Come sono cambiate le leggi sulla prevenzione della violenza armata dopo le riprese di Parkland

Politica

'È solo notte e giorno'.

Di Lucy Diavolo

14 febbraio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Il Washington Post / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

È passato un anno da quando la tragedia ha colpito Parkland, in Florida, dove, il 14 febbraio 2018, un uomo armato è entrato nella High School di Marjory Stoneman Douglas (MSD) e ha ucciso 17 persone.





Dopo l'orrore, un riflettore luminoso brillava sugli studenti di MSD, che decisero tra il dolore e il trauma di catturare quell'attenzione e usarla per guidare una conversazione nazionale sulle leggi sul controllo delle armi. Emma Gonzalez, David Hogg e molti dei loro compagni di classe si sono ritrovati trasformati dagli studenti delle scuole superiori in alcuni degli attivisti politici più visibili della nazione. E hanno condiviso quella piattaforma con giovani attivisti in tutto il paese, che stavano già affrontando la violenza armata nelle loro comunità.

Allison Anderman è il procuratore generale del Giffords Law Center, un'organizzazione per la prevenzione della violenza armata. Lei disse Teen Vogue che, dopo Parkland, fu 'un anno senza precedenti' per la legislazione sulla prevenzione della violenza armata. Mentre il numero di fatture del 2018 che l'organizzazione ha tracciato (1.638) non era insolito, afferma che l'importo che è diventato effettivamente legge era insolitamente alto. Secondo il Giffords Law Center, 67 progetti di legge sull'emissione sono stati firmati in legge nel 2018.

'È solo giorno e notte da quando la parte giovanile di questo movimento è decollata a febbraio / marzo e negli anni precedenti', afferma Taylor King, un organizzatore studentesco di 20 anni con Students Demand Action, dice Teen Vogue.

Per aiutare a comprendere tutta la legislazione dai tempi di Parkland, Teen Vogue è qui con i dettagli su quali proposte hanno avuto successo politico nell'ultimo anno con l'aiuto e le intuizioni di Anderman, King e della segretaria stampa Phoebe Kilgour di Everytown for Gun Safety.

Divieti di violenza domestica

La violenza domestica - sia la violenza da parte dei partner sia quella della famiglia - possono essere un fattore determinante sia per le sparatorie di massa che per la violenza armata, in generale. In alcune delle sparatorie scolastiche più mortali del 2018, anche una storia di violenze per incontri con adolescenti è stata un fattore determinante.

Alcuni legislatori sembrano aver preso piede. Secondo il Giffords Law Center, le leggi sulle armi che rendono più difficile per gli utenti domestici ottenere o possedere armi da fuoco sono state approvate in 11 stati l'anno scorso: California, Kansas, Louisiana, Maryland, New York, Ohio, Oregon, Pennsylvania, Utah, Vermont e Washington .

'Ciò che la ricerca ci dice è che uno dei modi più efficaci per prevenire la violenza armata è assicurarsi che le persone con storie pericolose non abbiano accesso alle armi', afferma Kilgour di Everytown. Nota che la questione è stata a lungo al centro di Moms Demand Action, quello che lei chiama 'il braccio di base di Everytown'.

'La cosa interessante dei progressi delle politiche di violenza domestica dell'anno scorso è che in qualche modo ha sposato l'indignazione post-Parkland con il lavoro che i sostenitori degli Stati avevano fatto per molto tempo per approvare queste politiche', spiega Kilgour. 'Hai visto stati come la Pennsylvania, dove i volontari di Moms Demand Action hanno trascorso quattro anni a chiedere una legge sulla violenza domestica; quella legge è finalmente diventata legge l'anno scorso '.

Anderman sottolinea che la violenza domestica con armi da fuoco ha un impatto particolarmente grande sulle donne, che la ricerca sostiene. Dice che i dati hanno contribuito a rendere il problema uno dei più facili per il compromesso bipartisan: 'Le persone su entrambi i lati della navata riconoscono che gli utenti domestici non dovrebbero avere accesso alle armi'.

Ordini di protezione dai rischi estremi '(bandiera rossa')

Simile nello spirito alle proibizioni delle armi di violenza domestica, ma diverso nel modo in cui funzionano legalmente, è un sistema per gli ordini di protezione dai rischi estremi (ERPO), che a volte vengono chiamati leggi della 'bandiera rossa'. (Anderman afferma che questo termine può essere problematico, poiché può stigmatizzare le persone che affrontano crisi di salute mentale.)

Annuncio pubblicitario

'Penso che la politica più significativa che è stata ampiamente adottata a seguito di Parkland siano state le leggi sull'ordine di protezione dai rischi estremi', afferma Anderman, 'e quelle sono leggi che consentono a un familiare e / o un ufficiale delle forze dell'ordine di chiedere un ordine del tribunale per disarmare temporaneamente qualcuno chi è pericoloso, si comporta in modo pericoloso '. Rileva che otto stati - Delaware, Florida, Illinois, Maryland, Massachusetts, New Jersey, Rhode Island e Vermont e il Distretto di Columbia - hanno messo in atto queste politiche, aggiungendo solo a una manciata che aveva già qualcosa di simile sui libri, facendo 'un aumento molto sostanziale'.

besty johnson robes de bal

Kilgour spiega come Parkland ha contribuito a generare interesse legislativo per le leggi ERPO, affermando: 'Una delle cose a cui la gente ha veramente risposto dopo che le riprese erano solo il semplice numero di segnali di avvertimento nella storia di quel tiratore e quella che sembra una quantità enorme di informazioni che indicavano non avrebbe dovuto avere accesso alle armi da fuoco. Dice che le nuove leggi 'stanno già salvando vite umane'.

'Penso che sia una risposta alla realtà che molte di queste politiche sono di buon senso, giusto'? Dice Kilgour. 'Penso che questo sia ciò a cui stai assistendo che gli Stati rispondano, è proprio il senso comune di queste politiche'.

Oltre agli ERPO, esistono ordini restrittivi di violenza armata (GVRO), che realizzano cose simili. La differenza chiave tra questi ordini e i divieti di violenza domestica, afferma Kilgour, è una delle tempistiche: 'Molta politica di violenza domestica si concentra maggiormente sul divieto a lungo termine, ma a volte è necessario un divieto a breve termine per assicurarsi che viene affrontata una situazione immediata '.

Controlli in background

Secondo il Giffords Law Center, sette stati hanno creato o migliorato in base alle leggi sul controllo dei precedenti nel 2018: Florida, Louisiana, New Jersey, Oregon, Tennessee, Vermont e Washington. Kilgour spiega che istituire controlli di base più approfonditi è stato a lungo al centro dell'attenzione a causa di una semplice scappatoia che può davvero indebolire la legislazione.

'Negli Stati Uniti, c'è qualcosa che noi sostenitori comunemente chiamiamo la scappatoia di controllo dei precedenti', afferma. 'In pratica, ciò significa che puoi andare online, puoi andare a uno spettacolo di armi e acquistare una pistola senza passare un controllo sui precedenti penali'.

Mentre gran parte degli sforzi degli attivisti si concentra a livello statale, al momento esiste un'iniziativa federale per istituire controlli di base, il Bipartisan Background Checks Act del 2019. Kilgour osserva che ha un 'supporto bipartisan travolgente' e Taylor sottolinea che il sondaggio indica che il sondaggio indica che fino al 97% del paese supporta controlli in background.

Kilgour afferma che i controlli di base sono una pietra miliare della prevenzione completa della violenza armata perché, senza di essi, cose come i divieti di violenza domestica possono essere quasi impossibili da applicare. Vale a dire, un abusatore domestico non può essere fermato dall'acquistare un'arma se nessuno controlla per vedere se ha una storia di abusi domestici.

