Eliakunda Kaaya sta combattendo per l'istruzione nel settore dell'istruzione come parte della Global Girls Alliance di Michelle Obama

Campus Life

Eliakunda Kaaya sta combattendo per l'istruzione nel settore dell'istruzione come parte della Global Girls Alliance di Michelle Obama

'Qualunque cosa buona che vedi in questo mondo è perché le donne ne hanno fatto parte'.

29 ottobre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
L'ex First Lady Michelle Obama ospita una tavola rotonda alla vigilia del lancio dell'iniziativa Global Girls Alliance a New York, NY, 10 ottobre 2018. (Foto: Chuck Kennedy per la Fondazione Obama) Per gentile concessione della Fondazione Obama
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Quando Eliakunda Kaaya stava crescendo in Tanzania come la più giovane di nove figli, non era scontato che avrebbe avuto un'istruzione. In effetti, era esattamente il contrario. 'Sono nato e ho razziato in una famiglia in cui non avevano mai creduto davvero nel mandare le loro ragazze a scuola', racconta l'ormai 26enne Teen Vogue. 'La mia famiglia, i miei fratelli direbbero che non manderebbero mai a scuola una moglie di un altro uomo, che era una perdita di tempo e di investimento per ... (mandarmi) a scuola, perché una donna è destinata a essere sposato'.

Ma Eliakunda ha spinto contro lo status quo; ed è diventata la prima nella sua famiglia a non solo andare al liceo, ma anche al college, con l'aiuto di borse di studio delle organizzazioni Kisa Project di AfricAid e She's the First (STF), quest'ultima delle quali collabora con la prima e sostiene le ragazze che vogliono essere i primi nelle loro famiglie a laurearsi al liceo. Come mentore di Kisa ed è la prima studiosa, Eliakunda non solo ha ricevuto un'istruzione, ma ha anche guidato altre giovani donne e ragazze della sua comunità e ha sviluppato le sue capacità di leadership. Durante il suo secondo anno alla St. Augustine University in Tanzania, Eliakunda si rese conto che mancavano opportunità di lavoro per i laureati nella sua comunità, quindi ha creato un programma di imprenditorialità per i suoi coetanei. Ha portato gli imprenditori a scuola per condividere il modo in cui hanno avviato le loro attività, fornire consigli attuabili (come come creare un piano aziendale) e ospitare sessioni di formazione pratiche in cui gli studenti hanno imparato a creare batik (tessuto colorato colorato) e sapone. Il progetto ha portato alcuni coetanei di Eliakunda a costruire le proprie attività e ha portato Lei è la prima a onorarla come studiosa dell'anno.

Ed Eliakunda non si è fermata qui: dopo essersi laureata in sociologia nel 2018, Eliakunda è diventata la First Fellow, partecipando a un programma per studiosi della STF e ai membri del capitolo del campus che lancia progetti basati sulla comunità che promuovono la missione di STF. Il progetto di Eliakunda, Il mio viaggio a scuola, si concentra sulla sensibilizzazione dei genitori nella sua comunità sull'invio delle loro figlie a scuola - perché, mentre Eliakunda è riuscita a ottenere la propria istruzione, le sfide che deve affrontare sono ancora all'ordine del giorno. Secondo l'agenzia degli Stati Uniti per lo sviluppo internazionale (USAID), quasi 98 milioni di ragazze in tutto il mondo non vanno a scuola.

comment teindre les pointes des cheveux bleus

Ma ora, Eliakunda ha un nuovo alleato nel lavoro per ridurre quel numero: Michelle Obama, che nell'ottobre 2018 ha lanciato la Global Girls Alliance, si è concentrata sull'avanzamento dell'istruzione femminile in tutto il mondo. 'Risorse scarse, gravidanze precoci, pendolari pericolosi e minacce di violenza' sono tutti fattori che spiegano perché tante ragazze non vanno a scuola, ha detto l'ex First Lady in una dichiarazione Teen Vogue. 'Altrettanto pernicioso è qualcosa che viene insegnato fin dalla tenera età - l'idea che, essendo ragazze, sono semplicemente indegne di un'istruzione. La Global Girls Alliance sta lavorando per superare queste barriere sollevando leader di base che già lavorano nelle comunità e raccogliendo il supporto per queste ragazze in ogni modo possibile. Perché il futuro del nostro mondo è luminoso solo come il futuro delle nostre ragazze.

Eliakunda è uno di quei leader di base. Come membro ufficiale della Global Girls Alliance, può scambiare idee, risorse e incoraggiamento con altri leader attraverso una rete online; oltre a beneficiare del Global Girls Alliance Fund ufficiale, che raccoglie fondi tramite GoFundMe per progetti specifici. Abbiamo chiacchierato con Eliakunda poco dopo l'annuncio della Global Girls Alliance per parlare del suo viaggio, dei suoi progetti e delle sue speranze per il futuro dell'educazione delle ragazze.

Annuncio pubblicitario

Teen Vogue: Cosa ha significato per te il tuo coinvolgimento con She's the First?

Eliakunda Kaaya: Significava tutto - e quando dico tutto, mi dice, dice alle persone della mia comunità e alle persone di tutto il mondo che non c'è limite a ciò che una donna può diventare. Abbiamo bisogno di più organizzazioni come Lei è la prima, abbiamo bisogno di più persone che siano molto determinanti, perseveranti, per fare la differenza senza arrendersi. Ma dobbiamo anche creare queste opportunità per più persone perché ci sono così tante persone che stanno attraversando (probabilmente) scenari peggiori di quello che ho attraversato. Ma quando non c'è nessuno che metta in discussione il sistema e dica 'Ecco la possibilità per te', ... allora sarà difficile fare la differenza.

tv: Parlami del programma imprenditoriale che hai guidato al college. Cosa ti ha motivato a farlo e che tipo di risposta hai ricevuto dai tuoi compagni di classe?

A: Quando sono andato all'università, mi sono reso conto anche in luoghi in cui le persone sono così istruite e le persone dovrebbero essere molto mature ... c'è ancora (c'era) discriminazione (contro) donne. E alle donne non è stata davvero data una priorità (in) leadership. All'università in cui sono andato, non hanno mai creduto che una donna potesse essere una (studentessa) presidente dell'università. Volevo candidarmi per la carica presidenziale, e io (l'ho fatto), ma (la gente) ha detto: 'Non puoi essere un presidente. Puoi contestare il vice presidente; altrimenti perderai semplicemente, perché non votiamo perché le donne diventino presidente, non crediamo che le donne siano presidente '. Quando ho partecipato al concorso ... l'ho perso, ma ho creato un seme per il cambiamento e le persone erano molto orgogliose, (dicendo cose) come 'Eliakunda, hai provato a farlo. Nessun altro l'ha mai fatto '.

Dopo aver perso, volevo continuare a fare cose ... che avrebbero giovato alle donne e avrebbero mostrato alla comunità che ... le donne sono capaci e possono creare opportunità e possono cambiare il mondo. (...) Così ho deciso che avrei fatto qualcosa per aiutarli a creare posti di lavoro per se stessi. (...) Ha portato davvero un feedback di grande impatto perché le persone avevano davvero (appreso) nuove competenze che avevano applicato dopo l'università.

tv: E ora stai lavorando a Il mio viaggio a scuola. Parlamene.

A: Il mio viaggio a scuola è fondamentalmente per le ragazze della mia comunità di conoscere e comprendere la salute e i diritti riproduttivi sessuali, quindi conoscono le loro capacità di salute riproduttiva sessuale e conoscono i loro diritti di salute riproduttiva sessuale. Ma lavoro anche con i genitori. Quando stavo crescendo, mia madre non sapeva cosa fosse un asciugamano sanitario. Mia mamma ha avuto nove figli e io sono l'ultimo nato. (...) Sono così orgoglioso di mia madre, amo davvero mia madre, ma capisco anche che è cresciuta in una comunità in cui non hanno mai creduto nelle donne. E quindi non ha mai saputo davvero quali fossero i diritti per lei.

tv: Ci sono stati momenti particolarmente memorabili finora in questo progetto?

A: Quando ho iniziato il mio primo incontro con i genitori, è stato come: 'Perché dovresti insegnare ai nostri figli sul sesso? Pensi che non sappia crescere i miei figli? Pensi che i miei figli a questa età dovrebbero sentire cose sul sesso? È contro la nostra religione, è contro la nostra cultura. Perché dovrei lasciare che mio figlio venga al tuo programma '? Era una domanda che aveva davvero senso per loro; ma per me è stato difficile andare avanti quando i bambini non verranno in classe perché la madre dice: 'No, non puoi andare a quella sessione; dovresti andare in chiesa '.

Annuncio pubblicitario

Il mio momento memorabile è quando ... alcune ragazze che hanno già abbandonato la scuola a causa della gravidanza vengono e condividono le loro esperienze con i genitori. Per farli capire, 'Non ero tua figlia, ma sono rimasta incinta e sono fuori scuola'. La politica in Tanzania dice che quando una ragazza è incinta, non possono mai tornare a scuola, mai più. Quindi, se il sogno di quella ragazza è stato chiuso (e lei) sta dando questa testimonianza ... ai genitori, è stato più facile per i genitori (vedere) l'importanza di parlare della salute riproduttiva sessuale. E penso per me che è stata una gioia.

tv: Andando avanti, cosa speri venga fuori dal tuo coinvolgimento con la Global Girls Alliance?

A: Spero di avere le risorse, di avere il supporto, di mobilitare più giovani per collaborare con me e collaborare con altre donne in tutto il mondo. Essere in grado di elevare la vita delle donne in Tanzania e in qualsiasi altro paese del mondo. Spero che il mio coinvolgimento - il mio coinvolgimento nella condivisione, il mio coinvolgimento nell'udire le altre persone, il mio coinvolgimento nell'ottenere le risorse - (farà) fare ... più donne (che) hanno una storia da condividere (a) un giorno potente quanto sono stato in grado di sopportare.

tv: Com'è stato incontrare Michelle Obama?A: Nella discussione con la Fondazione Obama, ecco entrare Michelle Obama nella stanza. Eravamo 15 ragazze da tutto il mondo e abbiamo dovuto condividere le nostre storie. Ma quando la signora Obama arrivò nella stanza, già conosceva la mia storia. Continuavo a dire: 'Questo è stato uno dei giorni più importanti della mia vita'. Mi sono davvero sentito molto felice, è stato un momento emozionante ed è una donna così straordinaria.

tv: Cosa vuoi che le persone sappiano dell'istruzione delle ragazze e del lavoro che fai?

A: Qualunque cosa buona che vedi in questo mondo è perché le donne ne hanno fatto parte. E per me sento che non ci sono limiti. Proprio come aveva detto una volta Michelle ... non ci sono limiti a ciò che una donna può diventare. Ed è vero, ci credo davvero e penso che, nonostante le circostanze, le donne abbiano solo bisogno di quella possibilità. Hanno bisogno dell'opportunità per poter uscire nel mondo e capire chi sono. Hanno solo bisogno di avere quella possibilità, solo un'occasione per andare a scuola e capire la loro vita.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Dai un'occhiata: Incontra due giovani leader selezionati per partecipare al primo vertice di Barack Obama

sac ariana grande chanel