Eid al-Adha: 8 cose che dovresti sapere sulla più grande festa dell'Islam dell'anno

Politica

Eid al-Adha: 8 cose che dovresti sapere sulla più grande festa dell'Islam dell'anno

La celebrazione di Eid al-Adha nasce da una storia familiare.

21 agosto 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Lisa Maree Williams / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Oggi, quasi 1,6 miliardi di musulmani in tutto il mondo inizieranno a celebrare Eid al-Adha (la festa del sacrificio) ed è la celebrazione di una figura centrale nell'islam, nel giudaismo e nel cristianesimo: il profeta Abramo.

Quindi, in onore di questo giorno, che io stesso sto osservando proprio in questo momento, ecco 8 cose che dovresti sapere su questa festa musulmana. È uno dei più grandi dell'anno per noi e, sebbene sia spesso paragonato al Natale, non lo è abbastanza accurate. Quindi ascolta!

1. Eid Mubarak è il modo migliore per festeggiare le vacanze.

La maggior parte dei musulmani apprezza quando i non musulmani riconoscono la loro vacanza. Può essere abbastanza stancante vivere in paesi come gli Stati Uniti, dove le uniche due festività che hanno non sono riconosciute come festività nazionali. In effetti, molti musulmani (come me) augurano ai nostri vicini cristiani ed ebrei un 'Buon Natale' e un 'G'mar Hatimah Tova' (che tu possa essere suggellato per un buon anno). Quindi, non aver paura!

I saluti sono piuttosto semplici da dire. Eid Mubarak (Eeed Mooo-Barack). Eid, che significa 'celebrazione', e Mubarak, che significa 'benedetto' si traducono letteralmente nel augurare ai tuoi amici una vacanza benedetta. Non è carino?

2. La storia dietro Eid Mubarak appare sia nella Torà che nell'Antico Testamento della Bibbia.

La celebrazione di Eid al-Adha nasce da una storia familiare che viene spesso ascoltata nel cristianesimo e nell'ebraismo. Come le due religioni, Abramo è un grande profeta nella nostra religione. Mentre alcuni di voi potrebbero associare questa storia a Isaac, il secondo figlio di Abramo, i musulmani attribuiscono la festa a Ismail (il primogenito di Abramo).

Commemora la volontà di Abramo e Ismail di obbedire alla richiesta di sacrificio di Dio. Abrahamo ebbe la visione di sacrificare suo figlio poiché credeva che fosse un ordine divino di Dio. Quando disse a suo figlio Ismail della visione, Ismail credette che Abramo avrebbe dovuto soddisfare la sua visione. Quando entrambi sottomisero la loro volontà a Dio e furono pronti a impegnarsi nel loro sacrificio, Dio mandò invece un montone al sacrificio. Come ricompensa per aver seguito la sua prova di lealtà e sottomissione all'unico Dio, Allah (traduzione letterale in arabo per 'Dio') ha premiato Abramo con un altro figlio, Isacco e Giacobbe, nipote, attraverso la sua sterile moglie Sarah.

Mentre la morale della storia può sembrare un po 'grottesca per coloro che sono al di fuori (o anche per quelli all'interno) della fede abrahamica, lo scopo non è sacrificare la propria vita per la gloria di Dio. È una lezione su come il sacrificio, per i musulmani, riguardi semplicemente la presentazione di uno ego alla volontà di Dio. Riconosce e riconosce, indipendentemente dalle dimensioni e dalle dimensioni, tutti i sacrifici che i musulmani fanno per rimanere sulla strada giusta e stretta - che si tratti di sacrifici finanziari per il benessere dei tuoi figli o dei piccoli sacrifici che fai per rimanere a casa per aiutare i tuoi mamma con cena. Ancora più importante, i musulmani celebrano la festa per commemorare quei sacrifici e per vivere nell'esempio dei loro profeti come Abramo e Ismail.

3. Le famiglie musulmane di tutto il mondo forniscono aiuti ai poveri.

Se possono permettersi di farlo, le famiglie musulmane dovrebbero acquistare un agnello o una capra e poi macellarlo secondo gli standard halal come gesto simbolico del sacrificio di Abramo a Dio. Ci si aspetta che la carne halal soddisfi elevati standard di consumo come garantire che l'animale sia pulito e sano prima di essere macellato e che la gola dell'animale venga tagliata rapidamente per ridurre al minimo il dolore e la sofferenza possibili. In effetti, un animale non può essere ucciso di fronte a un altro e bisogna dire una benedizione prima di massacrarlo.

Secondo le tradizioni islamiche, la carne dovrebbe essere divisa in tre parti: una per te e il consumo della tua famiglia, un'altra per amici e vicini e un'altra per i bisognosi. L'intero concetto della vacanza è garantire che nessuno rimanga senza carne o cibo sul tavolo.

