L'Istituto di formazione ALICE è la società dietro i più spaventosi trapani-sparatutto in America

Politica

L'Istituto di formazione ALICE è stato uno dei primi sostenitori del confronto tra insegnanti e studenti armati. Ci sono poche prove che il suo approccio funzioni.

Di Sylvia Varnham O'Regan

2 gennaio 2020
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
JEWEL SAMAD / AFP tramite Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Questa storia è stata pubblicata da The Trace in collaborazione con HuffPost. È ristampato qui con il permesso.





A gennaio, un gruppo di insegnanti si è inginocchiato contro un muro della Meadowlawn Elementary School in Indiana, mentre la polizia in posa come uomini armati armati ha sparato pallottole di plastica alle loro spalle, provocando lividi rabbiosi e rossi. Aspettando fuori, i colleghi degli insegnanti hanno potuto sentire le urla, ha dichiarato l'associazione degli insegnanti di stato dell'Indiana, prima di essere 'portati nella stanza quattro alla volta e il processo di ripresa è stato ripetuto'.

Dopo l'incidente, un gruppo di insegnanti ha considerato una causa. Lo sceriffo la cui squadra ha condotto l'esercizio ha riferito ai media che i suoi ufficiali avevano smesso di usare pistole softair durante gli allenamenti dopo che uno dei partecipanti si era lamentato. L'allenamento con tiratori attivi come questo è diventato più popolare nell'ultimo decennio - con l'aumentare del numero di sparatorie a scuola, così anche il desiderio di preparare insegnanti e studenti ad affrontare gli intrusi con intenzioni letali.

Dietro molti dei trapani c'è l'ALICE Training Institute, il più grande fornitore privato a scopo di lucro di formazione attiva negli Stati Uniti. ALICE opera attraverso un modello di 'training-the-trainer': chiunque può ottenere la certificazione ALICE dopo due giorni di formazione di persona e test online. Ciò significa che la sua influenza precisa su un trapano specifico può essere difficile da determinare. (ALICE inoltre forma regolarmente la polizia, come quelle coinvolte nell'esercitazione di Meadowlawn, che poi va nelle scuole per supervisionare le esercitazioni.) La società afferma di aver formato personale in oltre 5.500 distretti scolastici K-12 e in 900 istituti di istruzione superiore, con più clienti che si iscrivono ogni giorno. ALICE - acronimo di allerta, blocco, informazione, contrasto ed evacuazione - promuove l'idea che una risposta 'proattiva' a una sparatoria ti permetterà di salvare la vita. La compagnia insiste sul fatto che semplicemente bloccare un'aula e aspettare aiuto - una risposta 'passiva' - aumenterà le possibilità di morire.

Ma si sa poco sull'efficacia dei metodi promulgati da ALICE e dai suoi concorrenti affini. Con il boom del settore della sicurezza scolastica, ALICE ha influenzato una redditizia industria dei cottage di singoli formatori e piccole aziende private che ora lavorano con le scuole. La crescente popolarità dei modelli di formazione 'proattiva' ha polarizzato gli esperti di sicurezza nelle scuole, molti dei quali sostengono che il metodo 'counter' di ALICE e gli scenari che includono finte sparatorie, vanno troppo lontano.

Le esercitazioni possono anche essere traumatiche per i bambini coinvolti e le scuole che considerano le opzioni di formazione hanno il difficile compito di soppesare la necessità di protezione dagli intrusi contro il rischio di fare ulteriori danni. 'Non ci sono prove che il blocco dei trapani con i bambini che imparano a barricare o difendersi aumenti la sicurezza', ha affermato Nancy Rappaport, professore associato di psichiatria presso la Harvard Medical School. E le esercitazioni 'possono avere conseguenze non intenzionali nel creare terrore per gli studenti'.


Oggi, la più ampia industria della sicurezza scolastica offre di tutto, dalle lavagne antiproiettile ai software di riconoscimento facciale agli zaini trasparenti. Per un valore di circa 2,7 miliardi di dollari, l'industria risale in gran parte a un singolo, tragico evento: le riprese di Columbine High School nel 1999. Dopo ogni ripresa scolastica successiva, in particolare Sandy Hook nel 2012 e Parkland nel 2018, la domanda di formazione attiva per tiratori è cresciuta, e le esercitazioni di blocco sono diventate più comuni.

