Come la tuta Zoot è diventata un simbolo di resistenza per il popolo messicano-americano

Politica

Come la tuta Zoot è diventata un simbolo di resistenza per il popolo messicano-americano

Nacque dalle comunità nere e alla fine aiutò anche i marroni a reagire.

d'où vient la k pop?
21 settembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Collezione Anthony Potter
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

E storia è una serie di Teen Vogue in cui scopriamo la storia non raccontato attraverso una lente cisheteropatriarchal bianca.

Il protagonista senza nome nel romanzo di Ralph Ellison del 1952 Uomo invisibile dettagli vivaci la prima volta che hanno incontrato una tuta da zoot: 'Era come se non avessi mai visto i loro simili: camminare lentamente, le spalle ondeggiare, le gambe oscillare dai fianchi in pantaloni che si gonfiavano verso l'alto da polsini aderenti alle caviglie ; i loro cappotti lunghi e attillati con spalle troppo larghe per essere quelli degli uomini occidentali naturali. Quasi 10 anni prima della pubblicazione del libro, Ellison ha scritto un pezzo per una piccola rivista in cui ha reinventato l'abito ostentato come un tentativo da parte della gioventù nera della classe operaia di respingere consapevolmente le idee bianche della classe media di rispettabilità. La causa ha una storia lunga e storica, che include sovversione politica e repressione violenta. La tuta zoot - uno stile definito da spalline esagerate, pantaloni a palloncino a vita alta con risvolto alla caviglia e lunghe e scintillanti catene di orologi - può essere ricondotto direttamente alle sale da ballo nere nel quartiere Harlem di New York City nel mezzo Anni '30, dove i suoi creatori trovarono la misura oversize e le caviglie con risvolto ideali per muoversi liberamente sulla pista da ballo. Un decennio più tardi, le persone della classe operaia nere e non nere in tutto il paese potevano essere viste indossare un ensemble percepito dalla classe media bianca come sgargiante, persino offensivo. Era sgargiante in ogni modo possibile, un richiamo consapevole all'attenzione e molto più di una dichiarazione di moda.

Nella comunità messicano-americana, specialmente a Los Angeles, è diventato un promemoria iper visibile per la società e il dipartimento di polizia di Los Angeles che, nonostante gli sforzi per pacificare l'orgoglio messicano, i giovani sono rimasti particolarmente impegnati a rivendicare a gran voce la propria identità e occupare spazio da soli termini. Durante la seconda guerra mondiale, la tuta dello zoot divenne illecita nella società bianca e il motivo era duplice: da un lato, c'era una carenza di tessuto e i semi dello zoot erano visti come non patriottici dalla natura pura di quanto tessuto richiedessero, e d'altra parte, erano una forma sartoriale di disobbedienza. La causa era un aperto rifiuto dei codici morali propagati dagli americani bianchi borghesi santi, che lo vedevano come un segno di delinquenza giovanile e la prova che i bambini messicano-americani senza sorveglianza, molti dei cui genitori probabilmente stavano servendo in guerra o avevano i nuovi lavori in fabbrica stavano andando fuori controllo. Ma per i giovani messicano-americani, il seme era la base di una sottocultura ribelle definita da musica jazz, danze swing, fumo di marijuana e gergo jive. Il costoso vestito, che Malcolm X ricorda di aver acquistato a credito nella sua autobiografia, era la prova dello status. La sua popolarità non fu stimolata dal desiderio di fare una dichiarazione politica, ma il contesto sociale in cui divenne popolare lo rese intrinsecamente politico.

Nel 1943, la causa dello zoot divenne il punto focale di un attacco frontale alla comunità messicano-americana di Los Angeles. Le tensioni erano aumentate per anni tra la comunità LAPD e Latinx e raggiunsero un punto di ebollizione quell'estate quando marinai, soldati e marines americani bianchi di stanza in tutta la California del sud assaltarono le comunità messicano-americane e nere a Los Angeles, attaccando e spogliando chiunque indossasse un tuta zoot - anche quelli che non la indossano. Victor Silva, che all'epoca aveva 12 anni, ricorda di essere seduto in un teatro in lingua spagnola quando uomini in uniforme saltarono fuori da un camion e iniziarono a trascinare fuori i frequentatori di film di Latinx, picchiandoli poi spogliandoli in mutande. Ricorda che il LAPD non ha fatto nulla per fermarli. Semmai, dice, guidarono di fronte ai camion per scortarli. 'Mi ha colpito alla testa in quel momento', ha detto al Los Angeles Times in un'intervista del 2018. 'Potevano fare quello che volevano'. Per 10 giorni, Los Angeles è stata immersa in quello che alla fine sarebbe passato alla storia come Zoot Suit Riots.

Annuncio pubblicitario

La motivazione originale per gli attacchi è spesso contestata dagli storici, ma è chiara la sua connessione, diretta o meno, alla Prova della Laguna Sonnolenta e al clima politico che essa ha prodotto. L'anno precedente, la morte di Jose Gallardo Diaz divenne il punto focale di un processo altamente politicizzato a Los Angeles. Il suo corpo è stato trovato vicino a una vasca da bagno che la gente del posto chiamava Sleepy Lagoon, un luogo frequentato dai giovani messicano-americani. Nonostante le prove mediche che indicano che Diaz è stato colpito da un'auto mentre è ubriaco, il LAPD ha rapidamente attribuito la morte alla violenza legata alle bande. Ventidue uomini messicano-americani furono successivamente arrestati e accusati di omicidio. Prima dell'inizio del processo, il cosiddetto esperto del dipartimento dello sceriffo disse a un comitato della giuria, 'l'elemento messicano ha un desiderio innato di usare un coltello o qualche arma letale. In altre parole, il suo desiderio è quello di uccidere, o almeno, lasciare che il sangue '. Gli uomini furono infine rilasciati nel 1944, quando la Corte d'appello dello stato decise all'unanimità che non c'erano prove sufficienti per sostenere il verdetto di colpevolezza e invertì le convinzioni, ma non prima che la forza dell'organizzazione messicana-americana per i diritti civili Il comitato di difesa della laguna sonnolenta piovesse giù in città. Tuttavia, LAPD e i media locali sono rimasti impegnati a garantire che la comunità messicano-americana non sia rimasta illesa. La città ha chiarito la sua posizione sulla causa dello zoot, che rappresentava sia il fiele della gioventù messicana sia la minaccia della criminalità.

E così gli attacchi di militari militari 24 ore su 24 a queste comunità nel 1943 offrirono l'opportunità di palese violenza contro i pretendenti zoot. Mentre la polizia potrebbe aver sanzionato tacitamente gli attacchi, i media di Los Angeles li hanno avventati spudoratamente. Quando i disordini iniziarono a placarsi, il Los Angeles Times raccontò una storia quella estate che recitava: 'Quei dandy gaminosi, i fanatici degli zoot, dopo aver imparato una grande lezione morale dai militari, per lo più i marinai, che hanno ripreso le loro istruzioni tre giorni fa, stanno a casa le notti'.

Alla fine, la mania del seme zoot si spense, ma non senza rivendicare un posto nella storia come simbolo di resistenza durante un periodo di spirale spirale tensioni razziali.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo:

mtf prenant le contrôle des naissances
  • 47 anni fa avvenne la rivolta della prigione dell'Attica e scatenò il movimento di riforma della prigione
  • Cosa possiamo imparare dalle proteste DNC da 50 anni