La 'finanziarizzazione' è il modo in cui college e università acquistano nella logica del denaro di Wall Street

Politica

La 'finanziarizzazione' è il modo in cui college e università acquistano nella logica del denaro di Wall Street

schooled è una serie di Zach Schermele, una matricola della Columbia University, che esplora le sfumature del sistema educativo americano.

17 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Peter Dazeley / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

La scorsa settimana, il contendente presidenziale Joe Biden ha rilasciato un piano per liberare il college della comunità di due anni se diventa presidente. La proposta da 750 miliardi di dollari ridurrebbe anche la metà delle tasse scolastiche per gli studenti che decidono di trasferirsi a programmi universitari quadriennali.

È l'ultima - e forse non sorprende che sia una delle proposte più riservate - sull'accessibilità dei college nelle primarie democratiche del 2020. Tra i primi, la senatrice del Massachusetts Elizabeth Warren ha pubblicato il suo piano da 1,25 trilioni di dollari in aprile, che renderebbe liberi i college pubblici di due e quattro anni eliminando almeno un po 'di debito studentesco per il 95% dei mutuatari. A giugno, il senatore del Vermont Bernie Sanders ha proposto il più ambizioso piano di perdono del debito studentesco tra gli aspiranti democratici, uno che spazzerebbe via tutti i $ 1,6 trilioni di dollari di debito studentesco degli Stati Uniti.

Anche se la maggior parte degli americani sembra sostenere l'idea del college gratuito - due terzi degli americani sono a favore, secondo un sondaggio del 2016, così come la metà dei giovani di età compresa tra 18 e 29 anni, secondo un sondaggio del 2019 - il la comunità dell'istruzione superiore non ha davvero ponderato l'idea.

I dati rilasciati nel 2018 hanno mostrato che, per la prima volta in assoluto, la maggior parte degli Stati si affida maggiormente alle tasse scolastiche come principale fonte di finanziamento per le università pubbliche dopo una diminuzione degli stanziamenti statali e locali. Citando i dati della Federal Reserve Bank di St. Louis e del National Center for Education Statistics, Forbes la rivista ha riferito nel 2018 che il costo di una laurea quadriennale è passato da $ 52,892 (adeguati all'inflazione) a $ 104,480 tra il 1989 e il 2016, mentre nello stesso periodo, i salari mediani reali sono aumentati solo di circa $ 5.000.

Potrebbe non sorprenderti apprendere che i college hanno aumentato le tasse per decenni, ma la parte scioccante è come alcuni di loro lo usano.

Secondo un rapporto del 2016 del Roosevelt Institute (una rete progressiva di think tank e campus), molte scuole prendono in prestito denaro - corrispondente a minori finanziamenti pubblici e tasse scolastiche e tasse scolastiche - come parte di una nuova 'corsa agli armamenti'. Competono l'uno con l'altro per 'strutture più eleganti come palestre, centri studenteschi o alloggi di lusso, nella speranza di attirare studenti disposti a pagare di più'.

Nel 2017, ad esempio, la Louisiana State University (LSU) ha aperto un centro ricreativo da 85 milioni di dollari con un punto vendita commerciabile: un fiume pigro. Modellato nelle iniziali della scuola, è stato pagato da un aumento delle tasse studentesche. (LSU non è l'unica scuola con un fiume pigro nel campus.)

cheveux ariana grande 2016

Secondo il rapporto, le scuole hanno anche effettuato investimenti rischiosi a Wall Street per raccogliere fondi, soprattutto sotto forma di swap su tassi di interesse: complicate scommesse finanziarie simili al tipo che hanno contribuito al crollo del mercato finanziario nel 2008. Gli swap da soli sono costati 19 scuole circa $ 2,7 miliardi di perdite, secondo il rapporto.

Il modello delle scuole che riscuote enormi somme di denaro al fine di espandere i servizi mentre cresce la lista degli amministratori rappresenta una tendenza che è stata ampiamente ignorata nella conversazione nazionale sulla riforma della politica dell'istruzione superiore, in particolare nel contesto della corsa presidenziale del 2020. Mentre molti elettori possono presumere che college e università servano un bene pubblico, queste scuole sono talvolta inclini a comportamenti rischiosi e orientati al profitto, a volte a scapito dei loro studenti.