L'anno scorso ci sono stati 116 episodi di violenza armata nelle scuole americane - rispetto ai 54 dell'anno precedente, secondo i dati raccolti dalla US Naval Postgraduate School. Parte della risposta a queste tragedie è stata una svolta culturale nella responsabilità, ha affermato Zachary Levinsky, un accademico canadese che ha studiato esercitazioni. Dopo Columbine, le scuole e le forze dell'ordine sono state improvvisamente tenute a pianificare gli scenari peggiori, creando la necessità di gestire il rischio e la colpa. 'Dimostrare che stavi cercando di mitigare il disastro è stata la spinta che penso per questi esercizi di blocco, e in qualche modo ha permesso a entità come ALICE di spuntare', ha detto Levinsky.

Annuncio pubblicitario

E almeno 42 stati hanno ora leggi che richiedono esercitazioni di emergenza nelle scuole. Otto di essi specificano che devono essere 'esercitazioni di tiratori attivi'. Le scuole raramente sono attrezzate per svolgere questo tipo di formazione da sole, quindi guardano le forze dell'ordine e le società private come ALICE per le risposte.

La formazione è un grande business nel mercato a scopo di lucro e le opzioni di ALICE possono essere costose. Un contratto del 2018 per il distretto scolastico Alisal Union in California ha mostrato un costo totale di $ 32.100 in tre anni per servizi che includono la formazione ALICE online per tutti i dipendenti e un 'programma di formazione del trainer' di due giorni per i funzionari distrettuali. Diventare un istruttore ALICE certificato, nel frattempo, costa tra $ 600 e $ 700.

politique de Donald Trump sur les étudiants internationaux

Il termine ufficiale per questo tipo di allenamento è 'basato sulle opzioni', in riferimento ai molti modi per rispondere a una sparatoria, invece di bloccare rigorosamente un'area. Negli scenari peggiori, ALICE consiglia agli studenti e agli insegnanti di considerare la possibilità di 'contrastare' o affrontare un intruso. ALICE incoraggia anche gli studenti a lanciare oggetti contro gli intrusi per interromperli e distrarli. 'Alcuni (insegnanti) dicono agli studenti di usare i loro libri, raccoglitori, cucitrici', ha affermato Corey Mosher, preside della Athens Area High School in Pennsylvania, il cui distretto ha adottato ALICE quest'anno. 'Altri hanno portato oggetti come palline da golf'.

Poiché la società offre formazione e esercitazioni sia direttamente, agli studenti e al personale, sia indirettamente, formando insegnanti e polizia per diventare istruttori certificati, possono esserci incongruenze nel modo in cui il programma viene insegnato. '(Forniamo agli istruttori certificati ALICE le linee guida e le migliori pratiche per l'implementazione della formazione locale', ha affermato la società in una dichiarazione dopo l'esercitazione di Meadowlawn. 'Le nostre risorse per gli istruttori danno priorità alla sicurezza'.) Il modello ha permesso ad ALICE di diffondersi in tutto il paese e diventare un punto di riferimento per molti esercizi scolastici, contribuendo a modellare il modo in cui una generazione di studenti ed educatori pensa alle minacce di tiro.

All'interno di alcune scuole che usano ALICE, c'è un enorme supporto. Mosher ha affermato di 'essersi innamorato' del programma perché 'ti autorizza come persona a prendere decisioni'. Per gli studenti più giovani del suo distretto, c'è un libro di ALICE intitolato 'I'm Not Scared, I'm Prepared'. La tecnica del 'contatore' viene insegnata solo agli studenti più grandi.


Nel 1999, più di sei mesi dopo le riprese di Columbine, il fondatore di ALICE Greg Crane lavorava come ufficiale di polizia a North Richland Hills, in Texas. Nel suo dipartimento era venuto in mente che una donna del posto, la vera scrittrice di crimini Barbara Davis e suo figlio di 25 anni, Troy, stavano immagazzinando marijuana e armi all'interno della loro casa. La mattina del 15 dicembre, dopo aver ottenuto un mandato di perquisizione 'no-knock', Crane si unì a una squadra SWAT per un raid che avrebbe cambiato il corso della sua carriera.

