Mary Vogt, stilista pazza di ricchi asiatici, parla con i designer locali del sud-est asiatico

Stile

Crazy Rich Asian La stilista del guardaroba Mary Vogt parla della collaborazione con i designer locali del sud-est asiatico

E come i personaggi esprimono lo status di classe attraverso la moda.

15 agosto 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
CRAZY RICH ASIANS, da sinistra: Awkwafina, Constance Wu, 2018. ph: Sanja Bucko / Warner Bros. Pictures / courtesy Everett CollectionEverett
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Crescendo come minoranza, ho sempre desiderato poter andare a teatro e guardare un film pieno di persone che assomigliano e si comportano come me. Gli attori asiatici sul grande schermo sono ancora una rarità: la maggior parte dei film lancerà un personaggio asiatico in un ruolo da protagonista, forse due al massimo. Crazy Rich Asian non solo sfida questa aspettativa, ma frantuma i soffitti con un cast che presenta attori quasi esclusivamente asiatici (e in particolare dell'Asia orientale).

Il film è un adattamento del bestseller del 2013 di Kevin Kwan e verrà aperto oggi. Segue Rachel Chu (Constance Wu) mentre fa un viaggio transcontinentale per incontrare i suoceri, e ogni scena sembra essere sontuosamente avvolta in vernice e gossamer: la trama è spinta avanti dalla coscienza di classe critica e abiti couture.

CRAZY RICH ASIANS, Constance Wu, 2018. ph: Sanja Bucko / Warner Bros. Pictures / Courtesy Everett CollectionEverett

La moda gioca un ruolo enorme nel creare la disparità di classe e nel promuovere l'azione di Crazy Rich Asiane la costumista Mary Vogt usa il guardaroba di ogni personaggio per preparare il terreno per questa storia. (Potresti riconoscere il lavoro di Mary da film come Duna e Batman Returns.) Le parliamo qui della rappresentazione americana asiatica nella moda, trarre ispirazione da Instagram e vestirsi per i tuoi personaggi.

Teen Vogue: Ricordo di aver letto Crazy Rich Asian per la prima volta e creando questa intera immagine di Astrid nella mia testa che ruotava attorno a come è rappresentata dai suoi vestiti. Com'è stato progettare un film in cui la moda è così fondamentale?

Mary Vogt: John Chu, il nostro regista, mi ha suggerito di parlare con Kevin Kwan, lo scrittore, per capire meglio i personaggi. E l'ho fatto, e abbiamo fatto elenchi di diversi designer verso i quali ogni personaggio graviterebbe. Nel film, gli attori creano i personaggi, quindi sono gli attori e i personaggi insieme che vedi nel film. Se metti un vestito su un attore e non si sentono come se il loro personaggio lo indossasse, allora sembra che qualcun altro li abbia vestiti: il vestito diventa un intruso nella scena. Era davvero importante per tutti che qualunque cosa indossassero fosse giusta per il personaggio; che il personaggio era più forte dei vestiti. Gli abiti non dovrebbero mai superare il personaggio.

Gemma (Chan) ha una bellezza molto poetica in faccia e volevo stare molto attento a non sopraffarla. Stava recitando (il personaggio di Astrid) con molta sottigliezza, ed era triste in molte scene, quindi era importante ottenere i costumi giusti. È stata molto coinvolta in tutto ciò, perché (gli attori) devono essere: vuoi che sia molto reale.

Annuncio pubblicitario
Everett

__TV: Una delle cose di cui pensavo che il romanzo avesse fatto un ottimo lavoro era usare la moda per mostrarci l'enorme disparità di classe tra i personaggi. Come lo hai espresso in questo film? __

MV: È bello avere il libro a cui fare riferimento, perché i personaggi sono scritti in modo molto distinto. Eleonora, per esempio, è molto elegante; soldi vecchi. Non avrebbe mai avuto un'etichetta sui suoi vestiti. Non diresti mai 'oh, indossa Dior', o indossa questo o quello. I suoi abiti sono più classici ed eleganti, in tessuti morbidi e belli.

Peik Lin è l'opposto. I suoi vestiti hanno nomi dappertutto; ci sono molti schemi. I suoi vestiti sono gioiosi, ovviamente moda. Eleanor indossava molto Armani; Astrid indossava molto Dior. Peik Lin indossava Stella McCartney e designer più allegri come Markus Lupfer, che ha indossato l'abito arancione con stampe animalier per la scena del rifacimento.