Alcuni sostengono che alcune strategie di finanziamento guidate dagli investimenti possano effettivamente rendere le università più responsabili del successo degli studenti e del bene pubblico che servono, ma i critici dell'attuale situazione mettono in guardia su ciò che chiamano 'la finanziarizzazione dell'istruzione superiore'.

Annuncio pubblicitario

'Il termine' finanziarizzazione 'è usato per descrivere la crescita del settore finanziario, in termini di aumento del potere sulla nostra economia e sulla società nel suo insieme', ha detto Julie Margetta Morgan, un collega del Roosevelt Institute, Teen Vogue. 'Nell'istruzione superiore, la logica del settore finanziario ha preso piede in gran parte sul modo in cui funzionano i nostri college e università, dall'aumento dell'uso dei prestiti degli studenti invece degli aiuti pubblici per pagare il college, all'utilizzo da parte delle università di strumenti finanziari rischiosi per prendere in prestito per le loro spese operative '.

Angela Tsao, la finanziarizzazione del coordinatore delle politiche per l'istruzione superiore per la rete Roosevelt (l'ala del Roosevelt Institute focalizzata sugli studenti), ha spiegato la posta in gioco in un'intervista con Teen Vogue, dicendo: 'Si tratta di spendere nel settore finanziario e di fare investimenti per dotazioni e parti interessate invece di concentrarsi sui bisogni degli studenti e sottolineare la loro istruzione e l'accessibilità economica della loro istruzione'.

'Gran parte di ciò che sta accadendo si riduce a: da dove provengono i soldi e perché?' Disse Tsao.

Un rapporto pubblicato dal Roosevelt Institute nell'aprile 2018 ha rivelato quanto pervasivo sia diventato il problema alla Michigan State University (MSU). Secondo i risultati del gruppo, MSU ha 'radicalmente spostato' il suo modello di business tra il 2001 e il 2016, con lezioni universitarie che coprono quasi il doppio del totale delle entrate operative e non operative. Anche le spese di dotazione dell'università sono diminuite, con una perdita di $ 15 milioni nelle spese programmatiche per un periodo di due anni. Per ogni $ 1 che MSU ha speso in borse di studio e borse di studio durante l'anno scolastico 2016-17, il Roosevelt Institute ha stimato che oltre un altro dollaro era legato alla finanza: 32 centesimi andavano a pagare i gestori di hedge fund e 74 centesimi andavano verso pagamenti di interessi per investimenti. Il rapporto ha anche criticato questi investimenti con una supervisione efficace limitata e ha citato i crescenti livelli di debito dell'università, che secondo gli autori sono 'esplosi' negli ultimi anni.

Un portavoce di MSU, Rick Fitzgerald, ha detto a Quartz nel marzo 2018 che gli studenti del Roosevelt Institute non hanno mai parlato con l'ufficio investimenti dell'università prima di pubblicare il rapporto. Ha aggiunto che le stime di perdita citate dal rapporto non sono mai state pagate e che le strategie di MSU, compreso l'uso di swap su tassi di interesse, non erano 'intrinsecamente cattive', definendole un 'modo prudente per gestire il debito, come convertire il mutuo domestico da un tasso variabile a tasso fisso quando i tassi di interesse iniziano a salire '. Fitzgerald ha anche affermato di aver aiutato l'università a risparmiare denaro sui pagamenti del debito.

Ma alcuni si preoccupano dell'impatto di tali cambiamenti.

'Il risultato della finanziarizzazione è un passaggio dal vedere l'istruzione come un bene pubblico a quello in cui gli individui dovrebbero investire in se stessi, il tutto attraverso prestiti costosi', ha detto Morgan. 'Le ripercussioni per le famiglie americane sono state disastrose'.

chaussures ocasio cortez

Oltre 44 milioni di americani dichiarano di avere una qualche forma di debito per prestiti studenteschi alla fine del 2018, che è ora la seconda forma più alta di debito al consumo negli Stati Uniti (dietro i mutui). Secondo l'Institute for College Access and Success, nel 2017 i mutuatari per prestiti agli studenti hanno dovuto in media $ 28.650. Ma mentre Morgan e altri critici della finanziarizzazione suggeriscono di abbandonare il settore finanziario per ottenere sollievo, alcuni credono che ci siano modi molto più trasparenti in cui un modello finanziario ha il potenziale per aiutare l'istruzione.

Alcune settimane fa, un post del fondatore di Make School, un campo di addestramento per la codifica di computer trasformato il programma di laurea accreditato a San Francisco, ha fatto saltare un thread Reddit, guadagnando quasi 10.000 voti. Nel post, Jeremy Rossmann, un abbandono del Massachusetts Institute of Technology, ha descritto ciò che alcuni hanno detto che era troppo bello per essere vero: un college che poteva costare soldi per uno studente solo quando avessero trovato un lavoro abbastanza buono da pagarlo.

Annuncio pubblicitario

Make School è diventata un'alternativa universitaria nel 2014 e ha recentemente lanciato un programma di laurea in informatica in collaborazione con l'Università Dominicana della California, che è accreditata dalla Western Association of Schools and College. Il programma offre agli studenti la possibilità di sottoscrivere un accordo di ripartizione del reddito (ISA) in cui non devono iniziare a pagare le tasse scolastiche a meno che non ottengano un lavoro con uno stipendio annuo di almeno $ 60.000. Rossmann ha detto ad Axios l'anno scorso che il 95% degli studenti che frequentano la Make School partecipa a una qualche forma di ripartizione del reddito.

'Ciò che conta è essere in grado di impegnarci nel fatto che noi come istituzione collasseremmo se i nostri studenti non avessero successo, e questa è una caratteristica positiva, non negativa', ha detto Rossmann Teen Vogue. 'Dovremmo lottare per la sopravvivenza come i nostri studenti combattono per la sopravvivenza'.

Rossmann ha ammesso che era 'davvero difficile' ottenere finanziamenti iniziali per un'idea così radicale. Nel post di Reddit, ha descritto come la scuola è finanziata da $ 30 milioni in capitale di rischio e denaro preso in prestito dal debito studentesco ISA.

Una delle differenze chiave, tuttavia, tra il modello Make School del debito ISA e il debito tradizionale del prestito studentesco è che se le cose non funzionano e non riesci a trovare un lavoro fuori dal college, la scuola - non lo studente - sopporta responsabilità legale per i soldi. Rossmann afferma che costringe la scuola a pompare studenti di successo, rendendo così l'istituzione più responsabile per servire un bene pubblico.

'È molto allettante nell'istruzione superiore (per un istituto) bere dalla manichetta antincendio sovvenzionata dei prestiti studenteschi', ha affermato. 'E questo distorce gli incentivi; distorce le priorità. Ti permette di crescere ed espandersi senza che i tuoi studenti abbiano necessariamente successo '.

Ariane Evans, una studentessa del primo anno alla Make School che veniva dalla Francia, ha detto Teen Vogue che è stata attratta dal programma per l'opportunità di imparare qualcosa di complesso come l'informatica in soli due anni. Ha anche sofferto di problemi di salute e ha incontrato molestie in un college precedente, che secondo lei l'ha costretta ad abbandonare il tradizionale sistema collegiale. Poiché pensa che la maggior parte dei college tendano a privilegiare i profitti rispetto al successo degli studenti, ha definito il modello di insegnamento di Make School 'ideale'.

'Ho la fortuna di non aver bisogno di utilizzare il piano di ripartizione del reddito delle tasse scolastiche, ma vedo come ha aiutato così tanti miei compagni di classe ad andare al college', ha detto.

nettoyant pour le visage qui rétrécit les pores

Accolti come un'opportunità per cambiare gli affari come al solito dai loro sostenitori, gli ISA non sono amati da tutti. Morgan, membro del Roosevelt Institute, ha definito gli ISA la 'prossima ondata di finanziarizzazione nell'istruzione superiore'. Ha detto che sebbene il marketing dei programmi enfatizzi la loro capacità di rendere il college più accessibile, sta studiando se sia effettivamente così.

'Penso che illustrino quanto profondamente la finanziarizzazione possa prendere piede nell'istruzione', ha affermato. 'Invece di investire in studenti universitari, i politici sono presi dall'idea che in qualche modo un nuovo prodotto di credito può risolvere i nostri problemi - e in nome di' creare un mercato 'per questi prodotti, stanno annullando le norme che mantengono i consumatori al sicuro' .

'In generale, penso che probabilmente abbiamo bisogno di una comprensione più sfumata del business in cui le università sono impegnate e degli incentivi che creano, in modo da poter capire come cambiare tali incentivi', ha detto.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Nell'ultimo decennio, i salari sono rimasti invariati mentre il costo del college è salito alle stelle