Il boicottaggio dovrebbe essere una tattica per protestare contro i potenti, non per rafforzarli

Politica

Il boicottaggio dovrebbe essere una tattica per protestare contro i potenti, non per rafforzarli

Parla è una rubrica di Teen Vogue di Jenn M. Jackson, la cui strana prospettiva femminista nera esplora come la vita sociale e politica di oggi sia influenzata da generazioni di ordine razziale e di genere. In questo pezzo, spiega come i bianchi hanno storicamente e frequentemente usato boicottaggi e proteste per mantenere uno status quo anti-nero.

26 settembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Angela Weiss / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Sabato 8 settembre, la leggenda del tennis Serena Williams ha perso gli Stati Uniti Open a Naomi Osaka, la prima giocatrice giapponese (anche lei di origine haitiana) a vincere il titolo del Grande Slam.

La vittoria è arrivata con polemiche in quanto, durante la partita, Williams ha affrontato l'arbitro Carlos Ramos quando l'ha accusata di aver ricevuto coaching o, in sostanza, imbrogliare, secondo BuzzFeed Notizie. Serena disse a Ramos: 'Capisco perché potresti aver pensato che fosse coaching, ma ti sto dicendo che non lo è. Non imbroglio per vincere. Preferirei perdere. Ti sto solo facendo sapere '.

Dopo aver ricevuto una violazione del codice per il coaching, Serena ha ricevuto una seconda violazione del codice e la perdita di un punto, per aver rotto la sua racchetta per la frustrazione. Quindi disse a Ramos: 'Mi devi delle scuse. Non ho mai imbrogliato in vita mia '. Mentre la discussione continuava, disse a Ramos: 'Mi hai rubato un punto. Anche tu sei un ladro '. Fu allora che Ramos diede a Serena una terza violazione del codice, che provocò una penalità di gioco. Dopo la sua perdita a Osaka, Serena ha parlato con la stampa e ha indicato di ritenere le azioni di Ramos sessiste.

Ora, secondo quanto riferito, gli arbitri del tennis stanno prendendo in considerazione un boicottaggio delle partite di Serena Il Washington Post. Esprimendo preoccupazione per la mancanza di sostegno istituzionale da parte della U.S. Tennis Association (USTA) e della Women's Tennis Association (WTA), i migliori arbitri di tennis possono anche spingere per la creazione di un sindacato, secondo Inviare. L'attuale lotta nel mondo del tennis professionale deriva da questioni di lunga data nello sport, che ha regole vaghe e poco chiare che sono lasciate alla discrezione degli arbitri di decidere in tempo reale. Se gli arbitri di tennis subiscono un boicottaggio di Williams, probabilmente avrà poco ricorso per uscire da una battaglia tra USTA, WTA e International Tennis Federation (ITF), che si è schierato con Ramos. Se gli arbitri si rifiutano di supervisionare le sue prossime partite, useranno effettivamente le loro posizioni di autorità in campo per ostacolare la capacità di Serena di partecipare pienamente allo sport che ha dominato per più di due decenni.

Il professore di Yale James C. Scott parla nel suo libro Armi dei deboli sulle forme personali di resistenza, evasione e interruzione che alcuni gruppi oppressi hanno usato a lungo come protesta. Ma sembra che quelli al potere, vale a dire (ALCUNI) bianchi, abbiano adottato queste forme con i propri scopi per continuare a opprimere gli altri.

de bons moyens de se débarrasser de l'acné

Ad esempio, di recente, in risposta alla nuova pubblicità della Nike con l'attivista ed ex giocatore della NFL Colin Kaepernick, che recita 'Credi in qualcosa. Anche se ciò significa sacrificare tutto ', alcuni americani bianchi hanno iniziato a bruciare la loro merce Nike e tagliare l'iconico simbolo' swoosh 'da calze e altri vestiti, secondo Il Washington Post.

https://twitter.com/Kaepernick7/status/1036695513251434498

Il presidente Donald Trump si è persino recato su Twitter per chiedere 'Cosa stava pensando Nike?' in risposta all'annuncio.

Annuncio pubblicitario

Questi atti di disprezzo pubblico, che in realtà finirono per aumentare il prezzo delle azioni della Nike, furono principalmente in risposta alla protesta in corso di Kaepernick contro la brutalità della polizia. Ma dal momento che la merce Nike era già stata acquistata, gli atti di distruzione sembravano fare poco più che servire da pubblicità extra per il marchio di scarpe.

