Un guatemalteco di 16 anni è l'ultimo immigrato minorenne a morire in custodia negli Stati Uniti

Politica

Un guatemalteco di 16 anni è l'ultimo immigrato minorenne a morire in custodia negli Stati Uniti

L'adolescente è il quinto minore a morire sotto la custodia degli Stati Uniti da dicembre.

20 maggio 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
John Moore / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Un sedicenne del Guatemala è l'ultimo minorenne a morire in custodia doganale e di protezione delle frontiere (CBP) degli Stati Uniti, annunciato il CBP lunedì 20 maggio. Secondo l'agenzia che sovrintende alla pattuglia di frontiera, l'adolescente è stato arrestato da Border Agenti di pattuglia il 13 maggio e processati vicino a Hidalgo, in Texas, prima di essere inviato domenica in una stazione di pattuglia di confine vicino alla punta meridionale del Texas.

CBP ha scritto che l'adolescente è stato trovato non rispondente durante un controllo del benessere lunedì. L'agenzia ha detto che non avrebbe rivelato la sua identità, che la sua causa di morte è attualmente sconosciuta e che l'Ufficio di responsabilità professionale del CBP ha avviato una revisione.

'Gli uomini e le donne della protezione doganale e delle frontiere degli Stati Uniti sono rattristati dalla tragica perdita di questo giovane uomo e le nostre condoglianze sono con la sua famiglia', ha dichiarato il commissario della CBP John Sanders in una nota. 'Il CBP è impegnato nella salute, sicurezza e trattamento umano di coloro che sono sotto la nostra custodia'.

crème pop bouton

Come notato da NBC News, l'adolescente è il quinto bambino migrante a morire sotto la custodia degli Stati Uniti da dicembre, tutti e cinque provenivano dal Guatemala: Jakelin Caal Maquin, 7 anni, è deceduto per un'infezione batterica durante la custodia della CBP a dicembre; Felipe Gomez Alonzo, 8 anni, potrebbe aver avuto l'influenza quando è morto sotto la custodia del CBP alla vigilia di Natale; Juan de Leon Gutierrez, 16 anni, è deceduto il 30 aprile nella custodia del Dipartimento di salute e servizi umani, dopo aver lasciato la sua casa in Guatemala a causa degli impatti agricoli dei cambiamenti climatici, Tempo segnalati. E il 14 maggio, un bambino non identificato, di due anni e mezzo, è morto sotto la custodia del CBP dopo diverse settimane in ospedale, secondo Il Washington Post.

Secondo i dati del CBP, i guatemaltechi sono il gruppo nazionale con il maggior numero di apprensioni di frontiera per bambini non accompagnati da unità familiari. Mentre la violenza di gruppo è stata a lungo vista come una ragione per cui i migranti guatemaltechi emigrano, a settembre il CBP ha affermato che crede che una grave siccità e funghi che infettano le colture di caffè del paese stanno alimentando la migrazione delle famiglie indigene dalle regioni occidentali del paese. Numerose relazioni degli ultimi mesi hanno collegato tale siccità ai cambiamenti climatici.

In una dichiarazione riguardante la morte più recente, il gruppo per i diritti umani Amnesty International ha criticato la condizione in cui gli Stati Uniti trattengono i migranti.

'È pericoloso e crudele detenere le persone, in particolare i bambini, in condizioni affollate e poco igieniche per cercare protezione', ha dichiarato il responsabile delle campagne tattiche di Amnesty International Ashley Houghton. 'L'amministrazione deve rispettare i diritti umani ponendo fine alla detenzione di minori'.

Anche gruppi per i diritti umani come Human Rights Watch hanno criticato le condizioni di detenzione, in particolare l'uso di 'cervello curativo'(o' ghiacciaie '), un nome usato dai detenuti che si riferisce a quanto spesso vengono mantenute le strutture.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: La pattuglia di frontiera ha arrestato un cittadino americano di 9 anni per oltre un giorno mentre andava a scuola