Il gruppo scese sulla piccola casa di Davis in un quartiere tranquillo e ben curato, e si aprì la porta. In pochi secondi, l'agente Allen Hill, che guidava il gruppo, sparò due colpi, colpendo Troy Davis, che fu dichiarato morto in ospedale. Secondo Hill, l'uomo gli aveva puntato una pistola carica da 9mm quando erano arrivati. Barbara Davis - che dormiva in un'altra stanza - affermava che suo figlio era disarmato, con indosso i suoi pantaloni del pigiama. 'Stava proteggendo la sua casa e sua madre da un assalto', mi disse. 'Non sapevamo cosa stesse succedendo'.

La ricaduta fu rapida: Barbara Davis intentò una causa civile contro Crane e gli altri ufficiali coinvolti, sostenendo che Hill era un ufficiale instabile con una storia di uso eccessivo della forza. Ha affermato che Crane aveva fallito come supervisore SWAT, preparando inadeguatamente la squadra per un'operazione ad alto rischio. 'Se (Crane) avesse seguito i suoi consigli, le sue politiche e le sue procedure, il figlio di Barbara Davis non sarebbe stato fucilato e ucciso', si legge nella denuncia. Crane ha respinto l'account, mostra una copia del rapporto interno del dipartimento, sostenendo che il suo team ha agito 'nel modo professionale in cui sono stati formati'. Alla gru è stata infine concessa l'immunità qualificata, lasciando Hill ad affrontare una richiesta di forza eccessiva. Il caso è stato risolto in via stragiudiziale. Hill afferma di non essere mai stato consultato sull'insediamento e di averlo appreso alla radio. 'Non ho incubi, né rimpianti di aver sparato al ragazzo che ha cercato di spararci', mi ha detto.

Annuncio pubblicitario

Sebbene non sia stato incriminato da una grande giuria nel 2000, Hill afferma che il dipartimento gli ha voltato le spalle e la sua reputazione è stata distrutta. La pubblicità attorno al raid era stata inesorabile e la causa di Davis ha rivelato che Hill era stato disciplinato per aver esposto il suo pene ai colleghi sul lavoro, un'abitudine che gli è valso il soprannome di 'penie'. (L'umorismo volgare era un modo per far fronte al trauma del lavoro della polizia, mi disse.) Hill si dimise dalle forze di polizia non molto tempo dopo il raid, ma trovò difficile raccogliere lavoro: disse che era stato rifiutato per lavoro come un paramedico, un pompiere e un bidone della spazzatura. Ha iniziato a visitare i poligoni di tiro dove avrebbe persuaso le persone a pagargli qualche dollaro per avere aiuto con la loro tecnica di tiro. Sentì una forte vocazione verso chiese e moschee, che credeva fossero bersagli. Disse ai leader religiosi che poteva aiutarli a prepararsi per un attacco. Preoccupato, tutti tranne uno lo allontanarono.

Diversi anni dopo il raid, anche Greg Crane si è dimesso, citando motivi personali nel suo modulo di dimissioni. La stella-telegramma di Fort Worth riferito che ha detto che non c'era 'niente di onorevole' nel rimanere. In quel periodo, disse Hill, i due uomini trascorsero la vigilia di Natale insieme alle loro mogli, Lisa e Linda. Durante la cena, le coppie hanno discusso di quello che è successo a Columbine e Hill ha raccontato a Crane del suo nuovo piano aziendale: insegnare alle persone come rispondere alle situazioni di tiratori attivi.

