so dove mi porterà il futuro, ma voglio studiare al college e imparare tutto ciò che posso. Non importa dove vada, voglio essere attivo in politica.

TV: Hai ricevuto qualche respinta dai fan o dai commentatori online per essere così aperto sul tuo punto di vista? In tal caso, come rispondete?

JR: Costantemente. La mia biografia su Twitter è una specie di porta girevole di insulti che la gente mi ha fatto pressioni per parlare di politica. (Una recente) è qualcuno che si riferisce a me come a qualcuno che non ha nemmeno 'sentito la punta del cazzo della vita'.

TV: Maleducato!

JR: Non è particolarmente bello. Penso che ci sia questa idea comune che, dato che sono un bambino e, a volte, perché sono sotto gli occhi del pubblico, dovrei stare zitto sulla politica e sedermi. Ma quando guardo cosa sta succedendo nel nostro paese in questo momento, non ho altra scelta che parlare. Non ho altra scelta che imparare il più possibile al riguardo, parlarne e cercare di educare i miei seguaci.

TV: I tuoi genitori si preoccupano che ciò metta a repentaglio la tua carriera (recitazione)? Ti sei mai perso un ruolo a causa di questo o qualcosa del genere?

JR: No, non la penso così. Il fatto di essere stato esplicito a riguardo è stato molto supportato dai miei genitori e da tutti quelli in cui sono mai stato impiegato. Onestamente, le persone più restrittive erano i membri del Congresso stessi, perché erano preoccupati che avrei detto qualcosa e sarei stato attaccato al loro nome e mettere a repentaglio le loro possibilità di rielezione.

TV: Abbiamo contattato altre giovani celebrità politicamente attive (per questa serie) e i loro rappresentanti lo hanno chiuso. Erano come 'Partisanship, non ci andiamo, quella è una terza ferrovia e non vogliamo alienare nessuno'.

Annuncio pubblicitario

JR: Molte persone pensano che sia importante tacere al riguardo. E non penso di avere quel lusso - non penso che nessuno di noi abbia quel lusso.

TV: Di recente sei uscito come bi. Puoi parlarci un po 'di come venire a patti con la tua sessualità e decidere di parlarne pubblicamente?

JR: In un certo senso lo sapevo da molto tempo nella parte posteriore della mia testa, e alla fine ho semplicemente deciso che era stupido e irrilevante per me non parlarne ai miei genitori. Quindi ho messo i miei genitori in una teleconferenza, perché ero a Washington, ho chiamato mio padre, ho sistemato mia madre e ho detto: 'Ciao, volevo che tu sapessi che mi piacciono gli uomini, le donne e altri generi, ma lo so sono tutti occupati, quindi vado subito '. E ho riattaccato. Questa era l'estensione. Ho ricevuto dei messaggi da entrambi un po 'più tardi, come 'Mmk, bello'. È esattamente quello che volevo. Non ho mai voluto farne un grosso problema, motivo per cui ho fatto uscire il mio vero tweet e non ho mai detto al mio pubblicista o al mio manager che stavo pianificando di farlo, con loro grande dispiacere.

Da qualche parte nella parte ingenua del mio cervello, ho pensato che non sarebbe stato un grosso problema che stavo uscendo, e poi lo è stato. E ne sono rimasto molto sorpreso.

TV: Presumo che tu stia seguendo da vicino la campagna 2020. Sai ancora chi stai supportando o è troppo presto per dirlo?

JR: Non mi sto limitando a dire chi sto supportando ancora perché voglio davvero un lavoro nella campagna - qualsiasi campagna, una qualsiasi di esse, tranne Tulsi Gabbard, John Delaney e Donald Trump.

TV: C'è qualche altro messaggio che hai per i giovani sulla politica prima del 2020?

comment faire éclater un bouton difficile

JR: Voglio davvero che tutti si preoccupino e pensino a ciò che sta accadendo il più possibile e ad usare la tua voce, sia che si tratti di proteste o di parlarne o, soprattutto, di ottenere il voto. Vai su tela, fai volontariato e poi vai ai primi sondaggi. Oh mio Dio, vai alle urne.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: