L'ideologia di Donald Trump sostiene la violenza politica

Politica

L'ideologia di Donald Trump sostiene la violenza politica

In questo editoriale, il giornalista studentesco Zach Schermele spiega come l'aggressiva retorica del presidente Trump abbia consentito la violenza politica negli Stati Uniti.

30 ottobre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Composito via Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

'Questo istinto di umiliazione, quando è modellato (...) da qualcuno di potente, filtra nella vita di tutti, perché in qualche modo dà il permesso ad altre persone di fare la stessa cosa'.

In un discorso ai Golden Globes del 2017, l'attrice Meryl Streep ha prefigurato le conseguenze della pericolosa retorica del presidente eletto Donald Trump, che, come candidato nella campagna elettorale, aveva deriso un giornalista disabile, alimentava la paura degli stranieri e inimicava la stampa .

'La mancanza di rispetto invita alla mancanza di rispetto', ha detto. 'La violenza incita alla violenza'.

Molti hanno affermato che Trump è responsabile della violenza verificatasi negli Stati Uniti dalla sua elezione. Mentre la colpa per le violente tragedie che continuano a scoraggiare il nostro paese non si basa esclusivamente sulle spalle di Trump, Streep aveva ragione sull'odio che dilaga in questa amministrazione. Questa è un'epoca in cui i neonazisti marciano orgogliosamente nei campus universitari, quando potenziali dispositivi esplosivi vengono inviati ai critici del presidente da un sospetto noto come 'l'attentatore MAGA', quando uomini armati aprono il fuoco su sinagoghe. In un paese fondato su ideali di libertà di parola e di religione, gli americani sono ancora violentemente presi di mira per i loro valori e credenze fondamentali.

Questa versione di noi stessi - in cui la risposta a tale violenza da parte di coloro che sono al potere sembra eguagliare un roteare di occhi - è inaccettabile. Le richieste documentate e ripetute di Trump per la violenza ricevono risposta e, ancora una volta, l'America si sta dimostrando incapace di imparare dal passato. Ancora una volta, stiamo regredendo. E quando il mondo non ci sta inviando preghiere dopo un altro episodio di violenza di massa, è - come il presidente ama ricordarci - ridere di noi.

tenue de concert demi lovato

Quasi due anni fa, dopo il discorso di Streep, piangevo per il resto dei Golden Globe e spesso mi rivolgo alle sue parole come guida. Sono affascinato da come la capacità di entrare in empatia abbia mantenuto Streep in sintonia con la direzione morale della nazione. Ha presentato un'idea che Trump respinge: Le parole contano.

Non è possibile determinare se un atto di violenza politica dal gennaio 2017 si sia verificato come a diretto risultato del comportamento di Trump (che include l'incoraggiamento dei suoi rallygoer a 'buttare fuori la merda' dai manifestanti a febbraio 2016). Ma gli obiettivi del bombardiere MAGA erano persone ed entità che Trump ha incoraggiato la sua base a odiare. Gli uffici della CNN a New York furono evacuati a causa di una bomba intercettata; Trump ha continuamente parlato contro la CNN e, nel luglio 2017, ha twittato un video di se stesso alle prese con un uomo con il logo della rete imposto sul suo viso.

Mentre la correlazione non implica la causalità, i parallelismi tra le parole di Trump e le azioni violente che ne conseguono sono misteriosi. Fingere che il presidente non sia parzialmente responsabile delle recenti tragedie americane sarebbe ingenuo, anche se ha spostato la colpa sui 'Fake News Media'. La 'grande rabbia nel nostro Paese', ha twittato (solo due giorni dopo le riprese della sinagoga di Pittsburgh), è stata causata dal 'vero nemico del popolo'. È il classico 'whataboutism' di Trumpian, la versione del presidente del gioco della colpa, in cui le dita indicano tutti e tutto tranne se stesso. Dobbiamo semplicemente collegare i punti.

In linea con l'inaugurazione di Trump, gli atti antisemiti sono aumentati di quasi il 60% nel 2017 rispetto al 2016, con l'incremento maggiore che si è verificato durante i primi tre mesi dell'anno. E nel 2016, la campagna di Trump aveva trasmesso una pubblicità piena di quelli che alcuni percepivano come messaggi antisemiti subliminali che attaccavano i membri dell'establishment politico, tra cui figure di spicco della fede ebraica, come Janet Yellen, Lloyd Blankfein e l'attivista politico George Soros.

Annuncio pubblicitario

Soros era uno dei famigerati bersagli del bombardiere MAGA.

Il sospetto bombardiere MAGA Cesar Sayoc, un 56enne della Florida, è accusato di aver inviato almeno 14 potenziali dispositivi esplosivi esclusivamente ai critici di Trump. È un convinto sostenitore del presidente, un frequente partecipante ai raduni MAGA e il proprietario di un furgone che indossa un macabro mosaico di politici democratici nel mirino di cannoniere. Le forze dell'ordine hanno utilizzato le prove del DNA di uno dei pacchetti inviati al rappresentante Maxine Waters, che Trump ha ripetutamente insultato e ha affermato di avere un 'basso QI', per rintracciare Sayoc. Anche se il direttore dell'FBI Chris Wray ha affermato che 'potrebbe non essere in grado di rispondere alle domande' sui motivi di Sayoc in una conferenza stampa il 26 ottobre, la Trumpmobile del sospetto, coperta da adesivi violenti, sembra legare il bombardiere direttamente alle credenze e al linguaggio del Presidente. Sayoc è stato anche accusato di sputare retorica antisemita.

Inizialmente, Trump ha denunciato la 'roba della bomba' per rallentare lo slancio prima delle elezioni di medio termine. Il presidente Trump in seguito ha condannato Sayoc, ammettendo che 'sentito (Sayoc) era una persona che mi preferiva agli altri'.

Il giorno dopo l'arresto di Sayoc, un uomo aprì il fuoco in una sinagoga di Pittsburgh, nell'attacco più mortale alla comunità ebraica nella storia degli Stati Uniti, creando un altro violento parallelo: subito dopo la sparatoria, il rabbino nella sinagoga dell'Albero della Vita ha immediatamente chiamato i leader della nazione per 'attenuare la retorica'. (Con Trump in visita a Martedì 30 ottobre, un ex rabbino nel tempio ha chiesto al presidente di 'aspettare una settimana'.)

Dalla sua inaugurazione, Trump ha denunciato la violenza di fronte a ogni tragedia, ma il suo messaggio non è coerente. La sua amministrazione deve ancora scrollarsi di dosso il tono che ha stabilito quando un autista ha ucciso il contro-manifestante di 32 anni Heather Heyer a Charlottesville, in Virginia. 'Condanniamo nei termini più forti possibili questa esibizione egregia di odio, fanatismo e violenza', ha detto - come avrebbe dovuto. Ma per qualsiasi motivo, ha aggiunto la frase 'da molte parti', sebbene la pianificazione dell'evento e l'escalation della violenza sia stata chiaramente fatta da una parte: quelli nelle regalie naziste, che cantano, 'gli ebrei non ci sostituiranno'. E ancora, tre giorni dopo, il presidente ha raddoppiato quel sentimento, affermando che c'erano 'persone eccellenti' e la colpa da entrambe le parti.

Trump era attraente per i suprematisti bianchi perché lo sostenevano? O è solo inesperto? E cosa significa quando un uomo in preda a un bombardamento si ispira alla lista dei nemici politici del presidente?

Trump non è un consolatore in capo e ha dimostrato una chiara mancanza di comprensione del dovere morale richiesto dall'Ufficio Ovale in tempi di crisi nazionale. Ma le sue parole violente non devono diventare le nostre azioni violente. E la violenza che stiamo vedendo non deve spezzarci: possiamo soffrire mentre ci alziamo per incontrarla e fissarla. Dobbiamo essere coraggiosi.

In questi tempi, il dovere della riunificazione è stato assegnato a tutti noi. Nelle parole di Streep, 'Dobbiamo ricordarci l'un l'altro il privilegio e la responsabilità dell'atto di empatia'. Spero di trovare un modo per mettere da parte i nostri ego e reiniettare l'umanità nella conversazione nazionale, a cominciare da: stare attenti alle parole, difendere gli altri, sorridere agli estranei, interessarsi sinceramente a coloro che ci circondano, e prendere tempo per fare ciò che è straordinariamente appagante. Quando le impressioni di quei abbastanza maniacali da pianificare attentati e sparatorie mirati si allineano a quelle del presidente, dobbiamo rivalutare la nostra identità di cittadini americani. Quando emette odio, la linea viene tracciata e quando la violenza segue e si allinea con queste idee, 300 milioni di persone non possono rimanere divise.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Relazionato: L'Istituto LGBTQ in Germania fu bruciato dai nazisti

Controllalo: