Sto rispondendo ad alcune delle domande più comuni (e invasive) poste ai disabili

Identità

Sto rispondendo ad alcune delle domande più comuni (e invasive) poste ai disabili

'Non sono sicuro del motivo per cui le persone confondono una sedia a rotelle con una cintura di castità'.

26 ottobre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Tony Huynh
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

In questo editoriale, Madison Lawson parla delle domande che le ha posto perché è disabile e del perché vuole rispondere sul suo nuovo podcast.

star est née meme

Se avessi trovato il mio vecchio profilo di Tinder, allora sapresti che sì, posso fare sesso. Diceva: 'Sì, curioso George, posso fare sesso, sembra che la tua disabilità sia la mancanza di creatività se ti senti costretto a iniziare una conversazione facendo questa domanda. Sono la combinazione di mettere Barbie e un Transformer in un frullatore. Alla ricerca di una relazione, non di un collegamento. Quindi, se non è quello che ti interessa, scorri verso sinistra perché è scortese fissare '. Non è che volevo necessariamente pubblicizzarlo, ma la gente mi chiede se posso farlo così tanto che ho dovuto mettere un disclaimer. Le persone con disabilità che hanno una vita sessuale sono un argomento tabù per la maggior parte dei motivi per me sconosciuti. Sono letteralmente solo una persona seduta, quindi non sono sicuro del motivo per cui le persone confondono una sedia a rotelle con una cintura di castità.

Mi chiamo Madi Lawson e sono una studentessa di giornalismo di 21 anni. Ho una rara forma di distrofia muscolare e uso una sedia a rotelle e ossigeno, motivo per cui il mio profilo Tinder ha anche detto che sono in parte Transformer. Avendo avventurato nella sfera di esca in passato, sapevo che c'erano idee sbagliate socialmente costruite sulla disabilità e le relazioni. Crescendo, non mi sono mai messo in discussione quando si trattava di relazioni. Mia madre mi ha sempre chiamato 'ragazzo pazzo' e mi ha detto che dovevo uscire con un grande calciatore forte in modo che potesse portarmi. Con i miei amici, ero sempre lì con loro a parlare di tutte le complessità delle mie varie cotte adolescenziali. Ho capito che le cose sarebbero un po 'diverse per me, ma ogni relazione ha le sue sfide, quindi su una scala di ostacoli che devo superare, non ho mai visto gli appuntamenti come uno di loro.

Essere una ragazza dai capelli rosa su una sedia a rotelle, o quella che mi piace chiamare una 'novità rotolante', non è raro che le persone mi facciano domande sulla mia vita. Mi è sembrato quasi impossibile quando un altro studente di giornalismo mi ha posto una moltitudine di domande per un progetto su qualcosa che non gli è familiare. Ma questa volta è successo qualcosa di diverso. 'Dovrei farti l'ovvia domanda', disse lo studente. Quando non sapevo quale fosse l'ovvia domanda, dissero: 'Dovrei farti una domanda sulla tua vita sessuale'.

Questo è stato il solo momento in cui mi sono davvero reso conto di come i corpi disabili 'altri' siano nel mainstream. Mi ha fatto capire quante persone sono male informate riguardo alle persone con disabilità e di cosa credono di essere capaci.

Dovrei chiederti della tua vita sessuale.

Nell'autunno del mio ultimo anno ho incontrato Rebecca Smith, che chiamo 'Becky', giornalista della salute per la stazione radio pubblica locale KBIA. Durante un'intervista, abbiamo legato il rossetto e la nostra passione per la difesa della disabilità. Abbiamo parlato di una varietà di problemi che abbiamo notato quando si tratta di soggetti disabili percepiti in pubblico e lei mi ha detto che aveva un'idea: voleva fare un podcast esplorando una varietà di argomenti attraverso l'obiettivo di qualcuno che ha una disabilità.

Abbiamo trascorso gli ultimi mesi in una cabina di registrazione documentando un anno della mia vita in un podcast e affrontando alcuni argomenti che una versione più giovane e più vulnerabile di me stesso avrebbe sicuramente apprezzato.