Everett

TV: Ci potrebbe essere più rappresentanza asiatica o asiatico-americana nell'industria della moda nella vita reale, ma penso che questo film offra alcune incredibili opportunità per mostrare i talenti del design asiatico. Era qualcosa con cui devi giocare, e ci sono alcuni designer chiave che gli spettatori dovrebbero cercare nel film?

cheveux bleus décolorés
Annuncio pubblicitario

MV: L'ultimo vestito che Rachel indossa è di una designer (nepalese americana) di New York di nome Prabal Gurung. In realtà ha fatto una proiezione del film a New York, e molti designer asiatici sono arrivati. Ci sono molti designer (asiatici americani) a New York: Phillip Lim è un designer che ho usato molto. Ci sono molti designer asiatici, ma potrebbero non essere così famosi.

Per i designer locali abbiamo usato Shitazy Chen (di Taiwan) e Michael Cinco, delle Filippine. Vatanika, fuori dalla Thailandia. E a Singapore, una designer di nome Lisa Von Tang. Volevamo mostrare il talento locale.

Everett

TV: Due dei problemi che Hollywood sta attualmente affrontando, per quanto riguarda il trattamento dei personaggi e del casting asiatico-americani, sono gli stereotipi e l'imbiancatura dei personaggi asiatici. In che modo il film sta lavorando per combattere questi problemi, e ciò ha influenzato il tuo costume?

MV: Penso che sia una cosa del passato. Non penso che qualcuno avrebbe il coraggio di farlo di nuovo. Quando vedi questo film e vedi quanto sono belle queste persone, quali sono i bravi attori e quanto vibranti e autentici - perché non dovresti? Non penso davvero che qualcuno lo farebbe; non lo farebbero se stessero girando un film giapponese; non avrebbero usato un attore caucasico per interpretare un ruolo asiatico. Penso che sia finito; Non posso credere che qualcuno avrebbe il coraggio di farlo.

TV: Hai avuto un personaggio preferito che devi vestire per questo film?

MV: Beh, non mi piace avere i preferiti, ma è difficile non averne uno preferito quando Nora (Awkwafina) è nel film. lei di così molto divertimento. Lei e Nico Santos, i due insieme erano esilaranti.

TV: Hai fatto molte ricerche sulle attuali tendenze del design asiatico-americano?

MV: È così facile fare ricerche ora. Ci sono così tanti influenzatori asiatici su Instagram che fotografano tutto, ed è davvero facile fare ricerche e vedere cosa indossano le persone. Un giorno, quando ero nella boutique Dior a Kuala Lumpur, stavano facendo una doccia per bambini. C'era una doccia per bambini, con quindici persone. Non avevo mai visto niente del genere. Il tema della doccia per bambini era rosa e bianco, e tutti i partecipanti indossavano rosa e bianco, tutto il cibo era rosa e bianco, tutti i regali erano rosa e bianchi.

Annuncio pubblicitario

Stavo morendo dalla voglia di fare foto, perché sembrava esattamente qualcosa che sarebbe stato nel nostro film. È stato così geniale. È stata una delle cose migliori che abbia mai visto: una doccia per bambini rosa e bianca. Al Dior! È difficile competere con le persone reali (vivere la pazza vita asiatica ricca), perché sono così incredibili.

TV: Quindi, sei stato più influenzato dagli attori o dalle tendenze della vita reale?

MV: Penso che sia stata una combinazione di attori e personaggi come scritto da Kevin. Eleanor ha questa scena sulle scale con Rachel, e Rachel indossa questo abito Giambattista Valli floreale molto morbido, in chiffon. Sembra un Alice nel paese delle meraviglie vestito. Ed Eleanor è in seta verde smeraldo; una camicetta e pantaloni bianchi, e lei sembra molto forte. Mi piace il contrasto del modo in cui questi due outfit sembrano uniti.

TV: Finalmente, una delle cose che sono così entusiasta di vedere Crazy Rich Asian è il suo cast tutto asiatico, che non è più presente sul grande schermo dal 1993 Joy Luck Club. Ne hai sentito il significato quando stavi progettando per questo film o non ti ha colpito fino a quando è iniziata la frenesia dei media?

MV: Il cast è stato così vibrante ed eccitante con cui lavorare. Non ero mai stato a Singapore o Kuala Lumpur, ed era un sapore molto diverso dall'essere altrove. Lo sapevo Crazy Rich Asian è stato importante, perché John Chu mi ha detto che era importante, ma ciò che mi ha colpito è stata la grande personalità degli attori e quanto fossero divertenti. Sono belli; sono divertenti; sono divertenti con loro - perché non vorresti attori così nel tuo film?

Questo film è un film molto commerciale, ed è una storia che fa appello a qualsiasi nazionalità. È una storia sulla famiglia, sull'amore e sull'essere all'esterno. È una storia classica.

Relazionato: Constance Wu parla di 'Crazy Rich Asians' e della sua rappresentazione a Hollywood

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.