Secondo Hill, la coppia ha deciso che Crane sarebbe stato il volto pubblico dell'azienda, chiamato 'Opzioni di risposta', mentre Hill sarebbe rimasta in secondo piano, a causa della pubblicità negativa che aveva ricevuto. Insieme, avrebbero presentato nuove idee su come rispondere alle sparatorie, confutando il modello di solo blocco che era standard all'epoca. 'Ho visto un vuoto, basato sull'esperienza, che offriva un grosso bersaglio grasso ai cattivi e (I) ho pensato a modi per migliorare ciò che era già in atto', ha detto Hill. Secondo il loro modello, insegnanti e studenti potevano bloccare le aule, certo - ma potevano anche scappare o lanciare oggetti contro gli intrusi per stordirli e distrarli. Potrebbero persino reagire sciamando o affrontando gli aggressori. 'Abbiamo ricevuto un sacco di contraccolpi e resistenza', ha detto Hill. 'Criticato apertamente nei media. È allora che abbiamo capito che una cattiva pubblicità è meglio di nessuna pubblicità '.

Nel 2005, Response Options ha vinto un contratto con il Burleson Independent School District in Texas per fornire formazione ad alcuni studenti e personale del distretto, rendendo il distretto il primo ad adottare quello che sarebbe diventato l'approccio ALICE.

Non passò molto tempo prima che i metodi dell'azienda iniziassero a sollevare preoccupazioni. Nel 2006, un video realizzato dalla società, che stava ancora facendo affari come Response Options, è stato trasmesso dalla televisione locale. Mostrava i bambini che lanciavano oggetti contro un attore in posa come un intruso armato e poi lo attaccavano. I genitori hanno contattato la scuola, allarmati per quello che hanno visto.

entre les montres numériques

Il distretto ha inviato una lettera a casa alle sue 8.500 famiglie: 'Dobbiamo sottolineare che il distretto scolastico indipendente di Burleson non sostiene, né sosterremo l'insegnamento ai nostri studenti di attaccare un intruso', si legge nella lettera. È stato firmato da 10 degli 11 presidi scolastici del distretto. L'unica che non firmò fu la moglie di Crane, Lisa, poi la testa della Norwood Elementary.

Verso la fine degli anni 2000, Hill lasciò la Response Options dopo un litigio con Crane, che rinominò l'azienda ALICE Training Institute. Non c'è traccia di Hill nei suoi materiali di marketing.

Hill, che ha affermato di aver contribuito a sviluppare la metodologia ALICE, conduce ancora l'allenamento attraverso il suo gruppo, RAIDER Training Group, che diffonde un messaggio simile sull'approccio 'potenziato'. 'Sono motivato ed entusiasta di insegnare questo programma perché significa che hai un'opzione per sopravvivere invece di conformarti e morire', ha detto.

Annuncio pubblicitario

Crane ha rifiutato di essere intervistato per questa storia, ma un rappresentante di ALICE ha dichiarato in una risposta via e-mail che la società 'è rimasta in contatto con Allen per molti anni'.

'Da allora, molte cose sono cambiate', ha aggiunto un'altra in un'e-mail separata, 'e il programma continua a evolversi ogni anno'.

A novembre, una società di private equity denominata Riverside Company ha effettuato un 'investimento significativo' in ALICE (i rappresentanti di entrambe le società hanno rifiutato di rispondere alle domande sull'eventuale vendita di ALICE), ed è stato annunciato un nuovo gruppo dirigente, incluso il CEO Jean-Paul Guilbault, un ex dirigente tecnico. La società ha inoltre acquisito NaviGate Prepared, che fornisce software di valutazione delle minacce alle scuole e SafePlans, una società di sicurezza scolastica con contratti in tutto il paese, ampliando ulteriormente la portata di ALICE nel sistema educativo.

Il blocco tradizionale rimane il modo dominante per affrontare le minacce di sparatorie nelle scuole americane, ma nell'ultimo decennio la popolarità della formazione basata sulle opzioni è cresciuta rapidamente. Il governo federale approva un approccio chiamato 'Corri, nascondi, combatti', che è stato sviluppato dall'Ufficio del Sindaco della Sicurezza pubblica e della sicurezza nazionale del Comune di Houston nel 2011 come risorsa gratuita e da allora è stato adottato dall'FBI. L'istruzione sembra relativamente chiara: corri, nascondi o combatti. È certamente orecchiabile e facile da ricordare. Ma i critici dicono che la semplicità è ingannevole. Corri dove? Nascondi dove? Combatti come?

