Dopo che una minaccia razzista ha chiuso le loro scuole, gli studenti di Charlottesville come Zyahna Bryant sono usciti per affrontare tutte le forme di razzismo

Politica

'Abbiamo ritenuto che fosse importante utilizzare questo tempo per spostare sostanzialmente lo slancio'.

Di Lucy Diavolo

26 marzo 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Zyahna Bryant parla alla sciopero di lunedì
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Gli studenti della Charlottesville High School hanno perso due giorni di lezione la scorsa settimana a causa di una minaccia razzista di violenza. Le chiusure delle scuole il 21 e 22 marzo avrebbero potuto essere la fine della storia, ma Zyahna Bryant, esperto del CHS, sapeva che c'era molto altro da fare per affrontare il razzismo che semplicemente chiudere le scuole.





Zyahna, presidente e fondatrice della Black Student Union (BSU) della sua scuola, decise che avrebbe preso provvedimenti: aiutò a organizzare un sciopero lunedì 25 marzo per chiedere alla scuola la giustizia razziale.

In un'intervista con Teen Vogue, Zyahna dice che era fuori città quando scoppiò la notizia del primo giorno di chiusura della sua scuola. Stava viaggiando alla Wake Forest University di Winston-Salem, nella Carolina del Nord, per tenere un discorso sul suo già attivista attivista: è la ragazza che, a 15 anni, ha condotto una campagna di petizioni di successo nel 2016 per avere una statua di Robert E Lee ha rimosso, una mossa che i nazionalisti bianchi hanno usato per giustificare il loro micidiale raduno Unite the Right nel 2017.

'Ero seduto nel mio hotel e mi sentivo come se dovessi stare di fronte a una folla domani e affrontare tutte le grandi cose che abbiamo fatto a Charlottesville dopo il 12 agosto', dice. 'Dovrei parlare di come stiamo affrontando la supremazia bianca e di come stiamo davvero facendo i conti con il nostro passato'.

https://twitter.com/zdroberts/status/1110346949083963392

'Volevo parlare dei progressi a causa di spesso quando pensiamo alla supremazia bianca, dimentichiamo fino a che punto siamo veramente arrivati ​​come comunità e soprattutto come organizzatori', continua. 'L'organizzazione per la giustizia razziale a volte può sembrare molto cupa'.

Quella tristezza incombeva su di lei mentre cercava di prepararsi per il suo discorso, costringendola a riesaminare se un pubblico avrebbe creduto al messaggio di speranza di uno studente nero la cui scuola era stata chiusa a causa di una minaccia di violenza razzista.

'C'è questa grande illusione di progressi che penso abbia Charlottesville e che molti distretti scolastici e molte istituzioni in tutto il paese hanno', dice Teen Vogue. 'Vogliamo spesso pensare ai nostri progressi come a qualcosa di cronologico o in linea, ma a volte non lo è. Sembra che ci stiamo ancora muovendo in cerchio '.

I manifestanti si sono radunati all'uscita di scuola di lunedì.

Immagini Loc
Annuncio pubblicitario

Questa meditazione sui progressi si stava svolgendo mentre stava anche considerando come la sua scuola sia stata colpita dalla violenza più in generale in passato; dice di aver fatto i suoi test PSAT in una situazione di blocco a causa di una minaccia nell'ottobre 2017.

'Questa non è la prima volta che abbiamo avuto una minaccia, e poi combina che con questa non è la prima volta che abbiamo avuto un razzismo esplicito o preso di mira nella nostra scuola o all'interno delle nostre scuole', afferma.

Dice anche che la dolorosa storia della città con la supremazia bianca, tra cui il raduno Unite the Right del 12 agosto 2017 e una storia di segregazione, significa che non ci dovrebbe essere stato alcun shock sulla minaccia che ha chiuso le sue scuole.