Alcune delle nuove disposizioni sul controllo dei precedenti sono state approvate in pacchetti più completi; Kilgour nota che stati come Washington, Vermont e Florida hanno approvato queste leggi più grandi che comprendevano diversi tipi di misure di prevenzione della violenza armata.

Leggi sull'età minima

Florida, Vermont e Washington hanno tutti inasprito le leggi sui requisiti di età minima per gli acquisti di armi nei loro pacchetti post-Parkland - anche la California si è unita a loro. La spinta di queste leggi è quella di rendere difficile vendere pistole ai giovani o impedire ai giovani di possederli.

'Alzare l'età minima per comprare pistole a 21 anni è più un riconoscimento del fatto che i giovani di età compresa tra 18 e 21 anni corrono un rischio sproporzionatamente alto di commettere violenza e molte delle sparatorie di massa di alto profilo negli ultimi anni sono stati commessi da individui di quella fascia d'età ', spiega Anderman. 'E quindi, in sostanza, queste leggi sono un modo per aumentare il controllo sugli individui di età inferiore ai 21 anni che acquistano armi da fuoco'.

Annuncio pubblicitario

Il tiratore di Parkland aveva 19 anni e il tiratore di Santa Fe ne aveva 17. Secondo la BBC, i dati sui tiri di cinque anni della scuola indicano che il tiratore medio è un ragazzo di 16 o 17 anni.

Divieti per armi da fuoco

Esistono alcuni tipi di accessori e modifiche alle pistole che possono renderle ancora più letali. Questo è diventato parte della conversazione nazionale dopo che un attaccamento di massa ha contribuito a rendere le riprese di Las Vegas del 2017 le più letali della storia moderna.

'Nella sparatoria di Las Vegas, il tiratore ha usato armi da fuoco dotate di paracadute che essenzialmente consentono a un'arma da fuoco semiautomatica di imitare la velocità di fuoco di una mitragliatrice completamente automatica', spiega Kilgour. 'Dopo la sparatoria di Parkland, nove stati hanno approvato leggi che vietano la vendita o il possesso di scorte - la Florida tra questi stati'.

Secondo il Giffords Law Center, la California, il Connecticut, il Delaware, la Florida, le Hawaii, il Maryland, il New Jersey, il Rhode Island, Washington e il distretto di Columbia hanno approvato la legislazione o rafforzato la legislazione esistente che proibisce l'uso di scosse o altri attivatori di trigger.

'Penso che anche la maggior parte delle persone possa riconoscere che non esiste un uso legittimo per un dosso', afferma Anderman, 'e che tutto ciò che fa è essenzialmente aumentare la catastrofica perdita di vite umane in una sparatoria'. Nonostante il successo dei divieti di ammasso, altri accessori per armi da fuoco si sono dimostrati più difficili da vietare a causa della pressione esercitata dalla lobby delle armi, afferma.

'La lobby delle armi ha un momento più difficile con (vietando le riviste di munizioni di grande capacità), e in genere i legislatori che sono osservati nella lobby delle armi hanno un momento più difficile con (esso'), dice. 'Davvero non posso dirti perché'. Dice che riviste di munizioni più grandi possono contribuire direttamente ai tassi di vittime nelle sparatorie di massa.

'Sappiamo che quando un tiratore è costretto a ricaricare, offre alle forze dell'ordine e agli altri astanti l'opportunità di intervenire o fuggire, come è avvenuto in molte sparatorie di alto profilo', spiega.

Perdite nella lobby delle armi

Tutte queste nuove disposizioni sono arrivate nonostante la lobby di armi estremamente ben finanziata e ben organizzata, forse meglio rappresentata dalla National Rifle Association.

'La lobby delle armi è stata davvero vanificata dai suoi sforzi per spingere la sua agenda dopo Parkland, che è stata una grande vittoria per la prevenzione della violenza armata', spiega Anderman. 'In realtà non hanno ottenuto molto'.