Kenneth Trump, un critico frequente della formazione basata sulle opzioni che gestisce la propria compagnia di sicurezza privata a Cleveland, afferma che Run, Hide, Fight non è mai stato usato nelle scuole ed è diventato più mainstream di quanto inizialmente previsto. 'Era orientato verso le imprese', mi disse. 'Si è espanso ovunque e ovunque perché le persone stavano cercando qualcosa da afferrare e quell'idea è diventata popolare'. Quando ho presentato questo reclamo a Jackie Miller, parte del team di Houston che ha originariamente creato il programma, ha affermato che era 'strettamente preso in considerazione dal pubblico'. Quando hanno pubblicato un video promozionale su YouTube nel 2012, 'è diventato virale molto rapidamente e abbiamo iniziato a essere contattati da diverse organizzazioni, scuole comprese, per adottarlo e utilizzarlo'. Ha aggiunto che 'Nel corso degli anni abbiamo parlato con le scuole del fatto che è per gli insegnanti, per il personale amministrativo e non necessariamente lo strumento per formare i bambini'. Nonostante ciò, l'idea di combattere è diventata normalizzata, anche per i bambini in età scolare.

Una guida del 2013 allo sviluppo di piani operativi per le emergenze scolastiche, prodotta dal Dipartimento della Pubblica Istruzione, dal Dipartimento della sicurezza nazionale e da altre agenzie federali, presenta il modello Run, Hide, Fight come possibile supplemento ad altri protocolli, come i blocchi. Un rappresentante mi ha detto che la raccomandazione 'è stata estesa solo agli adulti e solo come ultima risorsa'.


Questo aprile, un uomo armato è entrato in un'aula dell'Università della Carolina del Nord a Charlotte e ha iniziato a sparare contro gli studenti. È stato inviato un messaggio in tutto il campus. Scatti segnalati vicino a Kennedy. Corri, nascondi, combatti. Assicurati immediatamente. Riley Howell, uno studente di 21 anni, ha accusato l'uomo armato, che gli ha sparato due volte. Quando Howell era a pochi centimetri da lui, l'uomo sparò un terzo colpo e il proiettile viaggiò nel cervello di Howell. È morto per le sue ferite. Sebbene l'università abbia offerto formazione ALICE nel campus, non ci sono prove che Howell abbia partecipato. Sulla scia della sua morte, l'università ha dichiarato che aumenterà le sessioni di allenamento di ALICE.

Poco più di una settimana dopo, sono scoppiate le riprese alla STEM School Highlands Ranch in Colorado. Kendrick Castillo, 18 anni, si lanciò contro l'uomo armato con altri due studenti al suo fianco. Castillo è stato ucciso, solo due settimane prima della sua laurea. Brendan Bialy, uno degli altri studenti che hanno accusato l'uomo armato, ha detto ai giornalisti: 'Mi rifiuto di essere una vittima. Kendrick ha rifiutato di essere una vittima '. (Gli studenti della scuola non sono stati formati ad ALICE.)

Annuncio pubblicitario

Gli studenti dovrebbero essere eroi? I critici dell'addestramento basato sulle opzioni possono accettare che se una persona non ha scelta, dovrebbe fare il possibile per salvarsi. Ma contestano l'idea di promuovere e rendere affascinante questo approccio. Dicono che la pubblicità che circonda questi casi, unita alla messaggistica promulgata dalle società di formazione, rischia di creare nella mente degli studenti l'impressione che debbano essere i protettori, piuttosto che quelli che sono protetti.

'Non credo che dovremmo parlare così tanto di atti eroici, perché potrebbe spingere i bambini a fare tali atti e perdere la vita', ha dichiarato Frank Farley, professore di studi psicologici nell'educazione alla Temple University che studia eroismo.

Anche gli insegnanti hanno fatto notizia per fermare le sparatorie. Nel 2018, l'insegnante di 29 anni Jason Seaman ha affrontato un uomo armato a terra mentre i suoi studenti si nascondevano sul retro dell'aula. In seguito ha detto al Stella di Indianapolis che sentiva che la formazione di ALICE fornita nella sua scuola lo aveva preparato ad agire. Questo maggio, Keanon Lowe, il capo allenatore di football della Parkrose High School di Portland, Oregon, è riuscito a convincere uno studente a lasciar andare un fucile che aveva portato in una classe. Il filmato dell'incidente mostra Lowe che abbraccia il ragazzo e parla con lui dopo aver passato in sicurezza la pistola a un altro insegnante. 'Penso che avesse bisogno di un abbraccio più di quanto avesse bisogno di essere affrontato a terra', ha detto a ESPN.

Tom Czyz, un ex detective dello sceriffo della contea di Onondaga e un operatore SWAT che ha fondato la società di sicurezza della scuola Armored One nel 2012, ha dichiarato di ritenere comprensibili i casi di bambini e giovani che combattono contro gli intrusi, dato che la loro generazione è cresciuta con paura costante delle sparatorie.

'Anche quando non sono allenati, istintivamente ne hanno avuto abbastanza e stanno combattendo', Czyz mi ha detto 'La lotta fisica è il loro modo di combattere contro ciò che sta accadendo, e purtroppo siamo arrivati ​​a questo come una società'.

Czyz ha affermato di essere preoccupato per il fatto che la crescita accelerata del mercato privato per la formazione attiva dei tiratori ha causato problemi con il controllo di qualità. 'Quando abbiamo fondato questa società, non c'era quasi nessuno che facesse quello che stiamo facendo, e ora sembra che ogni giorno ci siano cinque nuove aziende che aprono attività e dichiarano di essere esperti e affermano di avere soluzioni', ha affermato. 'Molti di loro hanno soldi'.

Non ci sono standard nazionali o requisiti specifici di licenza che stabiliscono chi può o non può avviare una società di addestramento di tiratori attivi, ha detto, il che è parte del problema. 'Le persone affermano di essere esperti in materia perché si sentono o hanno scritto un libro', ha affermato.

Czyz ha affermato di essere così convinto che gli insegnanti siano quelli che devono essere preparati a non addestrare i bambini nelle esercitazioni di tiratori attivi, ma solo nelle misure preventive e nella consapevolezza della situazione. Non vuole rischiare di addestrare un potenziale tiratore ed è stato spaventato dalle notizie secondo cui il tiratore di Parkland potrebbe aver usato la sua conoscenza della procedura di esercitazione della scuola per guidare il suo attacco. (Secondo quanto riferito, l'uomo armato ha fatto scattare l'allarme antincendio prima della sua furia, il che potrebbe aver complicato il blocco della scuola.)

Czyz è anche contrario alla messa in scena di sessioni di allenamento realistiche o spaventose o esercitazioni. 'Quando eseguiamo esercitazioni antincendio, hai mai visto una scuola illuminare una stanza in fiamme e spaventare la merda delle persone per farle reagire meglio'? Egli ha detto. 'Non succede'.

Anche nelle comunità scolastiche che affrontano la tragedia, c'è confusione riguardo al giusto approccio. A ottobre, una commissione della Florida che indagava sulle riprese di Parkland raccomandava alle scuole di ridurre le esercitazioni di tiratori attivi, nonostante una nuova legge della Florida le imponesse una volta al mese. 'Da quel momento, alcuni studenti, educatori e genitori hanno espresso preoccupazione per il fatto che le esercitazioni sono troppo frequenti e potenzialmente traumatizzanti per alcuni studenti, in particolare gli studenti delle scuole elementari', ha affermato una bozza del rapporto della commissione.

Annuncio pubblicitario

Nel 2014, un impiegato di lunga data presso il dipartimento di sicurezza nazionale dell'Iowa, David Johnston, ha inviato un'e-mail ai membri dell'Iowa School Safety Alliance, un gruppo istituito per contribuire a migliorare la sicurezza delle scuole nello stato. Alcuni dei suoi membri si erano sentiti a disagio per l'uso di ALICE nelle scuole. 'Ci sono sostenitori molto forti per entrambe le parti dell'argomento ALICE', ha scritto in una copia dell'email ottenuta da The Trace attraverso una richiesta di libertà di informazione. 'Alcune persone pensano che sia il miglior allenamento di sempre. Altri pensano che uccideranno più bambini. Come al solito, la verità è probabilmente da qualche parte nel mezzo '.