Non è del tutto chiaro cosa siano questi consumatori con magliette senza swoosh e scarpe da corsa carbonizzate in realtà protestare. Il loro obiettivo principale sembra essere il blocco di qualsiasi supporto istituzionale per Kaepernick, un atleta che sta usando la sua piattaforma per attirare l'attenzione sulla violenza della polizia negli Stati Uniti. In effetti, stanno boicottando il suo boicottaggio.

cheveux de kylie jenners

Lo abbiamo visto anche in casi più espressamente politici. Il 18 novembre 2016, quando il vicepresidente Mike Pence ha partecipato a una proiezione di Hamilton a Broadway, il cast ha lanciato uno speciale grido alla fine della performance. L'attore Brandon Victor Dixon ha ringraziato Pence, poi gli ha detto: 'Noi, signore, siamo l'America diversa che è allarmata e ansiosa che la vostra nuova amministrazione non proteggerà noi, il nostro pianeta, i nostri figli, i nostri genitori, né ci difenderà e difenderà i nostri diritti inalienabili, signore. Ha continuato, 'Ma speriamo davvero che questo spettacolo ti abbia ispirato a sostenere nostro Valori americani e lavorare per conto di tutti di noi'. Sentendo il cast non rispettato Pence, i sostenitori di Trump e lo stesso Trump, si sono rivolti ai social media per chiedere che gli attori si scusassero, sotto la minaccia del boicottaggio. Invece, la produzione ha portato a $ 3,3 milioni nelle successive otto esibizioni, battendo il record per la maggior parte dei soldi guadagnati da uno spettacolo di Broadway in una sola settimana.

Anche in questo caso, la resistenza è inquadrata da una lente di ritorsione, rivolta a un cast di attori di colore il cui obiettivo principale era quello di attirare l'attenzione sulle politiche e gli ordini del giorno dannosi di un'amministrazione esecutiva entrante. Ma la lunga storia di resistenza negli Stati Uniti e all'estero ci ha insegnato che i boicottaggi non sono fatti per essere usati in questo modo. Usare la protesta per colpire coloro che hanno meno potere raramente, se mai, sposta le risorse istituzionali al vertice verso la giustizia. Non vi è alcun incentivo per i potenti attori politici e sociali a proteggerli.

Sfortunatamente, l'appropriazione della politica di resistenza avviene più volte.

In seguito alla copertura di Sean Hannity sulle accuse di cattiva condotta sessuale nei confronti del candidato del Senato repubblicano Roy Moore nel 2017, Keurig ha pubblicato i suoi annunci dal popolare spettacolo Fox News di Hannity. Anche questo ha stimolato la richiesta di boicottaggio da parte dei fan conservatori di Hannity e ha provocato la demolizione delle caffettiere in tutto il paese. Invece di infuriare contro la mascolinità tossica o la cultura dello stupro, i fan arrabbiati di Hannity hanno concentrato le loro energie su un'azienda produttrice di bevande.

Alla sola vista del trailer dello show di successo Cari bianchi nel febbraio 2017, alcuni bianchi hanno immediatamente chiesto un boicottaggio di Netflix perché pensavano che la serie propugnasse il 'genocidio bianco'. Molti addirittura si sono rivolti a Twitter, con la replica 'Dear Black People', per minare l'idea che il privilegio e l'oppressione razziali esistano addirittura.

Queste azioni non riguardano la liberazione di massa o la libertà. Sono sforzi per mantenere uno status quo dannoso, solitamente anti-nero, che avvantaggia solo coloro che hanno potere e accesso.

Nel suo resoconto dettagliato dell'era del movimento per i diritti civili degli Stati Uniti, intitolato Le origini del movimento per i diritti civili, Il sociologo nord-occidentale Aldon D. Morris mostra come gli attivisti e gli organizzatori del movimento sociale hanno concentrato le loro energie non sugli individui ma sui cambiamenti istituzionali. 'Il comportamento collettivo è quell'attività in cui le persone si impegnano quando tentano di riparare o ricostituire una struttura sociale rotta', scrisse nel 1984. Pertanto, boicottaggi, proteste, petizioni e simili hanno lo scopo di risolvere problemi sistemici che danneggiano coloro che non lo fanno avere pieno accesso e potere per attuare il cambiamento con mezzi tradizionali. Quindi, quando coloro che sono in alto o vicino alla cima si impegnano a protestare contro coloro che sono molto più colpiti da discriminazioni sistematiche o pregiudizi di quanto non siano, possono solo peggiorare il problema.

Annuncio pubblicitario

La protesta rimane uno dei mezzi più critici per presentare una petizione al governo per una giusta riparazione di rimostranze. Per molte persone ai margini, per le quali il sistema elettorale rimane praticamente inaccessibile a causa della severa registrazione degli elettori e delle leggi sull'identità degli elettori, i boicottaggi e altre forme di resistenza sono una forma primaria di partecipazione al sistema politico americano. L'importanza della protesta politica e il suo impatto sul mondo sociale odierno non dovrebbero essere dati per scontati.

remonter le moral ami

Quando l'atto di protesta viene utilizzato per mantenere in atto sistemi dannosi da parte dei bianchi che sono arrabbiati per il loro produttore di scarpe preferito che sostiene un atleta di minoranza che non gli piace o che sono arrabbiati che un popolare spettacolo di Broadway sostenga i valori di uguaglianza e liberazione per tutti, stanno sfruttando un sistema già predisposto per fallire quelli più lontani dal potere. Non solo, si stanno appropriando degli strumenti che le persone emarginate hanno creato, affinato e affinato. Strumenti creati per smantellare sistemi di controllo oppressivi e discriminatori.

Se vogliamo trasformare lo status quo, questo è un punto critico per iniziare.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo:

  • Le donne di colore non sono i tuoi supereroi
  • Imprigionare i bambini è una brutta tradizione americana