'Questa è Charlottesville, vero? Quindi il 12 agosto è successo qui, e ci rendiamo conto che la supremazia bianca è profondamente radicata in questa città ', dice. 'Sicuramente non siamo rimasti molto sorpresi. E penso che sia una persona di colore in America in questo momento, non tanto per quanto ti sorprenda le minacce razziali '. La sua famiglia ha la sua storia con questo a Charlottesville; dice che due dei suoi prozii facevano parte del 'Charlottesville 12', il primo gruppo di studenti neri che frequentava le scuole di Charlottesville desegregate 60 anni fa, nel 1959.

Quando la notizia è arrivata, è scoppiata una chat di gruppo di compagni di studenti in cui Zyahna si stava avvicinando. Decise che era tempo di agire. Accanto ad altri leader della BSU come Althea Laughon-Worrell (18), LaAsia Thomas (18), Tamya Bruce (18), Trinity Hughes (17) e Tyejah Hawkins (17), Zhayna ha organizzato un abbandono scolastico lunedì a cui si è aggiunta anche l'Unione studentesca Latinx della scuola.

https://twitter.com/ZyahnaB/status/1110259714464669697

Secondo quello che ha detto Zyahna Il Washington Post, centinaia si sono riuniti nel McIntire Park di Charlottesville, un parco storicamente per soli bianchi, a mezzogiorno di lunedì. Ma il messaggio della protesta non era solo che i tipi di minacce fatte contro gli studenti di colore della CHS erano inaccettabili; Zyahna e la BSU hanno deciso di voler cogliere l'occasione per evidenziare il proprio elenco di richieste per un sistema educativo più razzialmente giusto all'interno delle scuole pubbliche di Charlottesville.

Un elenco di 10 richieste includeva la scuola che denunciava e invocava il razzismo, così come la riforma della disciplina, l'applicazione di pratiche di salute mentale 'culturalmente rilevanti e consapevoli della razza', e la propensione razziale e la formazione alla sensibilità culturale per gli uffici delle risorse delle scuole. Le richieste relative ai cambiamenti nel curriculum della scuola includono la modifica di una classe di storia afroamericana per non essere più un elettivo, l'assunzione di più insegnanti neri per le classi avanzate, il test di ogni studente per il programma dotato della scuola, chiamato Quest, e l'espansione delle risorse per l'avanzamento tramite la determinazione individuale , un programma di preparazione al college per studenti universitari di prima generazione. Inoltre, la BSU ha richiesto 'uno standard elevato per la programmazione associata alla Black History' e un 'sistema di porte / cicalini bloccati' per la sicurezza della scuola.

Annuncio pubblicitario

Il portavoce delle scuole Krissy Vick ha detto Il Washington Post che diverse questioni incluse tra le richieste sono state precedentemente sollevate dal gruppo e dai membri della comunità e 'attualmente vengono affrontate'. Ha aggiunto: 'Le loro idee sono in sintonia con i nostri sforzi attuali e attuali'.

https://twitter.com/ZyahnaB/status/1110303297980825600

Jennifer McKeever, presidente del consiglio scolastico di Charlottesville, ha detto al Inviare Lunedì che il consiglio 'denuncia assolutamente il razzismo'. Ha detto che si sono tenute sessioni progettate per dare ai locali la possibilità di affrontare come 'promuovere l'equità'. È attualmente in atto un programma chiamato Equity; il sito web del distretto afferma che sta cercando candidati per ricoprire una posizione di leadership del personale per questo anno scolastico.

'È chiaro che i problemi sollevati dai rally sono locali: una storia travagliata, continue ineguaglianze e incapacità di vedere completamente le linee di faglia della nostra comunità', ha detto McKeever al Inviare. 'Le nostre scuole hanno lavorato vigorosamente per affrontare le disparità razziali per decenni ma non hanno visto costantemente il frutto che i nostri studenti di colore meritano'.

'La voce e la difesa degli studenti sono importanti per noi', ha detto McKeever Teen Vogue in una dichiarazione. 'Soprattutto alla luce della minaccia razzista della scorsa settimana rivolta ai nostri studenti afroamericani e latini, è naturale che i nostri leader della Black Student Union vorrebbero alzare la voce'.

