Cecile Richards scrive la risposta ai voti di Kavanaugh, ringraziando la senatrice Lisa Murkowski

Identità

'Le donne in America stanno meglio per avere la loro voce a Washington'.

Di Cecile Richards

cheveux aisselle bella thorne
5 ottobre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

In questo editoriale, Cecile Richards reagisce ai voti del Senato per confermare il giudice Brett Kavanaugh.





Nelle ultime settimane, migliaia di donne hanno chiamato i loro senatori, si sono recate a Washington, D.C., per protestare e, forse soprattutto, hanno raccontato le loro storie. Queste storie di violenza e aggressioni sessuali sono profondamente personali e sono state spesso tenute in privato fino a questo momento. Queste donne hanno parlato della vergogna e dello stigma che hanno dovuto affrontare. Per coloro che hanno cercato aiuto, molti hanno descritto il sospetto e il dubbio che sono stati accolti dalle autorità, dalla polizia e persino dai propri familiari. Da volti famosi, come Connie Chung e Padma Lakshmi, a donne e uomini di tutti i giorni, le loro storie hanno portato l'intero paese in una conversazione attesa da tempo sulla violenza sessuale e su come il trauma dell'assalto possa ripercuotersi per decenni sulla vita di un sopravvissuto.

Eppure, diversi senatori repubblicani, per non parlare del presidente degli Stati Uniti, hanno messo in dubbio la dott.ssa Christine Blasey Ford, che, a suo rischio e pericolo, ha parlato al comitato giudiziario del Senato. I membri repubblicani di quel comitato - tutti uomini - non avevano nemmeno il coraggio di condurre l'udienza, nascondendosi invece dietro una procura per fare il lavoro sporco. È stata una dimostrazione profondamente inquietante e demoralizzante di come vengono spesso trattati i sopravvissuti all'aggressione sessuale.

Ma oggi Lisa Murkowski, repubblicana dell'Alaska, ha rotto i ranghi con il suo partito per dire che si opporrà alla conferma finale di Brett Kavanaugh alla Corte Suprema. Ad oggi è l'unica senatrice repubblicana a mettere la nostra democrazia e la dignità delle donne e delle ragazze davanti alla politica.

Per quelli di noi che conoscono il senatore Murkowski, questo non è sorprendente, anche se rimane coraggioso e gratificante. Questo perché ama il suo stato e combatte per i suoi residenti. Quando vai a visitare il senatore Murkowski, vedi che il suo ufficio non è coperto da proclami e riconoscimenti. Piuttosto, ti senti come se stessi camminando nel 49 ° stato stesso: c'è un enorme salmone sul muro, opere d'arte native dell'Alaska e fotografie più tipiche che si trovano in National Geographic delle sale del Congresso.

Durante la battaglia per proteggere l'accesso a Planned Parenthood e per proteggere l'accesso dell'assicurazione sanitaria a migliaia di alaskani, molti di noi hanno conosciuto il senatore. In quelle conversazioni, non parlava di politica. Le sue preoccupazioni e domande riguardavano sempre le persone: cosa sarebbe successo a una donna di Juneau che si era trovata un nodulo nel seno e aveva bisogno di una pianificazione familiare? Cosa succederebbe alle migliaia di alaskan che avevano condizioni preesistenti e che finalmente avevano accesso alle cure? Ho sentito da innumerevoli pazienti e sostenitori di Planned Parenthood che l'avrebbero vista al mercato dell'agricoltore locale e mi hanno detto che aveva sempre il tempo di ascoltare.

Come il suo stato, Lisa Murkowski è fortemente indipendente. Gli esperti che hanno immediatamente dichiarato la sua carriera dopo il suo voto di principio venerdì devono aver dimenticato che il senatore Murkowski è stato rieletto nel 2010 conducendo una campagna di scrittura dopo aver perso le primarie repubblicane. Ha vinto quella gara mostrando il tipo di ostinata determinazione che gli americani ovunque rispettano.

Nonostante l'ambiente iperpartigiano di Washington, DC e i giochi di potere che alimentano il Congresso, Lisa ricorda sempre le persone che l'hanno mandata al Senato: gente rurale, donne che lavorano, comunità native dell'Alaska e persone che si aspettano che il governo lavori loro. Sebbene io e lei non siamo d'accordo su tutto, la rispetto e apprezzo la sua disponibilità a difendere ciò in cui crede, piuttosto che l'ortodossia di partito. Le donne in America stanno meglio per avere la sua voce a Washington e la sua influenza nel suo partito.

Se Kavanaugh sarà confermato, sarà il meno famoso nominato dalla Corte Suprema tra 30 anni. E ne sono certo: le donne in America sono infuriate, sono fidanzate e voteranno a novembre.

E quando lo faranno, ricorderanno Lisa Murkowski, che, nel rappresentare il suo stato, ha rappresentato anche tutti noi.

Ottenere il Teen Vogue Prendere. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Questi giovani sanno fin dall'inizio, e pensano che anche Brett Kavanaugh dovrebbe