Baby Fat non è reale, è solo un mito fatphobic

Identità

È usato per alleviare i timori che il grasso non sia transitorio e che i bambini grassi possano diventare adulti grassi.

Di Mathew Rodriguez

12 settembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Arvida bystrom
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Da giovane ero sempre preoccupato di trasformarmi in quella che pensavo fosse la cosa peggiore possibile: un adulto grasso. Ricordo di essermi seduto al tavolo di una caffetteria tra amici in seconda media quando un amico disse che, quando sei un bambino, andare oltre i 100 chili è male, ma che alla nostra età, andare oltre i 200 è stato davvero male. A quel tempo, avevo più di 200 anni. E la mia misura della vita stava spingendo oltre un 38, leggermente verso un 40.





Il mio corpo in crescita contrastava con la mitologia più sentimentale che avevo sentito a casa: non avevo bisogno di preoccuparmi troppo del mio peso di 8, 9 o 10 anni perché, invecchiando, il grasso sul mio corpo sarebbe scemato. Un giorno, mentre il mito andava, il mio budino si scioglieva e un adulto più snello e di medio corpo sarebbe emerso. La mia famiglia avrebbe sospirato di sollievo. Ciò che avevo era chiamato, con affetto, grasso per bambini.

Dirmi che il mio grasso era semplicemente 'grasso per bambini' non voleva solo alleviare le mie preoccupazioni sul mio peso, ma anche calmare le preoccupazioni di mia madre e mia sorella che un giorno sarei diventato un adulto grasso. Ma il mio grasso non si è mai sciolto come diceva il mito. Sono rimasto grasso, confermando quelle paure sia per me che per la mia famiglia.

Uno studio del 1998 ha suggerito che i bambini possono imparare la distorsione implicita del peso già all'età di 3 anni. E così tanti programmi TV e film promuovono lo stigma del peso, anche quelli diretti ai bambini. Nel Matilda, la massiccia, muscolosa e sfidante genere di genere Trunchbull minaccia la sicurezza di Matilda (che ha un padre malvagio, grassoccio e un fratello in sovrappeso antagonista, proprio come il trucco di famiglia nel Harry Potter serie) e l'innocente, femminile e magra Miss Honey. Papà Maiale Peppa Pig viene costantemente svergognato per il suo peso, promuovendo l'idea che i corpi delle persone grasse sono un gioco equo per commenti e insulti. Uno studio del 2013 nel Regno Unito ha anche scoperto che i bambini hanno maggiori probabilità di attribuire tratti negativi a un personaggio di un libro per bambini in sovrappeso all'età di 4 anni.

Gli adulti diffondono la propria fatfobia sui bambini in numerosi modi, non ultimo osservando ciò che mangiano. Il legame tra consumo di alimenti, grassi e mancanza di buona salute, che molti studi hanno trovato inconcludente, diventa quindi cablato in tenera età.

'Quando iniziamo a sorvegliare i bambini intorno al cibo e dicendo loro che diventeranno grandi se mangiano troppo, iniziamo il concetto di' troppo cibo equivale a una persona grassa 'e questa è una falsa equivalenza', afferma Virgie Tovar, un'attivista grassa e autore di Hai il diritto di rimanere grasso.

produit contre l'acné qui fonctionne

Il termine baby fat è, al suo interno, un ossimoro. La cultura americana vede l'infanzia, in particolare l'infanzia, come l'apice dell'innocenza. Il grasso è l'assenza di moralità. I bambini non hanno scelta. Ma, come crede, le persone grasse scegliere essere grassi, ogni giorno, per ciò che si mettono in bocca e per come muovono i loro corpi.

'Il grasso è sempre considerato uno stato di mancanza di innocenza', afferma Tovar. 'Crediamo che le persone grasse abbiano perso la loro bussola morale'.

Il grasso corporeo letterale, tuttavia, è sia molto reale che mitologico. I neonati, come i mammiferi in letargo, vantano alti livelli di tessuto adiposo marrone o 'grasso bruno' che li aiuta a mantenerli caldi. Quindi sì, i bambini hanno grasso. Ma è solo grasso, non c'è niente di particolarmente infantile al riguardo. La parte mitologica arriva quando tracciamo una distinzione tra il cosiddetto grasso per bambini e altri tipi di grasso, apparentemente dicendo che c'è grasso buono e cattivo: il grasso che accade per noi come un bambino è buono, ma il grasso che noi acquisire da adulto, non tanto. Secondo il dott. Jennifer Gaudiani, M.D., autore di Malato abbastanza e un internista specializzato in disturbi alimentari, che tiene conto del grasso corporeo a spese della denigrazione del grasso adulto è un'equazione in cui nessuno vince.

Annuncio pubblicitario

'Quando le persone dicono che il grasso corporeo, che in realtà non ha basi scientifiche, stanno suggerendo che a qualcuno è permesso di ingrassare a una certa età con l'aggiunta non detta che ci si aspetta che non siano grassi dopo', ha detto in un'intervista. Chiedi alla dott.ssa Gaudiani del grasso e lei scuote un elenco di aggettivi positivi: naturale, sano, meraviglioso. 'Quando onoriamo la diversità corporea, comprendiamo che le persone indossano il grasso in modi diversi e tutto ciò ha il potenziale per essere compatibile con la salute.

Il grasso per bambini, quindi, secondo Tovar diventa un tipo di grasso 'sicuro' e il grasso per adulti diventa pericoloso, persino demonizzato.

