Amber Heard: i casi di discriminazione sul posto di lavoro di SCOTUS minacciano tutte le persone LGBTQ +

Politica

Amber Heard: i casi di discriminazione sul posto di lavoro di SCOTUS minacciano tutte le persone LGBTQ +

In questo editoriale, l'attrice e l'attivista discutono di ciò che le persone bisessuali, pansessuali e tutti noi abbiamo in gioco davanti al tribunale.

24 ottobre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

All'inizio sapevo che non ero etero. Ma crescendo nella piccola città del Texas, ho anche sentito che, per qualche ragione, chiunque fossi non aveva ragione. Non c'era una sola persona a cui potessi fare riferimento che fosse apertamente queer, quindi non avevo idea di come dare un senso ai miei sentimenti. Come molti bambini, desideravo ardentemente che qualcuno dicesse: 'Ambra, non sei rotto. Sei bella come sei '.

La scorsa settimana, ho provato di nuovo quel dolore quando un punto vendita dopo l'altro ha detto che un trio di casi davanti alla Corte Suprema riguardavano solo persone 'gay e transgender'. La realtà è che le persone bisessuali e pansessuali - che sono il più grande segmento della comunità LGBTQ + - hanno in gioco altrettanto.

Quando avevo 19 anni, alla fine ho trovato un eroe in Alana Flores e altri due adolescenti lesbiche che stavano facendo titoli nazionali a centinaia di miglia di distanza in California. Il trio aveva richiesto l'aiuto dell'ACLU per intentare causa al distretto scolastico per aver permesso che l'omofobia dilagante e la discriminazione non fossero controllate. In un incidente, un gruppo di studenti avrebbe gridato: 'Tutte le dighe dovrebbero morire e tu non dovresti esistere'. Nonostante gli anni duraturi di questo abuso, Flores e le sue amiche si sono rifiutate di scomparire, risultando in una delle prime decisioni giudiziarie che riconoscono i diritti dei giovani LGBTQ +. Il caso ha ispirato la mia prima donazione di beneficenza e il loro coraggio è rimasto con me fino ad oggi.

Quando mi sono trasferito dal Texas a Hollywood, io, come molti attori chiusi, ho sentito la pressione di adottare il mantra 'La mia vita privata è privata'. Tuttavia, con l'aumentare della mia visibilità come attore, aumentò anche il mio crescente senso di responsabilità di vivere apertamente come sono e riconoscere il privilegio di essere bianco, cisgender e 'passabile'. Mi stavo innamorando di una donna nello stesso momento in cui il mio nome stava diventando noto.

Anche a Hollywood, essere fedeli a me stesso ha avuto un costo. Alcuni produttori non pensavano più che fossi adatto per una parte che riguardava l'attrazione maschile. Eppure, poiché ho molte idee sull'essere una donna attraente, altri produttori mi hanno ritenuto inappropriato per altri ruoli.

Ho rapidamente imparato che ognuno ha un'idea di cosa significhi essere una donna - che dovresti amare, come dovresti vestire, le parole che dovresti usare per descriverti. Essere sposati con una donna non ha negato le mie relazioni precedenti o future con gli uomini, quindi quando mi sono rifiutato di usare la parola 'lesbica', ho ricevuto respingimenti da donne che avevano una tale carenza di rappresentanza lesbica che qualsiasi sfumatura nella sessualità o nel genere era disattese.

A volte anche passeggiare per Los Angeles arrivava con molestie verbali. Io e la mia ex moglie abbiamo sputato una volta. Un'altra volta, qualcuno ci ha lanciato una tazza vuota. Per molte persone transgender, in particolare le donne trans nere e marroni, questo tipo di molestie spesso porta alla violenza e alla morte.

Ma la discriminazione non ha confini statali. In uno stato, ci è stato rifiutato un alloggio. In un altro stato, ci è stato chiesto di lasciare un ristorante. Una volta siamo stati persino molestati dalle forze dell'ordine che hanno appreso che condividevamo un cognome.

Questa discriminazione è esattamente il motivo per cui i casi della Corte Suprema di persone LGBTQ + che sono state licenziate a causa di chi sono questioni e perché non possiamo lasciare nessuno nella comunità LGBTQ + fuori da queste conversazioni.

Uno dei casi riguarda Aimee Stephens, un direttore funebre licenziato, in sostanza, per essere una donna transgender. Nel 2018, la Corte d'Appello del Sesto Circuito ha giustamente stabilito che Stephens è stato licenziato illegalmente e quella legge federale protegge i nostri fratelli transgender. Insieme al caso di Stephens, il tribunale sta rivedendo il caso di Gerald Lynn Bostock, un coordinatore del benessere dei bambini il cui datore di lavoro lo ha licenziato dopo aver appreso che era gay. (Il datore di lavoro nega che Bostock sia stato licenziato per questi motivi.) E deciderà se la società che ha assunto Don Zarda, che ha dichiarato di essere stata licenziata dal suo lavoro di istruttore di paracadutismo di Long Island dopo aver rivelato il suo orientamento sessuale, era nei suoi diritti di fare così.

Annuncio pubblicitario

Immagina di essere una persona bisessuale e quando sei assunto, metti una foto della tua ragazza sulla scrivania. La relazione termina, ne inizia una nuova e appare una nuova foto. E se venissi licenziato perché il sesso del tuo partner è cambiato?

Non è tutto. Quell'idea ristretta di cosa significasse essere una donna che mi è stata imposta - e se un datore di lavoro potesse renderlo un requisito per ottenere un lavoro o una promozione? Questo è esattamente ciò che l'amministrazione Trump ha chiesto alla Corte Suprema di consentire.

Come mi hanno mostrato Alana Flores, Aimee Stephens e tante altre persone LGBTQ +, la visibilità è importante.

L'amministrazione Trump chiede che la corte decida contro le tutele legali per la comunità LGBTQ + - la mia comunità. Questo potrebbe togliere le protezioni che Alana Flores ha combattuto così duramente per decenni fa e ripristinare le protezioni legali che sono state così critiche per le persone transgender.

Non si tratta solo di leggi, ma di ciò in cui il nostro Paese crede della nostra umanità di base. I sondaggi e l'arco della storia mostrano che la maggior parte degli americani, indipendentemente dalla loro appartenenza politica, vogliono vivere in un paese in cui le persone possono guadagnarsi da vivere indipendentemente da chi siano.

alina baraz nouvelle musique

Le persone LGBTQ + meritano un governo che ci protegge e invia il messaggio che non siamo rotti. Perché non lo siamo. Siamo belli così come siamo. E abbiamo diritti.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Il dipartimento di giustizia di Trump afferma che va bene se le donne sono costrette a indossare gonne