Come le proteste della Convenzione nazionale democratica del 1968 hanno contribuito a definire un decennio

Politica

Come le proteste della Convenzione nazionale democratica del 1968 hanno contribuito a definire un decennio

E storia è una serie di Teen Vogue in cui scopriamo la storia non raccontato attraverso una lente cisheteropatriarchal bianca.

28 agosto 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
I manifestanti si affrontano con le guardie nazionali armate durante la Convenzione nazionale democratica, Chicago, Illinois, 28 agosto 1968. La convenzione si tenne all'Anfiteatro internazionale tra il 26 e il 29 agosto e vide l'annuncio ufficiale di Hubert Humphrey come candidato alla presidenza democratica ed Edmund Muske come candidato alla vicepresidenza. (Foto di CBS Photo Archive / Getty Images) CBS Photo Archive / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Il 1968 è stato un anno importante nella storia.

Il reverendo Dr. Martin Luther King Jr. è stato assassinato a Memphis, nel Tennessee, il 4 aprile, causando manifestazioni in tutto il paese, in particolare le comunità di colore. La rabbia contro la guerra fu onnipresente quando il presidente Lyndon B. Johnson annunciò nel marzo 1968 che stava 'facendo il primo passo per ridurre il conflitto' in Vietnam, poco dopo l'aumento del numero massimo - a circa 550.000 - degli Stati Uniti truppe militari su terra straniera con l'intento di sconfiggere il paese impoverito di meno di 40 milioni di persone. Ciò ha ulteriormente alimentato il movimento nazionale contro la guerra, in particolare a seguito del micidiale massacro di My Lai che ha ucciso 504 civili vietnamiti disarmati il ​​28 marzo.

Il 1968 fu anche un anno elettorale presidenziale. Robert F. Kennedy lanciò una campagna presidenziale quella primavera, per poi essere assassinato il 5 giugno. Alle elezioni erano presenti l'ex vice presidente repubblicano Richard Nixon e il vice presidente democratico Hubert Humphrey. Humphrey non è stato scelto come candidato fino alla Convenzione nazionale democratica, che si è svolta a Chicago dal 26 al 29 agosto. (Alle convenzioni nazionali organizzate dal Comitato nazionale democratico e dal Comitato nazionale repubblicano, i delegati precedentemente eletti da ogni stato hanno espresso il loro voto per il candidato alla presidenza del partito, a cui sono tipicamente 'impegnati' prima ancora di arrivare alla convention.) L'opponente di Humphrey per la nomina democratica era il senatore Eugene McCarthy, che correva su una piattaforma contro la guerra.

Con le energie dei diritti civili e dei movimenti contro la guerra combinati, attivisti di sinistra, organizzatori e dissidenti di tutti i giorni erano desiderosi non solo di disimpegnarsi con il Partito Democratico, ma anche di protestare attivamente contro la loro complicità nell'imperialismo degli Stati Uniti. Hanno scelto di esprimere questo dissenso di fronte ai più potenti leader democratici della nazione, al di fuori del DNC.

Teen Vogue ha parlato con lo scrittore Bill Roberts, che ha vissuto a Chicago nel 1968 ed era presente durante diverse manifestazioni fuori dal DNC, dove migliaia si sono radunate insieme.

Mentre ammette di essere più un osservatore, Roberts - un ufficiale del sindacato degli assistenti pubblici dell'epoca - ha spiegato che non è mai arrivato così lontano a causa della polizia e dei soldati ... non ci lasciano andare , hanno bloccato le strade '. Ma ciò non gli ha impedito di aiutare i manifestanti con gas lacrimogeni a fuggire dalla scena e andare via con il suo autobus Volkswagen parcheggiato nelle vicinanze, dice.

Annuncio pubblicitario

Mentre le persone hanno iniziato a riunirsi già dal 22 agosto, una settimana prima della convention, l'apice della violenza si è verificato il penultimo giorno delle attività della convention. Fino a 10.000 manifestanti sono stati coinvolti in azioni dirette, tra cui una marcia, secondo l'autore John Schultz in Nessuno è stato ucciso. Schultz ha osservato che la marcia non è stata approvata con un permesso.

Fu incontrato resistenza all'esterno di un hotel dalle forze dell'ordine locali e dai militari. Secondo NPR, il sindaco Richard J. Daley aveva già ordinato il dispiegamento di 12.000 agenti di polizia, 6.000 membri della Guardia nazionale e 6.000 truppe dell'esercito durante la settimana del DNC. E questi ufficiali hanno attaccato violentemente i manifestanti con i loro manganelli e gas lacrimogeni, con l'intenzione di intimidire la gente dall'andare avanti nelle loro proteste. Le principali agenzie di stampa, come la CBS e la NBC, avevano giornalisti sul campo che documentavano il conflitto, alcuni dei quali erano stati aggrediti, come i corrispondenti della CBS Mike Wallace e Dan Rather, che erano stati maltrattati dalle guardie di sicurezza.

Le proteste hanno fatto notizia a livello nazionale, ma molti media sociali hanno cancellato le manifestazioni come una rivolta. 'Alcuni giornali lo hanno definito una rivolta della polizia, ma non l'ho visto in quel modo', afferma Roberts.

'Definire gli eventi di strada e parco una' rivolta della polizia 'significa sottrarsi a ciò che è accaduto e alle sue implicazioni', ha scritto lo studioso dei media Todd Gitlin - che era stato 'colpito alla testa una volta, gasato più volte, inseguito dagli sbirri, minacciato 'alle proteste - in avanti di Nessuno è stato ucciso. 'La polizia di Chicago stava agendo sotto gli ordini e lo hanno ripetutamente affermato'.

Su quasi 600 arresti, otto manifestanti conosciuti come i cofondatori del Chicago Seven - Youth International Party (Yippies) Abbie Hoffman e Jerry Rubin; Tom Hayden, cofondatore di Students for a Democratic Society (SDS); Il presidente della Pantera Nera Bobby Seale; David Dellinger e Rennie Davis del National Mobilization Committee to End the War in Vietnam (MOBE); John Froines; e Lee Weine - furono accusati a livello federale di cospirazione, incitamento a una rivolta e altre accuse legate alla protesta. Di conseguenza, cinque furono condannati per aver attraversato un confine di stato per incitare a una rivolta (ma nessuno con cospirazione) l'anno successivo. Una corte d'appello ha annullato le condanne nel 1972.

Mentre Roberts aveva partecipato alla SDS mentre era al college e doveva la sua radicalizzazione personale ai diritti civili e al movimento contro la guerra, non è stato fino al 1968 che ha iniziato a mettere in discussione il modo in cui gli Stati Uniti interagiscono con il resto del mondo.

'(La convenzione) ha sollevato molte domande su quale tipo di ordine sociale stavo vivendo e cosa fosse necessario fare per migliorarlo', afferma Roberts. 'Quell'evento ha sicuramente cambiato la mia coscienza, e mi ha messo su un modo di mettere in discussione il sistema'.

Decenni a seguito della resistenza storica vista al di fuori del DNC del 1968, vediamo e sentiamo parlare di proteste simili al di fuori delle principali convenzioni, come la Convenzione Nazionale Repubblicana del 2004 a Manhattan e la Convenzione Nazionale Democratica del 2016 a Filadelfia, sebbene le folle fossero molto più piccole. Mentre le future proteste specifiche sono imprevedibili, non è stravagante considerare che ci sarà una resistenza dilagante in entrambe le convenzioni nazionali del 2020.

Cinquant'anni dopo, non possiamo dimenticare cosa è successo a Chicago. I movimenti di ieri possono insegnarci chi è ancora al potere oggi - la polizia e i militari, che lavorano in collaborazione con i governi locali - e come possono essere usati come strumento statale contro i movimenti di oggi.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Relazionato: Come le sparatorie del Kent State hanno cambiato per sempre le proteste

est andi mack over

Controllalo: