Nazisti americani e simpatizzanti nazisti sono in circolazione dagli anni '30

Politica

Nazisti americani e simpatizzanti nazisti sono in circolazione dagli anni '30

Inoltre, gruppi antinazisti come i Minutemen stavano prendendo a pugni i nazisti americani anche prima della seconda guerra mondiale.

26 novembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
STATI UNITI - 18 MAGGIO: Saluto nazista degli amici della Nuova Germania al Madison Square Garden. (Foto di Larry Froeber / NY Daily News Archive via Getty Images) Saluto nazista di Friends of New Germany al Madison Square Garden il 18 maggio 1934. | Archivio di notizie quotidiane di New York
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Molti conoscono la storia di Adolf Hitler, della Seconda Guerra Mondiale e dell'Olocausto. Ma è probabile che la tua scuola abbia sorvolato la storia della nascita simultanea del nazismo negli Stati Uniti e della lotta per fermarlo.

Durante il dominio di Hitler, una varietà di gruppi nazisti spinse la sua agenda antisemita fascista negli Stati Uniti. Mentre numerose organizzazioni si sono opposte ai nazisti americani, un gruppo ha portato la lotta oltre il resto - gangster ebrei. Una volta che Hitler salì al potere, i mafiosi ebrei nelle città da New York a Los Angeles interruppero violentemente le riunioni naziste e attaccarono i nazisti, determinati a fermare l'ascesa del fascismo negli Stati Uniti.

Nel 1933, Hitler divenne il cancelliere della Germania, e gruppi pro-Hitler spuntarono in tutti gli Stati Uniti. Hanno spesso preso di mira gli americani tedeschi per reclutamento e intimidito comunità ebraiche, racconta lo storico Warren Grover Teen Vogue. Nel 1939, il Bund americano tedesco - uno dei più grandi gruppi pro-Hitler del paese - era cresciuto abbastanza grande da riempire il Madison Square Garden di 20.000 sostenitori.

gain de poids karlie kloss

Il sentimento antiebraico negli Stati Uniti, tuttavia, non era limitato ai gruppi pro-Hitler. Fino a quando gli Stati Uniti non entrarono nella seconda guerra mondiale, nel 1941, innumerevoli americani si opposero al coinvolgimento degli Stati Uniti nella guerra - nonostante la copertura mediatica relativamente diffusa del terrore di Hitler - compresi gruppi come l'America First Committee, i cui membri includevano antisemiti e simpatizzanti nazisti. Il fondatore della Ford Motor Company Henry Ford, che negli anni '20 distribuì mezzo milione di copie di documenti antiebraici, era tra i membri del gruppo. Charles Coughlin, un prete cattolico irlandese, usò il suo programma radiofonico nazionale, che raggiunse milioni di persone, per suscitare sentimenti antiebraici. I suoi sostenitori hanno formato un gruppo chiamato Fronte cristiano, che ha creato un 'indice cristiano', di negozi non ebrei da sostenere e i cui membri hanno attaccato ebrei nelle strade di città come New York, secondo lo storico Tony Michels Teen Vogue.

'C'era un numero incredibilmente alto di americani che non erano nazisti ma si sentivano solidali', ha detto Michels, professore dell'Università del Wisconsin-Madison e autore di Radicali Ebrei. Prima della guerra, le forze dell'ordine vedevano principalmente le attività dei nazisti americani come un problema di libertà di parola, ha detto Grover, e quindi inizialmente è improbabile che vengano coinvolte.

Con Hitler che costruisce campi di concentramento in Europa e sostenitori degli Stati Uniti che tengono raduni, migliaia di americani hanno iniziato a reagire. Un gruppo chiamato Lega anti-nazista non settaria ha organizzato un boicottaggio di prodotti tedeschi e imprese filo-naziste, ha affermato Grover. Molti gruppi - dal NAACP all'ala liberale del Partito Democratico - erano antinazisti, dice Michels, e migliaia di ebrei americani hanno partecipato a manifestazioni di protesta contro Hitler in città come Detroit, Cleveland, New York e Chicago, secondo Tavoletta rivista. Fu formato un gruppo chiamato Jewish Labour Committee e raccolto fondi per salvare centinaia di socialisti - ebrei e non ebrei - da tutta Europa e aiutarli a fuggire negli Stati Uniti, spiega Michels.

Ma molti ebrei americani pensavano che fosse necessario fare di più per affrontare i nazisti americani a testa alta. Si sono rivolti alle persone che pensavano sarebbero state pronte a diventare violente - gangster ebrei. Il nativo di Detroit Robert Rockaway, un autore che insegna anche storia all'Università israeliana di Tel Aviv, studia il crimine organizzato ebraico. Lui dice Teen Vogue che - proprio come le loro controparti italiane più famose - i mob ebrei si sono formati dalle comunità locali in tutto il paese. Durante il proibizionismo la maggior parte dei gangster ebrei erano i figli degli immigrati dell'Europa dell'Est che arrivarono negli Stati Uniti tra il 1881 e il 1914, scrisse Rockaway sulla rivista Tablet.

chambre emballée dans un cadeau
Annuncio pubblicitario

A Detroit, un gruppo per lo più ebreo chiamato 'la banda viola' controllava il gioco d'azzardo illegale e contrabbandava liquori durante il proibizionismo, un'epoca, dal 1920 al 1933, quando l'alcool era illegale negli Stati Uniti, Rockaway scrisse in Tavoletta. I gangster ebrei esercitavano un notevole potere nel mondo del crimine, che si estendeva da Filadelfia a Minneapolis e oltre, dice Rockaway Teen Vogue. All'inizio del XX secolo, gruppi come 'la mano nera yiddish' stavano commettendo una serie di crimini, tra cui estorsione e 'dirottamento di camion, avvelenamento di cavalli da corsa e omicidio a noleggio', secondo Myron Sugerman nel suo libro Le cronache dell'ultimo gangster ebreo.

Diversi nomi importanti sono emersi dal proibizionismo, tra cui Meyer Lansky, un gangster ebreo a New York City, e Abner 'Longie' Zwillman, di Newark, nel New Jersey, secondo Sugerman. Durante il proibizionismo, Abner 'Longie' Zwillman gestiva un'attività di liquori illegali incredibilmente redditizia per l'equipaggio di Lansky. Lo stesso anno terminò il proibizionismo, Hitler divenne cancelliere in Germania e decollarono i gruppi nazisti americani. Zwillman e la sua banda non stavano per sedersi e vederlo accadere.

'Durante il proibizionismo, erano il più grande gruppo di bootlegger sulla costa orientale', dice Grover Teen Vogue, riferendosi all'equipaggio di Zwillman. 'Per coincidenza, non avevano più uno scopo perché non c'era più proibizione. Questi gangster, molti dei quali, avevano ora un nuovo scopo: contrastare l'organizzazione nazista '.

Quando un gruppo nazista chiamato Friends of New Germany iniziò a incontrarsi, marciare e molestare i residenti ebrei a Newark, nel New Jersey - una città con una grande popolazione immigrata tedesca e la casa di Zwillman - Zwillman formò un'organizzazione segreta chiamata Minutemen, dice Grover.

Una delle prime reclute: un famoso pugile ebreo di nome Nat Arno, che ha attirato persone nell'impresa criminale di Zwillman, Sugerman ha scritto. Grover stima che fino a 200 persone fossero attive nei Minutemen, rompendo gli incontri nazisti e persino tentando di bombardare l'auto del leader del Bund tedesco tedesco Fritz Kuhn. Ma il nucleo centrale consisteva probabilmente di circa 50 persone, e quasi tutte ebrei della classe operaia, dice.

La maggior parte dei Minutemen - compresi Arno e Zwillman - aveva vent'anni quando il gruppo iniziò, dice Grover, anche se alcuni erano leggermente più vecchi.

