I candidati democratici stanno già correndo per le elezioni presidenziali del 2020

Politica

I candidati democratici stanno già correndo per le elezioni presidenziali del 2020

Elizabeth Warren, Tulsi Gabbard e Julian Castro si sono tutti gettati i cappelli sul ring.

14 gennaio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Alex Wong / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Le elezioni presidenziali del 2020 stanno entrando nella sua prima fase, poiché i candidati stanno iniziando ad annunciare le loro intenzioni di correre. Sono passate solo due settimane dal 2019, ma tre promettenti hanno già reso ufficiale l'intenzione di cercare la nomina del Partito Democratico, dando il via a un processo primario che si svolgerà quest'anno e nel prossimo.

La senatrice Elizabeth Warren (D-MA), il rappresentante Tulsi Gabbard (D-HI) e Julian Castro, ex sindaco di San Antonio, in Texas, ed ex segretario per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano (HUD) sono i primi tre a lanciare i loro cappelli nel anello per i democratici. Ognuno ha iniziato a esprimere il proprio motivo sul perché dovrebbero essere quelli che dovranno assumere il presidente Donald Trump nelle elezioni generali. (Parlando di Trump, è il presunto candidato repubblicano in carica, ma non esclude una sfida da un politico in carriera come l'ex governatore dell'Ohio John Kasich, che ha detto che lo sta prendendo in considerazione.)

nom de petit ami demi lovato

Ecco quello che ciascuno dei tre democratici che hanno annunciato finora sta portando al tavolo del 2020.

La senatrice Elizabeth Warren

Elizabeth Warren, una senatrice che rappresenta il Massachusetts, essenzialmente ha lanciato il suo cappello sul ring quando era ancora il 2018 con un annuncio video pubblicato su Twitter. Anche se tecnicamente era solo l'annuncio di un 'comitato esplorativo presidenziale', ciò significa che è in corso un annuncio ufficiale di candidatura. Ma sta già facendo una campagna come una candidata.

https://twitter.com/ewarren/status/1079734725323964417

'Questa è la lotta delle nostre vite', ha detto Warren venerdì 4 gennaio, in una delle numerose fermate nello stato primario chiave dell'Iowa. Sta costruendo il suo caso su un problema che è stato un segno distintivo della sua carriera politica: l'ingiustizia economica.

'Sono determinato a costruire un'America in cui non solo i figli dei ricchi abbiano la possibilità di costruire qualcosa, ma dove tutti i nostri figli abbiano la possibilità di costruire un futuro reale', ha detto ai potenziali elettori dell'Iowa. 'Questo è ciò per cui sto combattendo'.

Warren ha già una relazione controversa con Trump, che l'ha derisa regolarmente per le sue affermazioni sull'eredità dei nativi americani.

FiveThirtyEight ha osservato che essere una donna con quello che hanno definito uno 'stile di confronto' come quello di Warren può significare che il sessismo potrebbe funzionare contro di lei. Avrà anche una buona dose di sovrapposizione dei voti primari con un altro candidato che dovrebbe correre nel 2020: il senatore del Vermont Bernie Sanders.

Rappresentante Tulsi Gabbard

Gabbard è attualmente rappresentante della Camera per il 2 ° distretto congressuale delle Hawaii, e il suo background è nell'attivismo ambientale e nel servizio militare. È tecnicamente ancora in servizio attivo con la Guardia Nazionale dell'Esercito.

https://twitter.com/TulsiGabbard/status/1083903626748272640

Gabbard ha recentemente scritto un editoriale per La collina attaccando la tendenza politica di armare la religione. 'Dobbiamo stare insieme e con una sola voce condannare coloro che cercano di incitare il bigottismo basato sulla religione', ha scritto. 'Non possiamo permettere a coloro che sono ansiosi di sfruttare le nostre differenze per creare un cuneo tra di noi'.

Annuncio pubblicitario

Ma la storia della retorica divisiva di Gabbard è già un problema per la sua nuova campagna. All'inizio degli anni 2000, ha lavorato con l'organizzazione anti-gay di suo padre, un fatto che sta suscitando attenzione, come riportato dalla CNN. Mentre Gabbard stava diventando maggiorenne (fu eletta per la prima volta a 21 anni), era all'ombra del lavoro di suo padre per sostenere la terapia di conversione e approvare un emendamento costituzionale hawaiano che vietava il matrimonio gay. La CNN ha osservato che da allora Gabbard si è scusato con gli attivisti hawaiani LGBTQ e ha ribaltato la sua posizione a favore del matrimonio tradizionale (ovvero, vietando il matrimonio gay).

Non è quasi l'unica democratica nella storia recente con un disco macchiato su questioni LGBTQ; come notato da The Atlanta Journal-Constitution, il partito stesso non ha aderito all'uguaglianza matrimoniale, una questione di punta dell'attivismo LGBTQ nei primi anni 2000, fino al 2012.

Ex sindaco di San Antonio, in Texas, ed ex segretario dell'HUD Julian Castro

Proprio come suo fratello gemello, Joaquin, Julian Castro è considerato una stella nascente democratica da alcuni anni. L'ex sindaco di San Antonio ha anche lavorato nella Casa Bianca dell'ex presidente Barack Obama come segretario per l'edilizia abitativa e lo sviluppo urbano Vox coperto. Castro si posiziona come un perdente con esperienza di leadership e un'antitesi per Trump a causa del background della sua famiglia; sua nonna era immigrata e sua madre era un'attivista di Chicano.

https://twitter.com/FaceTheNation/status/1084440515809079297

chace crawford kiss

'Non sono un front-runner. Ma nessuno che è cresciuto qui in questi quartieri, incluso me stesso, è mai stato un pioniere ', ha detto Castro Face the Nation dal suo territorio di San Antonio. 'E penso che in questo paese in questo momento ci siano molte persone che non si sentono in prima fila, e vado a parlare con loro in questa campagna'.

Come FiveThirtyEight ha osservato che la sua identità in Latinx potrebbe essere un vantaggio per i democratici, soprattutto date le sue radici nel sud del Texas. Ma chiunque guardi Castro potrebbe anche avere gli occhi per un altro scaltro democratico del Texas: Beto O'Rourke, la cui fallita campagna per il Senato del 2018 lo ha lanciato nella superstar politica.

Anche se Castro perde nelle primarie, Politico sottolineato, potrebbe fallire verso l'alto. Ma come Vox osservato, i progressisti hanno contestato la precedente possibilità di Castro a livello nazionale. Nel 2016, mentre veniva considerato l'allora candidato alla presidenza di Hillary Clinton, il suo tempo come capo dell'HUD è stato esaminato perché considerato troppo intimo con Wall Street, poiché Politico segnalato al momento.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: I democratici che corrono nel 2018 e nel 2020 devono evitare la codardia mentre combattono l'agenda di Trump