Un membro del gruppo, Jerry Loghry, era particolarmente preoccupato. Un dirigente della EMC Insurance, che copriva la maggior parte delle scuole della zona, aveva assistito a un forte aumento delle richieste di risarcimento per le spese mediche dovute a lesioni da trapano. A settembre, EMC aveva pagato oltre un quarto di milione di dollari per le perdite relative alle esercitazioni condotte da un assortimento di società. (Le perdite includevano le bollette del pronto soccorso per gli insegnanti e il personale che erano rimasti feriti durante le esercitazioni.) Oggi, mi ha detto, questa cifra è 'significativamente più alta'.

Tali lesioni hanno portato a molteplici cause. Nel 2014, un insegnante di scuola media a Boardman, nell'Ohio, ha intentato causa contro la polizia, il suo distretto scolastico e una società di addestramento privata, sostenendo di aver subito 'infortuni che alterano la vita', tra cui un'anca e un collo fratturati, durante un'esercitazione sparatutto attiva . Il caso è stato risolto in via stragiudiziale.

Oltre al danno fisico, le cause parlano anche di presunti danni psicologici che possono essere causati da esercitazioni. Nel 2015, Linda McClean, un'insegnante di scuola elementare dell'Oregon, ha citato in giudizio il Pine Eagle School District, i funzionari scolastici e una società di sicurezza privata collegata a un membro del consiglio, sostenendo che un trapano sparatutto attivo senza preavviso le aveva fatto sviluppare un DPTS così grave da poter non entrare mai più in una classe. (Non ci sono indicazioni che la compagnia di sicurezza privata abbia condotto l'esercitazione.)

Secondo i documenti del tribunale, nel pomeriggio del 26 aprile 2013 - circa quattro mesi dopo le riprese di Sandy Hook - McLean stava leggendo e-mail alla sua scrivania quando sentì un forte botto. Girandosi per identificare la fonte del rumore, vide un uomo mascherato irrompere nella sua classe indossando pantaloni neri, una felpa con cappuccio nera e occhiali. L'uomo puntò una pistola contro McLean, che non sapeva che fosse un trapano e pensò che sarebbe morta. Premette il grilletto e scoppiò un forte botto, il fumo esplodeva dalla pistola. 'Sei morto', disse, correndo fuori dalla stanza. McLean e diversi altri insegnanti, che erano stati in precedenza a una presentazione su Run, Hide, Fight, si precipitarono verso l'uscita. 'Due di loro si sono scontrati e uno è caduto', affermano i documenti del tribunale. Un'altra insegnante si è bagnata. Raggiunto telefonicamente, l'avvocato di McLean ha dichiarato che il caso è stato risolto per un importo non divulgato, con un accordo di riservatezza allegato. McLean non è mai tornato a insegnare.

Michael Dorn, direttore esecutivo di Safe Havens International, una società di sicurezza scolastica senza scopo di lucro, prevede che, man mano che verranno avviate ulteriori azioni legali, l'industria sarà costretta a cambiare. Ma questi casi possono essere disordinati. Poiché così tante parti sono spesso coinvolte in esercitazioni - comprese le forze dell'ordine locali, le società di formazione private, i distretti scolastici e il personale - ci sono spesso molte rivendicazioni legali separate.

Per ridurre al minimo i problemi di responsabilità e potenziali danni, molte esercitazioni sono ora opzionali e ai partecipanti viene spesso chiesto di firmare le deroghe riconoscendo i rischi connessi. Una copia di una rinuncia di ALICE dal 2018 elenca le lesioni minori come graffi, contusioni e distorsioni; lesioni gravi come lesioni agli occhi, perdita della vista, lesioni alla schiena o alle articolazioni, attacchi di cuore e commozioni cerebrali 'e, infine,' lesioni catastrofiche tra cui paralisi e morte '.