'Il grasso corporeo è sicuro perché l'infanzia è sempre già nel nostro passato, qualcosa che capiamo sempre da dove cresceremo, rispetto al grasso adulto, che è un tipo pericoloso di grasso, è un tipo di grasso che dobbiamo monitorare', Disse Tovar. 'Ricordo il grasso corporeo come un modo per eufemisticamente ancora parlare del mio corpo ma della mia grasso come qualcosa di transitorio'.

Per un bambino come me, che è stato preso in giro per essere grasso, il concetto di grasso corporeo è immediatamente rilassante, ma inutile a lungo termine. Dire ai bambini che un giorno supereranno il loro 'grasso corporeo' non è solo per aiutare i bambini. Spesso è un modo per gli adulti di discutere delle proprie paure che un bambino possa ingrassare. Come dice Tovar, 'Dobbiamo vestire il grasso con il linguaggio per alleviare noi stessi e la persona che potrebbe essere grassa'.

Ha aggiunto: 'Tutto si tratta di alienare il grasso e di chiamare il grasso come uno stato che consideriamo allarmante'.

La cosa più dannosa, secondo il dott. Gaudiani, sulla vendita agli adolescenti del mito del grasso corporeo, è che la pubertà è un momento in cui i bambini dovrebbero aumentare di peso considerevole. Dire loro di aspettarsi qualcosa di diverso travisa il design della natura. Per spingere un corpo metamorfosi attraverso il 'lavoro miracoloso' della pubertà, come lo chiama il dott. Gaudiani, richiede un'incredibile quantità di energia. Quella riserva di energia solitamente immagazzinata nei nostri stomaci. Stigmatizzare questo processo di accumulo di energia naturale trasforma il sito di questa meraviglia biologica in un nesso di vergogna.

Anche la comunità medica, insiste il dott. Gaudiani, è colpevole di questo disonore.

'Il pregiudizio sottile interiorizzato fa sì che i medici alzino una bandiera rossa e prendano una nota del tipo:' Oh, vedo che il tuo peso è aumentato. ' Perché mai dovrebbe essere menzionato '? lei ha notato. Gli adolescenti grassi, aggiunge, soffrono spesso a causa di una correlazione 'male informata e non scientifica' tra dimensioni e salute. 'Le persone possono diventare davvero preoccupate per il proprio corpo come se non fossero state bombardate da quel messaggio ovunque nella loro vita. Non sono nemmeno al sicuro nel loro studio medico '.

La linea di fondo è che i bambini hanno bisogno di peso durante l'adolescenza, una realtà in contrasto con l'idea che il grasso sia estraneo. Secondo il dott. Gaudiani, spetta ai genitori arginare lo tsunami della cultura dietetica e i messaggi fatphobic che dilagano quotidianamente i bambini e assicurarsi che i bambini si sentano sempre a proprio agio nel proprio corpo. Ciò significa indagare sulla propria fatfobia, sia attraverso la terapia che con altri mezzi.

'I genitori devono sedersi con le proprie paure', ha detto. 'Il lavoro dei genitori è trasudare un sostegno incondizionato'. Ciò include dire ai bambini che a volte i medici proiettano messaggi fatofobici sui bambini e che dovrebbero essere lasciati indietro nell'ufficio del medico, il che significa dire qualcosa come 'Ehi, c'è una possibilità che il tuo pediatra faccia una dichiarazione davvero ridicola sul tuo peso'.

lettre d'appel d'admission au collège

Durante la lezione di ginnastica a 16 anni, pesavo 260 sterline. Il mio peso è diventato foraggio per la discussione. Tra quelli a me vicini, le possibili soluzioni per il mio peso sono state risolte dal pensiero di gruppo. Alla fine mi è stato proposto di allenarmi in una palestra a cui potevo frequentare gratuitamente. Delle molte opzioni che mi sono state date - dieta, esercizio fisico, ecc. - nessuna ha incluso mantenere il mio corpo com'era o spiegarmi i benefici del grasso. Non incolpo particolarmente nessuno per questo, soprattutto perché l'establishment medico spesso non riesce nemmeno a farlo bene. Ma non mi è mai venuto in mente una volta o me intorno a me che la strada per combattere il 'problema' non stava combattendo il mio stomaco, ma lo stigma che gli altri mi hanno lanciato sulla schiena.

Annuncio pubblicitario

Per quanto vorrei che quell'opzione mi fosse stata presentata a 16 anni, chissà se sarei stato in grado di accettarlo. Avevo già trascorso un decennio a dissotterrare e demolire un corpo che avrei dovuto insegnarmi ad amare. Forse l'intervento deve essere precedente. Quando chiedo a Tovar di parlare presto con i bambini, mi racconta di un momento in cui il bambino di cinque anni di un'amica ha commentato la sua 'grande pancia', ha risposto: 'Sì, non è bello'?

Gran parte della nostra cultura dietetica insiste sul fatto che dentro ognuno di noi grassi, c'è una persona magra che cerca di uscire. Mi è stato detto che il mio grasso era solo un 'grasso per bambini' e ha creato una mitologia simile a quella di una storia di persone magre intrappolate. Qualunque sia lo stato in cui ti trovi, se coinvolge grasso, è sbagliato. Deve essere modificato. In questo scenario, le persone grasse suonano come guardiani della prigione che negano la loro libertà magro.

Ma ciò che afferra davvero le persone grasse non è il grasso stesso, ma i miti culturali sui nostri corpi, come il grasso per bambini. Questi miti non offrono alla gente grassa spazio per la liberazione e nessun modo di identificarsi con il nostro grasso. Il mio grasso fa parte di me e mi identifico come una persona grassa, non una persona magra in un elaborato costume aderente. Il mio corpo non è una prigione. E né io, né questa persona magra, siamo intrappolati.