Il regista di 'Crazy Rich Asians' e il cast parlano a sostegno della co-sceneggiatrice Adele Lim dopo rapporti di retribuzione disuguale

Film

Il regista di 'Crazy Rich Asians' e il cast parlano a sostegno della co-sceneggiatrice Adele Lim dopo rapporti di retribuzione disuguale

'Se non potessi ottenere l'equità retributiva dopo CRA, Non riesco a immaginare come sarebbe per chiunque altro, dato che lo standard per quanto vali è stabilire citazioni da film precedenti, che le donne di colore non sarebbero mai state (assunte per).

5 settembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images; Sanja Bucko / Per gentile concessione di Warner Brothers Entertainment
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Aggiornato il 10 settembre alle 11:15

Giorni dopo The Hollywood Reporter segnalato per primo Crazy Rich Asian il co-sceneggiatore Adele Lim aveva lasciato il sequel del film dopo che gli era stata offerta una retribuzione diseguale, il regista e il cast del film stanno parlando.

CRA il regista Jon M. Chu ha twittato una lunga dichiarazione il 9 settembre, rivolgendosi al rapporto. Cominciò con un messaggio generale di supporto: 'Puoi scommettere che io * sto con Adele! Ho creduto in lei prima di girare il film e credere in lei oltre. Ha continuato, '... perché sono vicino a Adele, quando ho scoperto che non era soddisfatta dell'offerta iniziale, i produttori, io e i dirigenti dello studio siamo entrati in azione per assicurarci di raggiungere un punto di parità tra i due scrittori in un numero significativo ... Sfortunatamente quando abbiamo trovato diversi modi per soddisfare le esigenze di tutti, era passato molto tempo e lei ha rifiutato l'offerta. Queste cose accadono durante le trattative, e sono orgoglioso di essere stata in grado di resistere alla propria misura di valore e di andarsene sentendosi come sottovalutata ”.

All'indomani del THR storia, la decisione di Lim di andarsene ha scatenato discussioni sulla parità di retribuzione per donne e persone di colore. Chu ha scritto che spera che quelle discussioni continuino. 'Concordo con Adele sul fatto che la parità per le donne e le persone di colore è fondamentale per la continua illuminazione del nostro settore e abbiamo ancora molta strada da fare', ha detto, prima di aggiungere che lo stesso Chiarelli non dovrebbe essere al centro dell'attacco. 'Altro da fare. Altro da dire Altro da imparare ', ha concluso.

Gemma Chan, che riprende il ruolo di Astrid nei due sequel di Crazy Rich Asian, ha ritwittato la dichiarazione di Chu e ha aggiunto il suo messaggio di supporto a Lim. 'Anch'io sto con @adeleBlim e la sostengo pienamente, come faccio ogni persona che lotta per pagare l'equità', ha scritto Chan. 'La disparità retributiva colpisce in modo sproporzionato le donne e il POC e c'è ancora molta strada da fare, sia nella conversazione che nel modo di correggerla. Possiamo e dobbiamo fare meglio, più velocemente '.

https://twitter.com/gemma_chan/status/1171211801784176643?s=20

https://twitter.com/jonmchu/status/1171192579343441920?s=20

candidats présidentiels star wars

In precedenza:

Annuncio pubblicitario

Sebbene siano stati fatti alcuni progressi, Hollywood continua ad avere un problema di rappresentazione, specialmente quando si tratta di dietro la telecamera. Alcuni dei film più incassati del settore mancano di registi femminili e quelli coinvolti nella creazione e nel cast di produzioni televisive e cinematografiche hanno continuato a lottare per l'uguaglianza, soprattutto quando si tratta del divario retributivo di genere. Ora, grazie alle azioni di Crazy Rich Asian co-sceneggiatrice Adele Lim, c'è una rinnovata attenzione sulla disparità retributiva continua a Hollywood.

The Hollywood Reporter riferisce che Lim, che ha co-scritto il primo Crazy Rich Asian film, si è dimesso dal suo lavoro sul sequel programmato del film dopo aver scoperto che la sua controparte maschile che lavorava sul film ha registrato un rapporto dalle otto alle dieci volte maggiore di lei. Lim non ha confermato la sua retribuzione con The Hollywood Reporter, ma fonti hanno riferito alla pubblicazione che le prime offerte per Lim sono state di oltre $ 110.000, mentre le offerte per il suo co-sceneggiatore maschio, Peter Chiarelli, sono state tra $ 800.000 e $ 1 milione.

'Essere valutati in questo modo non può fare a meno di farti sentire che è così che vedono i miei contributi', ha detto THR. Ha continuato dicendo che Hollywood usa spesso le donne e le persone di colore come 'salsa di soia', o le persone assunte per aggiungere solo dettagli di significato culturale.

Come THR ha spiegato Chiarelli, che probabilmente è meglio conosciuto per aver scritto il film del 2009 La proposta, era stato assunto da Nina Jacobson e Brad Simpson di Color Force per adattare l'omonimo libro di Kevin Kwan. Successivamente Lim si è unito come co-autore.

Secondo quanto riferito, Lim ha preso la decisione di abbandonare il sequel lo scorso autunno. Secondo THR, lo studio aveva tentato di trovare un sostituto della discendenza asiatica per il lavoro per cinque mesi dopo la partenza di Lim, e quando non ne fu trovato uno, un salario più vicino a quello di Chiarelli fu offerto a Lim. Lei ha rifiutato.

Secondo Lim, Chiarelli si era offerta di dividere la sua quota con lei, ma lei ha rifiutato. Lim ha detto THR che i rappresentanti della Warner Brothers, lo studio responsabile Crazy Rich Asian aveva difeso l'offerta, definendo lo stipendio una 'gamma standard di settore basata sull'esperienza e che fare un'eccezione avrebbe creato un precedente preoccupante nel settore'.

Lim ha detto The Hollywood Reporter che è rimasta preoccupata per ciò che gli altri non-uomini che lavorano nel settore vengono pagati, dicendo: 'Pete non è stato nient'altro che incredibilmente gentile, ma ciò che faccio non dovrebbe dipendere dalla generosità dello scrittore bianco. Se dopo non potessi ottenere l'equità retributiva CRA, Non riesco a immaginare come sarebbe per chiunque altro, dato che lo standard per quanto vali è avere citazioni stabilite da film precedenti, che le donne di colore non sarebbero mai state (assunte). Non esiste un modo realistico per raggiungere la vera equità in quel modo '.

Teen Vogue ha contattato Warner Bros. per un commento.

Lasciaci scivolare nei tuoi DM. Iscriviti al Teen Vogue email giornaliera.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: I fan pazzi dei ricchi asiatici sono entusiasti della vittoria scelta dai suoi critici

taches sombres sur tout le corps