I Minutemen operarono dal 1933 alla fine del 1941, quando gli Stati Uniti si unirono alla Seconda Guerra Mondiale e il governo represse i sostenitori di Hitler, espellendo o incarcerando persone come Kuhn. Per quasi un decennio, i Minutemen volarono per lo più sotto il radar, facendo raramente titoli di giornale, Grover ha detto.

I Minutemen 'hanno rotto gli incontri del Bund (tedesco-americano) con pugni, mazze da baseball e bombe puzzolenti, inviando nazisti terrorizzati che scappano nelle strade con le braccia e le costole rotte', Sugerman ha scritto nel suo libro. Nella vicina Manhattan, Lansky compì simili attacchi anti-nazisti che Sugerman scrisse nel suo libro, specialmente nel quartiere di Yorkville ...

'Siamo arrivati ​​la sera e abbiamo trovato diverse centinaia di persone vestite con le loro camicie marroni', ha raccontato Lansky a Rockaway. 'Il palcoscenico era decorato con una svastica e immagini di Hitler. L'altoparlante iniziò a rantolare. Eravamo solo 15 di noi, ma siamo entrati in azione. Li abbiamo attaccati nella hall e ne abbiamo gettati alcuni fuori dalle finestre.

Per molti aspetti, la maggiore area di New York City - incluso Newark - era un campo di battaglia principale. Il Bund tedesco tedesco di Fritz Kuhn organizzò campi estivi nazisti a Long Island e nel New Jersey, marciarono a Newark e attirò 20.000 persone al Madison Square Garden. Dato il potente mondo sotterraneo ebraico della zona, è anche il luogo in cui i nazisti hanno incontrato alcune delle resistenze più rigide e violente.

kendall et façons
Annuncio pubblicitario

Ma i gangster ebrei hanno anche chiuso i nazisti in tutto il paese. Rockaway ha scritto in Tavoletta che aveva intervistato Herb Brin, un ex reporter di crimini a Chicago che era andato sotto copertura in un gruppo nazista locale per la Anti-Defamation League di B'nai B'rith durante il giorno e poi era tornato di notte con bande ebree da battere i nazisti. A Minneapolis, Rockaway ha svelato la storia di David Berman, lo 'zar di gioco d'azzardo' della città che ha armato soci ebrei con tirapugni e mazze per attaccare un gruppo pro-Hitler chiamato Silver Shirts, secondo Rockaway in Tavoletta. Le Camicie d'argento erano attive anche a Los Angeles, ma si imbatterono nel gangster ebreo Mickey Cohen, che ha anche infranto i loro piani, ha detto Rockaway.

'Stava succedendo in molti posti', racconta Rockaway Teen Vogue, aggiungendo che è probabile che azioni simili siano avvenute anche in altre città. Ha persino sentito la storia di un gangster in pensione su gangster ebrei che presumibilmente complottano per uccidere Hitler.

Alcuni cercarono discretamente l'aiuto dei gangster, incluso un giudice ebreo a New York. 'I gangster sono stati avvicinati da rispettabili ebrei che erano terrorizzati da ciò che stava accadendo in Germania sarebbe accaduto in America', dice Rockaway Teen Vogue. Ma le organizzazioni ebraiche e molte persone hanno spesso tenuto le distanze, respingendo gli scontri violenti, hanno detto Grover e Sugerman Teen Vogue.

I gangster ebrei non erano i soli a confrontarsi fisicamente con i fanti americani di Hitler in quel momento. I manifestanti antinazisti hanno organizzato manifestazioni e molti probabilmente hanno approvato i loro sforzi, anche se non hanno partecipato. Ma i gangster ebrei sono stati quelli che hanno costantemente seguito la strada della violenza, fornendo la risposta fisica più organizzata al brivido fascista in America.

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo:

  • Gli Stati Uniti furono una delle tre nazioni a votare contro la risoluzione antinazista
  • Il fascismo, ha spiegato