La designer Shanel Campbell chiede diversità sulla passerella e dietro le quinte

Stile

La designer Shanel Campbell chiede diversità sulla passerella e dietro le quinte

'L'industria non è così diversificata come (alcuni) vorrebbero crederci'.

24 ottobre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Shanel Campbell, nativa del Bronx di 27 anni, si è dimostrata in ascesa con il debutto del suo omonimo marchio. Con i co-segni di Solange e Ciara, non è un segreto che Shanel stia facendo ondate nel settore con il suo aspetto decostruito e surrealista.

Lo scorso settembre, Shanel ha consolidato il suo posto come one-to-watch tra i designer emergenti della NYFW. Il designer ha autoprodotto un potente spettacolo in passerella che celebrava le donne di colore; Ella ha lanciato 17 modelli di colore che si sono alzati in piedi e si sono seduti orgogliosamente in abiti impreziositi da intricati intrecci e perline mentre la folla guardava meravigliata. Per non parlare del diverso cast di modelle, il team di Shanel è dominato da professionisti di colore come Raisa Flowers e Susan Oludele. Era inapologeticamente nero in ogni senso della parola.

Teen Vogue recentemente ha intervistato Shanel via e-mail su ciò che ha ispirato la sua collezione, sul futuro del suo marchio e su come vede la progressione della diversità nella moda.

Teen Vogue: Dopo il tuo debutto nella collezione NYFW, che tipo di feedback hai ricevuto?

Shanel Campbell: Il feedback che ho ricevuto finora è stato estremamente positivo, il che è stato molto incoraggiante per la mia presentazione di debutto. La risposta è stata straordinariamente significativa e personale poiché ho ricevuto così tanto amore e sostegno da persone di colore. È stato molto gratificante per me essere riconosciuto dai gruppi di persone che avevo in mente quando stavo creando i miei pezzi. I modelli all'interno della mia presentazione descrivono di essere così a proprio agio da essere circondati da una squadra diversificata e inclusiva di truccatori, parrucchieri, manicure e parrucchieri. Sono momenti come questi che mi tengono motivato a fare quello che faccio.

TV: Dimmi cosa ha ispirato questa collezione? Che tipo di donna vedi indossare i tuoi pezzi?

SC: Le mie esperienze di donna di colore che cresce a New York City con genitori caraibici informano tutto ciò che creo. Sono anche molto motivato dall'esperienza di essere una donna nera nel settore della moda negli ultimi sei anni e venendo a patti con il fatto che l'industria non è così diversa come (alcuni) vorrebbero credere che lo sia. Alla fine, volevo creare un marchio che esprima la diversità in un modo più relativo alla mia esperienza e ai miei interessi. Vedo ogni tipo di donna che indossa i miei pezzi, vedo anche uomini che indossano i miei pezzi. In definitiva, il mio lavoro dovrebbe lasciare ogni persona che si sente sicura, autorizzata e indipendente. Sono aperto a chiunque indossi il mio lavoro tanto quanto sono specifico sulle esperienze nere che informano la loro creazione.

soutien-gorge bijou victoria secret 2015
Annuncio pubblicitario

TV: Credi che crescere nel Bronx abbia influenzato il tuo stile di design?

SC: I miei dintorni erano pieni di donne nere creative che curavano ogni aspetto del loro aspetto dai loro capelli, alle loro unghie, al modo in cui si vestivano. L'area in cui sono cresciuto era un mix di individui afro-americani e afro-caraibici, quindi sono stato anche fortemente influenzato da diversi tipi di cibi, dialetti e musica tra cui reggae, soca, R&B e Hip-Hop. Tutte le cose che includono dettagli che informano la mia pratica. Sono anche cresciuto con un padre che amava leggere e mi spingeva continuamente ad imparare il più possibile sulla mia cultura. Ero molto resistente a questo quando ero più giovane, più interessato al disegno, alla scrittura di storie ridicole e all'ascolto della musica. Ora sono ossessionato dall'imparare tutto ciò che c'è da sapere sulla cultura nera in tutto il Bronx e oltre.

TV: Da giovane, donna di colore in crescita nel settore, ritieni che l'inclusione di diverse razze nella moda sia aumentata?

