6 attivisti del clima giovanile spiegano il loro sciopero climatico del 6 dicembre

Politica

6 attivisti del clima giovanile spiegano il loro sciopero climatico del 6 dicembre

'Questi scioperi sono una dimostrazione del crescente potere dei giovani'.

6 dicembre 2019
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Nicolo Campo / LightRocket / Getty Images
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest

Venerdì mattina Mona Abhari si dirige al Campidoglio dello Stato dello Iowa, a Des Moines.

Il 23enne palestinese-americano dovrebbe essere raggiunto da centinaia di studenti e lavoratori che colpiscono in tutto il paese, chiedendo ai rappresentanti locali di appoggiare il New Deal verde, proposto una legislazione per combattere i cambiamenti climatici.

La protesta di Des Moines è una delle dozzine di scioperi climatici il 6 dicembre gestiti da Sunrise Movement, Earth Guardians, Youth vs Apocalypse, Earth Uprising e Youth Climate Strike Coalition - tutte operazioni di base, tra cui giovani che lottano per fermare il cambiamento climatico.

https://twitter.com/sunrisemvmt/status/1202664686270873600

'Protesto perché persone come me sono sproporzionatamente colpite dalle carenze dei cambiamenti climatici', ha affermato Abhari, che funge da compagno di campo nel capitolo Sunrise del suo stato. 'Non posso fidarmi dell'establishment politico, che è stato addormentato al timone, per lottare per il mio futuro o il mio benessere'.

Sunrise Movement è un convinto sostenitore del New Deal verde e utilizza la sua piattaforma per supportare i funzionari eletti che lo sostengono, oltre a esercitare pressioni pubbliche su coloro che sono contrari. L'anno scorso, il gruppo era dietro il sit-in nell'ufficio di Nancy Pelosi a cui si unì Alexandria Ocasio-Cortez. In particolare, Bernie Sanders è il principale sostenitore del Green New Deal tra i candidati presidenziali del 2020, secondo la scorecard presidenziale dell'organizzazione.

Man mano che il venerdì avanza, sempre più scioperi e sit-in negli uffici dei rappresentanti locali compaiono in tutto il paese, alcuni dei quali hanno ancora dettagli nascosti al momento della pubblicazione.

Abbiamo incontrato sei attivisti giovanili (di età compresa tra 16 e 25 anni) di vari gruppi di azione sui cambiamenti climatici in tutto il paese che stanno colpendo oggi. Abbiamo chiesto loro come sono stati coinvolti e cosa significa l'attivismo per loro. Ecco cosa avevano da dire.

Le risposte sono state modificate per chiarezza e lunghezza.

Sono Ameli Hajebi, 17 anni

Organizzazione: Sunrise Massachusetts Protestare dentro: Boston, Massachusetts

quel est le meilleur produit pour l'acné

Sono stato coinvolto in Sunrise nell'estate del 2018. Inizialmente mi sono unito al movimento perché mi occupavo dei cambiamenti climatici, ma sono rimasto a causa della comunità che abbiamo costruito e delle relazioni.

Ho vissuto in Iran fino a otto anni fa, in una delle città più inquinate del mondo, Teheran. Non potevo immaginare che i giovani avessero alcun potere sulla politica lì. Ma qui, stiamo cambiando questa dinamica: questi scioperi sono una dimostrazione del crescente potere dei giovani. Stiamo colpendo come la generazione del New Deal verde. Ognuno di noi crede in questa visione.

Annuncio pubblicitario

Crediamo in un futuro in cui le comunità a basso reddito e le comunità di colore non debbano preoccuparsi di perdere le loro case a causa di una crisi del tutto evitabile. Crediamo in un futuro in cui tutte le persone abbiano l'opportunità di avere un lavoro valido e significativo, trasformando i nostri sistemi alimentari, di trasporto e energetici in modo che siano rinnovabili e sostenibili al 100%. Crediamo in un futuro in cui l'assistenza sanitaria è accessibile a tutte le persone. È tutto interconnesso.

Mona Abhari, 23 anni

Organizzazione: Sunrise Movement Iowa Protestare dentro: Des Moines, Iowa

A marzo, mi sono imbattuto in un fumetto che ha riguardato il primo sit-in di Sunrise nell'ufficio di Nancy Pelosi. Leggere del sit-in e dell'esperienza degli attivisti non è stato solo stimolante e potente, ma mi ha permesso di vedere che ero in grado di agire da solo sul cambiamento climatico. Ho bisogno di agire e interrompere gli affari come al solito in modo che la mia voce possa essere ascoltata, e così coloro che sono al potere possono capire che devono fare un passo avanti o farsi da parte di fronte alla crisi climatica.

La lotta per un New Deal verde non è affatto lontana, è appena iniziata. La protesta di venerdì è solo uno dei tanti tentativi di inviare un messaggio ai nostri funzionari eletti che il cambiamento sta arrivando. L'attivismo non è un atto eroico, ma invece uno sforzo necessario e vulnerabile per investire in coloro che ci circondano. Facciamo più cose insieme che da sole.

colombe cameron robe noire
Steven Marquardt, 25 anni

Organizzazione: Sunrise Movement California Protestare dentro: Chico, California

Dopo essere fuggito dall'uragano Irma nel 2017 e dopo essere stato direttamente colpito dall'incendio del campo un anno dopo, avevo paura. Sono stato coinvolto per la prima volta in Sunrise, a febbraio, come un modo per trasformare la mia paura nell'affrontare in modo significativo la crisi climatica.

La protesta di venerdì è importante per me per molte ragioni. È un'opportunità entusiasmante per costruire una comunità e coinvolgere i cechi in discussioni significative sulla crisi climatica. È anche una dimostrazione della forza e della capacità del nostro hub. La protesta di venerdì è importante perché è il prossimo passo per costruire il potere popolare necessario per trasformare veramente questo Paese. Politicamente, è importante perché stiamo dimostrando che la nostra generazione si sta unendo dietro un New Deal verde.

Per l'hub di Chico, spero che gli eventi di venerdì aumentino la fiducia dei nostri nuovi membri dell'hub. Spero che gli eventi di venerdì dimostrino che queste proteste e il movimento che stanno costruendo il movimento Sunrise e altri sono politicamente strategici e moralmente necessari.

Marlow Baines, 17

Organizzazione: Guardiani della TerraProtestare dentro: Denver, Colorado

Da febbraio, ho costantemente organizzato e organizzato scioperi nella zona di Boulder / Denver. Il mio lavoro con i Guardiani della Terra è iniziato nel 2016, dopo che mi sono reso conto che tutti possono essere attivisti. Tutti noi abbiamo un ruolo da svolgere in questo con le nostre diverse passioni e competenze.

Stiamo colpendo in Colorado perché c'è un assalto di estrazione di gas naturale all'interno dello stato, che influisce sulla nostra qualità dell'aria e sulla salute e stiamo cercando un mondo migliore. Come popolo, siamo potenti e non c'è nessuno che ci fermi nella costruzione di un mondo migliore - uno che sia più giusto e sostenibile.

Ritvik Janamsetty, 16 anni

organizzazioni: Rivolta della Terra e Rivolta di sciopero del clima giovanileProtestare dentro: Las Vegas

Il mio ruolo principale per questo sciopero è di essere il presidente dei media giovanili degli Stati Uniti per la Youth Climate Strike Coalition, una coalizione che include le principali organizzazioni per il clima giovanile negli Stati Uniti, inclusa la Rivolta della Terra.

Da molto prima di unirmi agli scioperi climatici, ero interessato a combattere la crisi climatica come scienziato e ingegnere. Mi sono allontanato dall'attivismo perché avevo sempre paura di essere vulnerabile in pubblico. Tuttavia, sono stato in grado di raccogliere il coraggio di partecipare alla mia prima protesta dopo aver sentito parlare di Greta Thunberg alla COP24 e Alexandria Villasenor attraverso Il Washington Post articolo - persone della stessa età o più giovani - che scendono in strada.

Annuncio pubblicitario

Lo sciopero di questo venerdì dimostra che non siamo un movimento unico, ma una forza sociale maggiore che esige i nostri diritti per un futuro vivibile. Stiamo dimostrando loro che gli scioperi del 20 settembre non sono l'apice, ma piuttosto l'azione nascente nella saga. Tutti noi giovani ci stiamo mobilitando contro le persone al potere perché sono in gioco le nostre vite.

Sweet C. Arias, 18 anni

Organizzazione: Youth v ApocalypseProtestare dentro: San Francisco, California

Colpisco con Youth v Apocalypse e il mio ruolo nella protesta di venerdì è che faccio parte dell'organizzazione. Ho fatto grafica, sensibilizzazione e chiamate dei partner. Durante lo sciopero, realizzerò i social media, reciterò il canto e qualsiasi tipo di lavoro che deve essere fatto per assicurarsi che tutto funzioni senza intoppi.

A scuola, ho appreso gli effetti del cambiamento climatico e quelli responsabili di esso. Sapevo che dovevo fare qualcosa, ma da giovane non sapevo quando o come iniziare. Dopo aver visto il Youth V Gov documentario sulla causa di Youth vs Government, mi sono ispirato a iniziare a organizzare e ad agire. Ho organizzato il mio primo sciopero il 15 marzo dell'anno scorso.

Colpirò perché mettere a profitto la vita delle persone e della natura è sbagliato. Colpirò perché sono un immigrato e mi rifiuto di permettere alle aziende di trarre profitto dal suffragio di persone come me.

Vuoi di più da Teen Vogue? Controllalo: 5 modi in cui l'attivismo climatico potrebbe renderti più felice