La costumista di 'Greenwood Avenue' parla dell'importanza della moda nera degli anni '20

Stile

La costumista di 'Greenwood Avenue' parla dell'importanza della moda nera degli anni '20

'Tutto ritorna in un punto o nell'altro'.

Bella Hadid 2014
28 settembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
DJ Mercer
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Non è un segreto che il costume abbia la capacità di realizzare o distruggere un film. Non importa quanto sia bella una sceneggiatura, è fondamentale che il guardaroba integri con successo la bellezza del linguaggio del film. Ciò è particolarmente vero per un pezzo d'epoca come Greenwood Avenue, un film ambientato negli anni '20 Tusla, in Oklahoma, che chiedeva il restauro di lussuose mode degli anni '20 (pensa a abiti con patta, smoking, cappelli a cilindro). La costumista del film Whitney Kyles aveva il compito di incorporare questi stili glamour per rivelare la bellezza di Tulsa, in Oklahoma, una fiorente comunità nera benestante soprannominata 'Black Wall Street', che nell'estate del 1921 fu violentemente distrutta da una folla di bianchi persone in quella che ora è conosciuta come la 'rivolta di Tulsa Race'.

Greenwood Avenue è un film di realtà virtuale di Ayana Baraka che documenta in modo fittizio gli eventi della distruzione di Tulsa del 1921. Girato a Tulsa con l'aiuto dello staff e degli attori della produzione locale, Ayana e il suo team hanno lavorato duramente per catturare gli eventi in modo autentico attraverso una storia di maturità emotiva che segue la protagonista femminile Agnes Bess attraverso giorni di violenti omicidi, bombardamenti e incendi. La costumista del film Whitney Kyles e la scenografa Vanessa Plaza Lazo miravano a sviluppare una rappresentazione visiva di un evento che, per così tanto tempo, è stato nascosto o scritto da libri di storia.

Getty Images

L'approccio di Whitney all'allestimento dei personaggi del film è stato uno sforzo della comunità, proprio come gran parte della produzione del film. I costumi vintage a tema anni '20 sono stati acquistati dal Dipartimento di Teatro dell'Università di Tulsa e dal Negozio di costumi Tulsa del Teatro Comunale. 'Non è troppo difficile trovare stili degli anni '20; ciò che è difficile è ricreare la silhouette sugli attori attuali ', ha detto Whitney. 'Prima che i capi diventassero prodotti in serie, le persone costruivano i propri abiti secondo i loro gusti e dimensioni specifici. Si poteva andare in un negozio di tessuti e acquistare ciò che gli piaceva, poi tornarono a casa e lo cucirono insieme a mano o in macchina. Poiché la lana, il cotone o la seta erano così resistenti, l'abbigliamento è durato anni.

Per comprendere meglio le mode dei tempi, Whitney ha fatto molto affidamento sulla ricerca raccolta da foto online e nei libri scritti sull'evento (ammette di aver trovato grande ispirazione nei libri di Hannibal Johnson e Tim Madigan). 'Ho scoperto che più le cose cambiano, più sono rimaste le stesse', ha detto Whitney. 'Al fine di cambiare i comportamenti delle persone odiose, le persone devono conoscere la storia e da dove proviene l'odio. Nella moda, proprio come nei cicli della vita e / o delle generazioni, tutto torna in un punto o nell'altro '.

Per un film basato su razza e classe, Whitney ha dovuto anche ricercare quali stili diversi comunicavano su questi argomenti in quel momento. Per una comunità appena liberata, la moda ha giocato un ruolo enorme nel sollecitare rispetto e privilegio. '(Per i neri) penso che sia più importante essere ben vestiti, ben fatti e ben rappresentati come persone produttive della comunità', ha detto Whitney. 'Penso che si pensasse molto a vestirsi ogni giorno e anche essere ben vestiti ha mostrato classe all'interno della società'.

Annuncio pubblicitario

Anche la scenografa del film Vanessa Plaza Lazo ha avuto un ruolo attivo nel catturare la rappresentazione visiva dell'epoca. Whitney e Vanessa hanno lavorato a stretto contatto per assicurarsi che tutto, dal colore degli abiti alla trama dei pantaloni, avesse un significato. 'Parte del processo di produzione tra costume e scenografia era pensare a come creare un contrasto tra i personaggi e il loro spazio', ha detto Vanessa. 'Il colore e le trame sono stati molto importanti per dare risalto ad alcune situazioni e per evidenziare la presenza di un personaggio'.

Soprattutto, entrambi hanno lavorato diligentemente per evidenziare il contrasto tra i bianchi e i neri di Tulsa al fine di identificare visivamente una delle cause più importanti del conflitto: la ricchezza nera che prosperava in mezzo alla povertà bianca. 'La cosa principale che volevo comunicare attraverso i costumi era questa disparità tra i neri e i bianchi, che era la causa del loro odio e del loro risentimento', ha detto Whitney. Attraverso la moda e la produzione, Whitney e Vanessa sono state in grado di catturare questo risentimento, e attraverso il film, Ayana Baraka ha messo in evidenza i suoi risultati distruttivi.

Greenwood Avenue è attualmente in post-produzione e sta raccogliendo fondi per completare il film. Puoi fare una donazione per sostenere il film qui. La campagna di crowdfunding termina il 4 ottobre.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Come i personaggi dei Crazy Rich Asians esprimono lo status di classe attraverso la moda