SC: Credo che sebbene il tasso sia stato lento, sì, l'inclusione di diverse razze nella moda è cresciuta, ma c'è ancora molto lavoro da fare. Voglio vedere più registi creativi e head designer di diverse razze includono le loro specifiche esperienze culturali e personali durante il loro lavoro. In questo modo la gamma di ciò che viene prodotto in tutto il settore rifletterà la diversità dei creatori.

TV: Sei uno dei tre designer neri (e solo donne) a ottenere un AMF da Parsons. Come ti fa sentire?

SC: Mi fa sentire estremamente motivato a continuare ad andare avanti così altre persone di colore e persone di colore sottorappresentate possono sentire una sorta di rappresentazione e riconoscimento nel settore della moda. Voglio che le persone sottorappresentate sentano che l'industria della moda è accessibile e accettabile. Se riesco a far sentire la sottorappresentazione ispirata a perseguire una carriera creativa o sentirmi più autorizzata nella loro espressione creativa, sono felice.

Annuncio pubblicitario

TV: Cosa ne pensi dell'etichettatura razziale nel settore? Ti senti frustrato quando qualcuno ti chiama un designer nero anziché solo un designer?

SC: Non mi sono mai preoccupato di essere chiamato designer nero piuttosto che solo designer. Tuttavia, mi sento estremamente frustrato quando non c'è nessuno intorno a me che capisca la mia esperienza o come scelgo di esprimermi in modo creativo, personale e intellettuale. La mancanza di comunità per lunghi periodi di tempo, sia a lavoro che a scuola, può influire negativamente sulla mia mentalità e talvolta mi lascia dubitare della mia capacità creativa.

TV: Cosa pensi sia stato un punto di svolta nella tua carriera?

SC: Credo che vestire Solange e lei assicurandosi di aggiungere il mio nome ad ogni post, incluso il mio lavoro, mi abbiano attirato molta attenzione che mi ha portato a un'incredibile quantità di opportunità. È stata anche una grande sensazione avere una donna di colore così iconica, talentuosa e creativa che si sforza per la cultura di riconoscere e apprezzare il tuo lavoro.

Getty Images

TV: Quando abbiamo parlato la scorsa settimana, hai menzionato il passaggio dal tradizionale programma di moda alla mostra una volta all'anno mentre facevo progetti speciali. Puoi approfondire su questo?

SC: Prima di decidere di fare la mia prima presentazione, ho deciso che per me non era possibile creare creativamente, finanziariamente o mentalmente due sfilate o presentazioni all'anno per stare al passo con il programma della moda media. Preferirei dedicare del tempo a sviluppare i miei concetti e la mia ricerca in modo da non creare un lavoro insignificante per il gusto di lavorare al ritmo dei designer con molte più risorse e assistenza rispetto a me. Volevo invece mantenere lo slancio attorno al mio marchio attraverso editoriali concettuali, cortometraggi e altri progetti tra le proiezioni Primavera / Estate. Spero di sfidare il ritmo della moda per tutto il tempo che devo e nel momento in cui avrò le risorse per fare più spettacoli all'anno deciderò se è giusto per il mio marchio o se lo sto facendo perché lo fanno tutti gli altri.

TV: Chi sono alcuni dei tuoi mentori di design?

SC: Al momento non ho mentori di design, anche se voglio cambiarlo. I miei designer preferiti sono Raul Lopez di Luar, Telfar e Shayne Oliver in quanto estremamente talentuosi, hanno avuto singolarmente impatti straordinari sulla comunità creativa anche al di là della moda e hanno identità di marchio estremamente forti.

TV: Qualche progetto imminente che ti entusiasma e che puoi condividere con noi?

SC: Sto realizzando un capo personalizzato per la parrucchiera principale e la proprietaria del negozio Hair By Susy, Susan Oludele, da indossare in tutta la sua mostra 'Lady' e il lancio del libro che si terrà il 10 novembre a Okay Space. Il libro e l'evento celebreranno la complessità dei capelli neri e la creatività dello styling dei capelli neri, quindi era un progetto di cui ero estremamente entusiasta di essere parte.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Parsons Student Designers: guarda il loro lavoro rivoluzionario

lumière rouge et bleue pour l'acné