Annuncio pubblicitario

La giornata di solito inizia al mattino presto con i musulmani vestiti con i loro abiti migliori, facendo le loro preghiere mattutine, e poi visitando la famiglia e gli amici portando cibo e regali. Poiché la carità è uno dei cinque pilastri dell'Islam, anche i musulmani devono condividere cibo e denaro con coloro che sono meno fortunati come atto di celebrazione.

Julien Lopez / Pacific Press / LightRocket via Getty Images

4. Eid al-Adha segna anche la fine dell'Hajj.

Ci sono cinque pilastri dell'Islam che sono obbligatori per i musulmani: Salat (Preghiera), Zakat (Carità), Shahada (Credo), Sawm (Digiuno) e, solo se l'individuo può permetterselo, Hajj (Pellegrinaggio).

L'Hajj è il pellegrinaggio alla Mecca, il luogo più santo dell'Islam, in Arabia Saudita. Ogni anno, nell'ultimo mese del calendario lunare islamico, oltre 2 milioni di musulmani provenienti da tutto il mondo e da diversi ceti sociali si recano alla Mecca e pregano Dio di fronte alla Ka'aba (un santuario costruito da Abramo). Secondo le credenze islamiche, si ritiene che il profeta Mohammed abbia affermato che una persona che compie il pellegrinaggio torna a casa come un 'bambino appena nato, libero da tutti i peccati'.

Ogni anno, Eid al-Adha cade alla fine del pellegrinaggio in cui i musulmani si recano sul Monte Arafat in Arabia Saudita e chiedono a Dio il suo perdono per i loro peccati. Nell'Islam, è importante capire che i peccati non sono lavati via dal sangue di un altro. Invece, Dio è visto come il Misericordioso e il Compassionevole, e spesso ci porta il perdono o i peccati se lo supplichiamo.

5. C'è del cibo. Molto cibo.

Poiché l'Islam è una religione universale, il menu del cibo per queste festività varia in base al paese e alla regione. Ma sono tutti incentrati sugli ingredienti principali: agnello o capra.

Nei paesi del sud-est asiatico come il Pakistan, il biryani è un piatto popolare e per alcune famiglie americane, l'agnello bruciato può essere l'attrazione principale per la notte. Alcuni osservatori in Turchia possono usare la carne per produrre spiedini e le famiglie marocchine possono avere il loro piatto principale come tagine (stufato). Indipendentemente dalle abbondanti variazioni di come viene preparata la carne, è certo che ci sia molta preparazione per il cibo che verrà consumato quel giorno.

6. Eid al-Adha dura circa quattro giorni.

La data di inizio cade la sera del decimo giorno di Dhu al-Hijjah (l'ultimo mese del calendario islamico) e termina il 13 ° giorno. Secondo il calendario gregoriano (quello seguito dalla maggior parte degli europei e degli americani), l'inizio di Eid quest'anno è il 24 settembre. Tecnicamente, tuttavia, la celebrazione spesso inizia presto la sera prima quando i musulmani rompono il digiuno.

Annuncio pubblicitario

7. Il nono giorno, si osserva il Giorno di Arafah.

Il giorno dell 'Arafah è il nono giorno di Dhul al-hijjah. Questo riguarda anche il settantesimo giorno dopo la fine del Ramadan (il mese di digiuno). Coloro che compiono il pellegrinaggio camminano verso il Monte Arafat, che si ritiene sia il luogo in cui il profeta Maometto diede il suo ultimo e ultimo sermone prima della sua morte. In questo giorno, il secondo giorno di Hajj, i musulmani che non eseguono il pellegrinaggio veloce dall'alba al tramonto mentre anticipano la celebrazione di tre giorni a venire. Ai musulmani che stanno compiendo il pellegrinaggio è vietato il digiuno.

Tuttavia, per molti musulmani sciiti, questo giorno ha ancora più significato. Segna il giorno in cui Husayn Ibn Ali - ampiamente noto come nipote del profeta Maometto attraverso sua figlia Fatimah - e i suoi compagni partirono per il loro viaggio nella città di Kufa nell'odierno Iraq solo per essere martirizzati più tardi nella città di Karbala.

8. Eid al-Adha è noto come 'Greater Eid'.

Mentre molti non musulmani commettono l'errore di pensare che il Ramadan sia una vacanza (è solo un mese di digiuno), Eid al-Fitr - la celebrazione che segna la fine del digiuno - è il vero festival. Segna l'avvistamento della luna nuova perché, sai, il calendario islamico è un calendario lunare.

Ma ciò che molti non musulmani non sanno è che Eid al-Adha è considerato il maggiore Eid, dato che ci sono solo due festività nell'Islam.

Nota dell'editore: Questa storia è stata pubblicata il 24 settembre 2015.

dictionnaire urbain egirl

Relazionato: Come questa donna musulmana ha combattuto - e vinto - per il suo diritto di indossare il Niqab