'Ogni anno dal 2014 sono riusciti a eliminare il requisito secondo cui una persona che trasporta in pubblico una pistola caricata e nascosta ottiene un permesso ed è soggetta a un controllo dei precedenti', afferma, affermando che questo tipo di legislazione viene definito da Giffords come 'trasporto senza permesso'. L'anno scorso è stato il primo dal 2014 in cui non sono state approvate con successo le leggi sul carryless, afferma, 'in effetti, una legge sul carryless ha raggiunto la scrivania del governatore in Oklahoma e, molto saggiamente, il governatore ha posto il veto'.

Anderman afferma che, sebbene la misura appaia di buon senso, l'ondata di attivismo post-Parkland ha un ruolo nel trattenere gli sforzi della lobby delle armi quando si trattava di fatture per il trasporto senza permesso: 'Seguendo Parkland, non so che ci fosse molto appetito per espandere davvero la capacità delle persone di portare armi senza un controllo dei precedenti in pubblico '.

Qual è il prossimo?

Come notato sopra, molte delle disposizioni messe in atto nel 2018 facevano parte di pacchetti più ampi di misure di riforma. Kilgour fa un'analogia con la sicurezza delle auto per spiegare la natura di tutto ciò.

'Quando abbiamo deciso che volevamo rendere le auto più sicure, non ci siamo limitati a metterle le cinture di sicurezza e a chiamarle un giorno', afferma. 'Avevamo le cinture di sicurezza, gli airbag, le chiusure di sicurezza per i bambini, i vetri infrangibili. Abbiamo aggiunto una serie di cose che li hanno resi più sicuri e lo stesso vale per la prevenzione della violenza armata: nessuna politica salva ogni vita '.

Annuncio pubblicitario

'L'anno scorso è stato certamente un anno storico per la prevenzione della violenza armata a livello statale', afferma Kilgour. 'Penso che continuerai a vedere queste politiche guadagnare slancio quest'anno e nel futuro'.

Anderman concorda sul fatto che l'energia dopo Parkland era potente e spiega che Parkland ha aiutato le organizzazioni formate sulla scia delle riprese di Sandy Hook a guadagnare terreno.

'Sono entrato in questo lavoro poco dopo Sandy Hook, e da quello che posso dire, c'è stato un grande cambiamento nel movimento di prevenzione della violenza armata che è accaduto a seguito di Sandy Hook, in particolare', spiega, spiegando che la coalizione delle organizzazioni per la prevenzione della violenza armata ha fornito 'molti più attivisti e professionisti in questo movimento'.

'Negli ultimi cinque anni, l'intero movimento ha lavorato ancora di più e in modo ancora più intelligente per educare i legislatori su queste politiche e abbiamo gettato le basi che hanno portato al passaggio di così tante leggi conseguenti a seguito di Parkland', afferma. .

Taylor, di Students Demand Action, ha beneficiato di quell'infrastruttura esistente e ha visto altri giovani attivisti fare lo stesso. 'Dopo Parkland, molti studenti hanno capito che (erano) arrabbiati da molto tempo, ma che non erano i soli ad essere arrabbiati da molto tempo', dice. 'Siamo stati fortunati ad avere un'infrastruttura nell'attuale movimento di prevenzione della violenza armata per catturarci e aiutare a sfruttare la nostra rabbia'. Taylor crede che i legislatori siano molto più ricettivi ora rispetto a prima e spera che l'energia sfruttata dopo Parkland possa essere sostenuta.

'Penso che assicurarsi che le persone siano consapevoli del fatto che sarà una lotta a lungo termine e che ci saranno successi e fallimenti, solo perché una certa cosa che stai perseguendo o combattendo non lo fa' Non mi alleno, non significa che dovresti arrenderti ', dice.

'Non significa che la prossima cosa non sarà una vittoria'.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

quel téléphone a kendall jenner

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Come l'attivismo giovanile ha cambiato il Paese nell'anno in cui Parkland