ezra miller urban decay
Annuncio pubblicitario

La società continua a difendere i suoi metodi, sostenendo che la sua formazione è in linea con le linee guida del Dipartimento della sicurezza nazionale ed è stata utilizzata in 17 incidenti documentati senza incidenti mortali. I rappresentanti delle società sostengono inoltre che un nuovo studio pubblicato nel National Journal of School Violence conferma che i suoi metodi funzionano. Lo studio, che ha confrontato le esercitazioni di blocco più lievi con l'addestramento basato su opzioni, ha simulato sparatorie sia in aule che in aree aperte, tenendo conto del numero di persone che sono state 'colpite' e del tempo impiegato per la fine degli incidenti. Il metodo ALICE è stato 'trovato per finire più rapidamente e ha aumentato significativamente la sopravvivenza delle persone in incidenti di tiratori attivi'. Un post sul sito web di ALICE ha dichiarato: 'Questa ricerca ha confermato ciò che sappiamo da anni'.

Tuttavia, entrambi i principali ricercatori sul documento sono stati istruttori certificati ALICE e le simulazioni sono state condotte da un dipendente ALICE. L'autrice principale dello studio, la dott.ssa Cheryl Lero Jonson, mi ha detto che si è allenata in molti altri metodi, tra cui i protocolli di blocco tradizionali e Run, Hide, Fight. Tuttavia, ha riconosciuto, erano necessarie ulteriori ricerche.

Michael Dorn di Safe Havens International ha affermato che le sue preoccupazioni per il mercato privato sono andate oltre ALICE. 'Ci sono molte discussioni in questo campo e stiamo vedendo un grande interesse per i programmi migliori di quelli offerti attualmente - nessuno dei quali è stato validato con test adeguati usando gli scenari come dovrebbero essere', ha detto.

In effetti, non ci sono abbastanza dati scientifici per dimostrare definitivamente che ogni modello di risposta è più efficace nel salvare vite umane. Ciò è in parte dovuto alla difficoltà etica e pratica nello studio delle risposte al tiro - e perché gran parte di ciò che sappiamo è semplicemente aneddotico.

'Dal punto di vista della ricerca, l'attenzione attuale è sempre più rivolta agli effetti del trauma associato a questi tipi di trapani', ha affermato Trump. 'La regola generale è' non nuocere 'e vengono sollevate domande legittime sull'addestramento basato sulle opzioni che va oltre le migliori pratiche accettate di blocchi negli ultimi due decenni'.

'Laddove tutte queste società a scopo di lucro hanno svolto un disservizio, e francamente dove i distretti scolastici si sono procurati un disservizio, non sta scegliendo le opzioni che dispongono di dati per supportarle, e quando tali dati non sono presenti, trovando tali dati o facendo succede ', ha detto Jaclyn Schildkraut, professore associato di giustizia penale presso la State University di New York a Oswego, che è nel mezzo di un grande progetto di ricerca che esamina le esercitazioni di blocco in un distretto scolastico nella parte settentrionale dello stato di New York.

La scarsità di prove non ha impedito alle scuole e ai governi di investire sempre più denaro nella formazione attiva degli sparatutto. L'anno scorso, il governo ha annunciato ulteriori 70 milioni di dollari in finanziamenti per la sicurezza e la formazione scolastica. Quest'anno, quando le proteste del pubblico per le sparatorie di massa hanno raggiunto un nuovo tono, il Congresso non è riuscito a mettere in atto alcuna seria riforma delle armi. Ma a ottobre, i repubblicani del Senato hanno introdotto una legislazione che aumenterebbe l'accesso ai fondi di formazione per tiratori attivi da parte del Dipartimento di giustizia e del Dipartimento di sicurezza nazionale da parte delle forze dell'ordine e dei primi soccorritori.

I genitori di bambini in età scolare, nel frattempo, rimangono alloggiati nel mezzo. La loro attenzione è focalizzata sulla domanda che sta alla base del settore dei tiratori attivi, a cui tutti e nessuno sembrano in grado di rispondere: cosa possiamo fare per proteggere i nostri figli?

Segnalazione aggiuntiva di Champe Barton.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Studenti e insegnanti scrivono testamenti nel caso in cui vengano uccisi in una sparatoria a scuola