Un segno della sciopero di lunedì.

Immagini Loc
Annuncio pubblicitario

'Le nostre scuole hanno lavorato vigorosamente per affrontare le disparità razziali per decenni, ma non hanno costantemente visto il frutto che i nostri studenti di colore meritano (che andrebbe a beneficio di tutti nella nostra comunità'), ha continuato McKeever. Ha detto che le sessioni tenute questo inverno avevano lo scopo di 'aiutarci a capire meglio cosa è e cosa non funziona per promuovere l'equità e quali passi possiamo fare per vedere i progressi che i nostri studenti meritano'.

Ha sottolineato come sono in corso miglioramenti della sicurezza della scuola, in che modo la scuola ha collaborato con le organizzazioni locali per esaminare la 'dura storia' del razzismo e che la classe di storia afroamericana della scuola ora consente agli studenti di guadagnare crediti onorifici, affermando che BSU avvicinato alle scuole con l'idea dello scorso autunno. 'È un'ottima idea che si riflette ora nel programma di studi del prossimo anno', ha affermato McKeever.

Il successo che BSU sta già avendo nel cambiare il modo in cui le loro scuole gestiscono la corsa sarà un progetto in corso, e la sciopero di lunedì è solo un passo nella giusta direzione.

'Quando hai marce o proteste, è la visibilità, questo è il nostro obiettivo', dice Zyahna Teen Vogue. 'Penso che l'obiettivo sia stato sicuramente raggiunto'. Ora, dice, l'obiettivo è quello di continuare questo lavoro per far sì che le scuole della città di Charlottesville soddisfino le richieste della BSU: 'Penso che lo sciopero sia stato buono, ma c'è sicuramente una differenza tra organizzazione e mobilitazione. Avere persone che si uniscono e occupano spazio non è dove ci fermiamo '.

https://twitter.com/ZyahnaB/status/1110558865307914240

'Abbiamo ritenuto che fosse importante utilizzare questo tempo per spostare sostanzialmente lo slancio', afferma, aggiungendo che il gruppo voleva 'ampliare la conversazione' al fine di aiutare le persone a capire che esistono strutture reali che consentono alle persone di siate audaci online, sui social media e continuate a dire queste cose razziste e suprematiste bianche '.

écouteurs choc oreilles

La BSU vuole coinvolgere le persone che si sono presentate alla sciopero per convincerli a partecipare a quelle che Zyahna chiama 'azioni dirette quotidiane', come presentarsi alle riunioni del consiglio scolastico e inviare e-mail per fare pressione sulla scuola per soddisfare le esigenze dell'organizzazione.

Vuole che le persone che non possono essere direttamente coinvolte portino via tre cose dalla sciopero di lunedì e da questo lavoro in corso: 'Uno, che stiamo ancora combattendo la supremazia bianca in tutte le sue forme e ci aspettiamo che i nostri funzionari eletti facciano lo stesso. Due, che non ci sarà riconciliazione senza la ridistribuzione per gli studenti neri e marroni nelle scuole cittadine di Charlottesville e Charlottesville nel suo insieme. E tre, che dovremmo continuare ad avere queste più profonde conversazioni istituzionali e strutturali sul razzismo in modo da poter arrivare alle cause profonde di questi problemi di parole di cui continuiamo a parlare ', dice.

https://twitter.com/NayNichelle/status/1110331844099215361

'Spero che gli studenti di tutto il mondo che leggono del nostro sciopero siano incoraggiati e spero che continuino ad affrontare questi problemi', dice Teen Vogue. 'La BSU e gli studenti che si sono riuniti per lo sciopero e oltre continueranno a lavorare instancabilmente su questi temi e siamo aperti al feedback mentre andiamo avanti, ma continueremo sicuramente a spingere'.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: Come gli studenti di materia di colore stanno protestando contro il razzismo nella cultura etica Fieldston School