21 Under 21: Amika George è qui per ricordarti che i periodi non sono lordi

Stile di vita

21 Under 21: Amika George è qui per ricordarti che i periodi non sono lordi

Ma spera un giorno di non doverlo fare.

5 novembre 2018
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
  • Facebook
  • cinguettio
  • Pinterest
Opera: Jessica Holmes, foto: fornita per soggetto

Amika George fa parte di Teen Vogue's 21 Classe Under 21 del 2018, che mette in luce straordinarie giovani donne, ragazze e donne che fanno onde nelle loro industrie o passioni di scelta.

Billie Eilish face

Quando Amika George ha lanciato #FreePeriods, mirava a ottenere solo 10 firme in una petizione che chiedeva al primo ministro Theresa May di dare a tutte le ragazze che hanno diritto al pranzo gratuito anche nel Regno Unito prodotti mestruali gratuiti. Non sapeva che nel giro di poche settimane la petizione avrebbe avuto circa 2.000 firme e poco più di un anno dopo il conteggio delle firme si sarebbe avvicinato a 200.000.

'Mi sono sentito abbastanza solo nel pensare che ero solo io a preoccuparmi di questo', dice Amika Teen Vogue. 'Vedere tutte queste persone riunirsi ... ha davvero rafforzato il fatto che è un grosso problema che la maggior parte delle persone, se ne sentono parlare, la stragrande maggioranza vorrebbe aiutare a risolverlo. Per me, mi sembrava di far parte di una grande comunità di persone che erano appassionate di qualcosa e volevano cambiarlo '.

mauvais maquillage

Amika, 19 anni, è stata nominata per Teen VogueSono 21 under 21, dall'attore Emma Watson per il suo straordinario lavoro sull'uguaglianza mestruale. Mentre i suoi successi si accumulano, Amika afferma di essere la prova vivente di quanto i giovani sono in grado di fare.

Amika ha avviato #FreePeriods nell'aprile 2017 con l'obiettivo di prendere provvedimenti a lungo termine per garantire che tutti coloro che hanno bisogno di prodotti mestruali nel Regno Unito li abbiano. Ha iniziato l'iniziativa dopo aver appreso che i giovani nel Regno Unito e in tutto il mondo sono costretti a perdere la scuola perché non hanno nulla per catturare il loro flusso mestruale. Ha imparato che in alcuni casi i giovani lavano i tessuti o usano le strisce di magliette al posto dei prodotti mestruali nella speranza di poter andare a scuola proprio come i non mestruatori.

Oltre alla sua petizione, la North Londoner ha anche organizzato una protesta nel dicembre 2017 che ha portato in piazza oltre 2.000 persone per lottare per l'uguaglianza del periodo. Gran parte del supporto per la sua campagna è arrivato dai social media, ha dichiarato Amika, motivo per cui ritiene che le piattaforme online siano cruciali per il successo dei giovani.

'Crescendo in un'era più digitale, ci siamo resi conto ... che da adolescente puoi suscitare cambiamenti politici e avere un impatto sul mondo', afferma Amika. 'Purtroppo è un nuovo concetto, ma ci sono esempi in tutto il mondo di giovani che si battono per le cose in cui credono. Penso che sicuramente continuerà'.

In altri 19 anni, quando raddoppia la sua età attuale, Amika dice che spera che credere nei giovani sia la norma. Un'altra cosa che spera sia diversa? Peccato per il periodo.

'Mi piacerebbe pensare che l'idea dell'imbarazzo e della vergogna (sui periodi spariranno). Penso che stiamo andando avanti adesso ', dice Amika. 'Le persone stanno iniziando a mettere in discussione questa idea che le mestruazioni sono disgustose'.

Lasciaci scivolare nei tuoi DM. Iscriviti al Teen Vogue email giornaliera.

couleur de cheveux rouge ariana

Ottieni Teen Vogue Take. Iscriviti al Teen Vogue email settimanale.