Il primo argomento che abbiamo trattato è stato l'amore, il sesso e gli appuntamenti e le complessità associate quando è coinvolta la disabilità - o immagino più l'illusione della complicazione che la società presume esista. Ho intervistato una mia cara amica che usa una sedia a rotelle e il suo ragazzo, e ci avviciniamo molto e personalmente alle loro esperienze. Copriamo tutto ciò che avresti potuto desiderare di sapere sulla disabilità e sugli appuntamenti e persino potenzialmente alcune cose che non volevi sapere.

comment minimiser mes pores
Annuncio pubblicitario

Continuiamo gli episodi con argomenti come l'amicizia, rispondendo alla domanda comune, 'Le persone con disabilità possono avere amici'? che a volte è fonte di confusione per gli estranei. In questo episodio, discutiamo della complessità dell'incrocio delle relazioni personali con il ruolo dell'assistenza. Ho parlato con i miei due coinquilini che sono stati scelti in modo casuale per l'anno scolastico e tu senti come è stato per loro essere vicini e personali con un unicorno selvaggio che ora chiamano loro amici. Puoi anche ascoltare la mia migliore amica che è il sole, la luna e tutte le stelle del mio universo, ed è stata anche la mia principale badante negli ultimi tre anni, Jessica King. Quando sono andato a scuola per la prima volta, il mio piano era innamorarmi, ed è esattamente quello che ho fatto, ma non nel modo in cui pensavo di farlo. Mi sono innamorato del mio migliore amico che, in cambio, mi ha insegnato ad amare me stesso.

Altri argomenti esplorati rispondono alle domande su come mi faccio i capelli in un salone, cosa può fare l'industria della moda per essere più inclusivo dei corpi disabili e persino un favorito della scuola elementare - come uso il bagno. Concludiamo il podcast con uno sguardo sulla salute mentale e sull'argomento della disabilità e sul lato più vulnerabile che non molte persone vedono da vicino. Quando le persone guardano una persona con disabilità, è un'idea sbagliata comune che la loro vita sia triste e che se sembrano tristi deve essere perché sono disabili. Per la maggior parte non mi arrabbio molto spesso per la mia disabilità. Non mi sveglio mai la mattina triste perché non riesco a camminare o piangere i miei polmoni che non respirano più così bene da soli. Non mi aspetto che il mio corpo faccia cose che so di non poter più fare. Mi rattrista perché i ragazzi possono essere stupidi, o perché sono stressato per un esame o perché semplicemente non ci sono mai abbastanza ore al giorno.

Uno dei principali obiettivi del podcast è quello di affrontare alcuni argomenti che non hanno familiarità con le persone che non hanno disabilità, in modo che possano avere risposta alle loro domande, sperando che non siamo così diversi. Mentre voglio che le persone si sentano a proprio agio nel parlare con le persone con disabilità degli argomenti che ho discusso, voglio che capiscano che devi farlo rispettosamente. Solo perché mi sono aperto su un sacco di argomenti personali non significa che puoi semplicemente chiedere a qualsiasi persona con disabilità la sua vita sessuale. Parla di questi argomenti nel contesto di come ne parleresti a chiunque altro. Quando si pensa se sia appropriato porre o meno queste domande, pensare, dovrei porre a una persona di buon corpo questa stessa domanda? Se la risposta è no, è troppo invasiva e probabilmente ti stai avvicinando all'argomento in modo involontariamente offensivo.

popping cerise sexe

In definitiva questo viaggio nella creazione di questo podcast mi ha insegnato molto su me stesso e sulle persone più vicine a me. Mi ha dato la possibilità di riflettere sulle mie esperienze personali e documentare gli ideali che mi rendono ciò che sono. È intimo, vulnerabile e personale in modi in cui potresti non aver mai sentito parlare di una persona con disabilità. Quando incontro qualcuno, di solito le loro opinioni sulle cose cambiano molto dopo che sono illuminate dalle esperienze che condividiamo una volta entrato nella loro vita. Come dice Jessica nel podcast, 'Non dovresti incontrare e innamorarti di una persona solo per voler lottare per avere gli stessi diritti di te'.

Quindi, preparati a piangere brutto, ma non perché ti dispiace per me. Non sono una storia singhiozzante, a meno che tu non definisca una storia singhiozzante come una che ti fa ridere così forte da piangere. Ma soprattutto, preparati a pensare alla disabilità in modi che potresti non averci mai pensato prima.

Relazionato: Perché l'educazione sessuale per i disabili è così importante

Lasciaci scivolare nei tuoi DM. Iscriviti al Teen Vogue email giornaliera.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.